salta al contenuto

www.giustizia.it

martedì 3 novembre 2015

Giustizia: Orlando e Roberti in Messico
Contro mafie e terrorismo, cooperazione fattore decisivo

Città del Messico. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando e la Procuradora general messicana Arely Gomez. Città del Messico. Il guardasigilli Andrea Orlando, il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti e la procuradora general del Messico Arely Gomez partecipano al seminario sullo scambio di esperienze nel.la lotta contro le organizzazioni criminali e il riciclaggio di denaro.

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando e il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti sono in missione a Città del Messico per una serie di incontri con le istituzioni messicane allo scopo di consolidare la cooperazione giudiziaria tra i due Paesi.

In particolare, Orlando e Roberti partecipano oggi pomeriggio a un seminario internazionale sullo scambio di esperienze nella lotta contro le organizzazioni malavitose e il riciclaggio di denaro. Il guardasigilli e il procuratore antimafia illustrano l’esperienza italiana per contrastare il narcotraffico transnazionale sia sul versante normativo che su quello operativo e approfondiscono i temi legati alla gestione dei collaboratori di giustizia, alla confisca dei beni della criminalità organizzata, al carcere duro per i mafiosi, alla lotta al riciclaggio, ai sequestri e alla tratta di esseri umani.

Orlando e Roberti incontreranno anche la procuradora general del Messico Arely Gomez al fine di rafforzare la collaborazione nel contrasto alle reti internazionali del crimine.

Nell'agenda del ministro sono previsti inoltre incontri bilaterali con il presidente della Camera dei deputati José de Jesus Zambrano Grijalva, il presidente della Commissione nazionale dei diritti umani Luis Raul Gonzalez Perez, il presidente della Corte di giustizia messicana Luis Maria Aguilar Morales e il secretario de Gobernación Miguel Angel Osorio Chong.

Come accaduto nei mesi scorsi a Francoforte, New York e Londra con lo scopo di promuovere investimenti esteri, la visita del guardasigilli si completerà di riunioni con fondi di investimento e studi legali internazionali nelle quali verranno illustrati i lavori di riforma della giustizia civile, recentemente elogiati e promossi dalla Banca mondiale e dal rapporto Doing Business.