salta al contenuto

www.giustizia.it

martedì 28 novembre 2006

RIFORMA ORDINAMENTO GIUDIZIARIO: CONCLUSI LAVORI MINISTERIALI
MASTELLA ILLUSTRA LE LINEE GUIDA DEL SUO PROGETTO

Rafforzamento del ruolo del Csm, abbandono del sistema dei concorsi introdotti dalla legge Castelli, distinzioni delle funzioni dei magistrati ma senza alcun impedimento per il passaggio dall'una all'altra. Sono questi alcuni dei punti cardine del nuovo ordinamento giudiziario messo a punto dagli uffici ministeriali.

Il ministero della Giustizia, su indicazione del Guardasigilli Clemente Mastella, ha infatti concluso il lavoro sui contenuti della riforma, con interventi sui meccanismi di accesso alla magistratura, sulla carriera e sulla valutazione dei magistrati, ma anche sugli aspetti che non sono stati interessati dal disegno di legge Mastella che ha sospeso le norme varate nella precedente legislatura.

Sono state già programmate le consultazioni con le istituzioni e le associazioni interessate, per un confronto serrato che dovrà, in tempi rapidi, approdare alla valutazione del Parlamento.