salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 10 agosto 2018

Fiamme Azzurre da applausi: medaglie e pass per Tokyo 2020

Momento di gloria per il gruppo sportivo Fiamme Azzurre, protagonista a livello internazionale a suon di successi e di medaglie conquistate.

Nel ciclismo su pista, da applausi l’impresa di Francesco Lamon: il corridore veneto si aggiudica l’oro nell’inseguimento agli Europei di Glasgow. Di livello anche la prova di Letizia Paternoster, nella gara femminile: la giovanissima trentina, classe ’99, centra l’argento e va ad arricchire il suo già ricco palmares. Le ottime performances dei due ciclisti, reclutati con l’ultimo concorso per atleti, vengono ulteriormente impreziosite dall’aver garantito al movimento azzurro, in virtù dei risultati conseguiti, la partecipazione ai Giochi Olimpici in programma a Tokyo nel 2020 anche nelle altre specialità dell’endurance su pista, ovvero madison, scratch e corsa a punti. Il dominio delle Fiamme si estende pure al ciclismo su strada: Marta Bastianelli si è laureata campionessa europea nella prova in linea, sostenuta nell’azione che l’ha portata al successo dalla collega della Polizia Penitenziaria Elena Cecchini, ottima quarta al termine di una corsa di sacrificio. 
 
Il Tiro a volo, invece, regala una storica doppietta: a Leobersdorf, Giovanni Pellielo si è aggiudicato l’oro sia con la squadra di fossa olimpica (specialità in cui è stata introdotta la formula del tabellone a eliminazione diretta) sia nel Mixed Team, quest’ultima recentemente diventata disciplina a cinque cerchi. Due medaglie che segnano un ulteriore progresso lungo il percorso di una carriera straordinaria, al cui interno troviamo sette partecipazioni olimpiche, arricchite da quattro medaglie ai Giochi, senza dimenticare il record assoluto di quattro titoli mondiali in carriera.
 
Bene anche Giorgio Malan nel pentathlon, decisivo nella conquista del bronzo italiano ai Mondiali juniores di Kladno grazie alla migliore classifica individuale del terzetto azzurro salito sul podio nonostante i suoi 18 anni che gli permettono, peraltro, di gareggiare anche nella categoria under 19, nella quale di recente ha ottenuto il titolo europeo. Splendida, infine, l’impresa compiuta da Giorgio Farroni ai Mondiali di paraciclismo tenutisi a Maniago (PN), con il doppio titolo iridato nella cronometro e nella gara in linea.
 
[GR]