salta al contenuto

www.giustizia.it

giovedì 4 maggio 2006

LA CORTE COSTITUZIONALE DECIDE: LA GRAZIA E' ATTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

La Corte Costituzionale ha deciso il ricorso presentato il 10 giugno scorso dal Presidente della Repubblica sul conflitto tra poteri dello stato: "Non spettava al ministro della giustizia impedire la prosecuzione del procedimento volto alla concessione della grazia ad Ovidio Bompressi". Il ministro Castelli dichiara "Finalmente è stata fatta chiarezza" e oggi ne parla in due interviste rilasciate a il Giornale e a la Repubblica.