salta al contenuto

www.giustizia.it

giovedì 8 settembre 2011

Depenalizzazione e carceri:
la lectio brevis del guardasigilli

Ministro Palma e studenti Summer School

Frascati (Rm). L’incontro con gli studenti della Summer School ha consentito al ministro della giustizia Nitto Francesco Palma di confrontarsi con i giovani ed esporre loro alcune delle tematiche relative al pianeta giustizia. Tra gli argomenti più importanti e di sicuro impatto, la depenalizzazione. “Sono convinto – afferma il ministro – che la strada della depenalizzazione debba essere percorsa nella maniera più rapida possibile. L’ingolfamento delle procure e dei tribunali ha tolto energie all’esercizio della giurisdizione per un verso e al controllo di legalità per un altro".

"Il pensiero – prosegue il guardasigilli - è quello che da circa quindici anni affatica la dottrina e che fa riferimento al così detto 'diritto penale minimo'. Dato che il reato penale è una cosa seria noi possiamo muovere la leva del processo penale, che ha un costo, solo in presenza di fatti che abbiano una certa rilevanza".

Per quanto riguarda invece la condizione dei detenuti, il ministro Palma riferisce come “la situazione delle carceri sia davvero drammatica”. “Mi auguro, - prosegue - che quanto prima in parlamento si possa svolgere una sessione sull'argomento. Siamo al limite del sovraffollamento, con strutture obsolete e fatiscenti”. Al termine del discorso il guardasigilli ha risposto ad alcune interessanti domande degli studenti e scattato alcune foto con loro.

 

[FU]