salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 19 giugno 2017

Onu: Orlando a New York il 19 e 20 giugno
Dibattito su Convenzione Palermo e memoria Falcone

New York. Il ministro della giustizia Andrea Orlando commemora Giovanni Falcone in apertura del Dibattito Onu sulla criminalità organizzata transnazionale New York. Il ministro della giustizia Andrea Orlando commemora Giovanni Falcone in apertura del Dibattito Onu sulla criminalità organizzata transnazionale

New York. Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando rappresenta l’Italia al Dibattito di Alto livello sulla Criminalità Organizzata transnazionale che si svolge oggi a New York e, in apertura dei lavori, effettua un intervento in commemorazione di Giovanni Falcone, grazie al cui impegno e attività l’Italia è stato il Paese che fin dall’inizio ha più contribuito alla elaborazione e successiva approvazione della Convenzione di Palermo sulla criminalità organizzata transnazionale.

 


Il dibattito è organizzato dal Presidente dell’Assemblea Generale, in collaborazione con UNODC, l’ufficio delle Nazioni Unite che si occupa di criminalità e lotta al traffico di droga, ed è incentrato sull’attuazione della Convenzione fortemente sostenuta dall’Italia.

Lo scopo della riunione è quello di analizzare le nuove sfide poste dalla criminalità organizzata, per quanto riguarda il traffico di persone e di armi e il riciclaggio di denaro e di valutarne l’impatto sul modello di sviluppo sostenibile prefigurato dall’Agenda 2030.

L’Italia, in collaborazione con altri paesi, in particolare la Francia, si è fatta da tempo promotrice di una serie di iniziative volte a sostenere la realizzazione di un meccanismo di revisione della Convenzione che ne consenta un pieno utilizzo nella lotta ai più gravi fenomeni criminali come il traffico di migranti e il terrorismo e favorisca l’affermazione dello Stato di Diritto a livello nazionale ed internazionale. L’incontro del 19 giugno costituisce un’importante occasione per dare l’impulso definitivo all’approvazione di tale meccanismo.

A margine della riunione il ministro Orlando incontra i rappresentanti di alcuni paesi partecipanti (Russia, Messico, Thailandia) e il presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite Peter Thomson.

Domani, il Guardasigilli incontra nella sede del Consolato Generale d’Italia esponenti della collettività italiana ed in particolare giuristi, avvocati e funzionari italiani delle Organizzazioni internazionali, per parlare sui temi della giustizia penale e civile in Italia e della cooperazione internazionale in tema di lotta al crimine organizzato e al terrorismo.