salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 21 marzo 2011

Mediazione civile: da oggi obbligatoria
Conferenza stampa Alfano a Palazzo Chigi

Il ministro della Giustizia Angelino Alfano

La mediazione nelle cause civili diventa realtà. Da oggi, infatti, diviene obbligatorio il tentativo di mediazione fra le parti nelle liti in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari. Il procedimento di mediazione non potrà durare più di quattro mesi.

Il ministro Angelino Alfano, parlando del nuovo istituto, ha più volte ribadito: "Facciamo un grande investimento sulla mediazione civile perchè riteniamo sia il mezzo più moderno ed efficace di risoluzione delle controversie oltre che uno strumento fondamentale per migliorare il servizio giustizia. La giustizia non può correre con lo zaino di piombo di 5 milioni di processi arretrati", aveva sottolineato il guardasigilli.

Un mese fa, Confederazioni imprenditoriali, Ordini professionali e Unioncamere hanno sottoscritto un documento, indirizzato al ministro Alfano, perché la riforma avesse immediatamente efficacia e non venisse vanificato un così importante sforzo innovatore perseguito dal Governo.

In tre anni, il Governo ha messo in campo un grande sforzo riformatore nel settore civile: per modificare e velocizzare l'iter del processo, per creare misure alternative delle controversie e per varare un Piano straordinario per la digitalizzazione della giustizia e l'abbattimento dei tempi del processo civile e la rilevante mole dei giudizi arretrati.

Al termine del Consiglio dei Ministri convocato questa mattina alle ore 10:30 per fare il punto sulla crisi libica, conferenza stampa del guardasigilli sull'importanza del nuovo istituto che, stima il ministero, servirà a smaltire oltre 600mila processi l'anno.

 

[MB]