salta al contenuto

www.giustizia.it

mercoledì 3 agosto 2011

CdM: ok definitivo al Codice antimafia
Palma: accolti i desiderata del Parlamento

I ministri Nitto Palma e Roberto Maroni

Palazzo Chigi. Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il decreto legislativo recante Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonchè nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge n. 136 del 2010, proposto dai ministri della Giustizia e dell'Interno. Nel provvedimento, che rientra nell'ambito del Piano straordinario contro le mafie varato dal Governo nel gennaio 2010, sono state accolte 11 proposte avanzate dal comitato per il coordinamento e dalle varie commissioni parlamentari, che hanno modificato il testo del dlgs approvato dal CdM il 9 giugno scorso. "Siamo venuti molto incontro ai desiderata del Parlamento, in linea con l'unitarietà che c'è sempre stata in Parlamento sul contrasto alla criminalità", ha commentato il ministro della Giustizia Nitto Palma nel corso della conferenza stampa svolta al termine della riunione di governo insieme al ministro dell'Interno Roberto Maroni.

Fra le modifiche accolte, lo stralcio dei primi 10 articoli che riguardavano norme penali e sostanziali: "Aspettiamo l'entrata in vigore del Codice Antimafia, a settembre, per poi varare ddl che conterranno i 10 articoli oggetto di stralcio", assicura il guardasigilli. Palma ha voluto infine ricordare che "il lavoro a monte del Codice Antimafia è stato tutto di Roberto Maroni e Angelino Alfano a cui vanno i miei ringraziamenti".

 

[FEA]