salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 13 luglio 2015

Orlando a Londra per road show civile
Ft: riforme giustizia per attrarre investimenti

Londra. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando e l'ambasciatore italiano a Londra Pasquale Terracciano davanti alla sede della Law Society Londra. Il guardasigilli Andrea Orlando illustra la riforma della giustizia civile italiana davanti alla Law Society

Londra. Terza tappa del road show sulla giustizia per Andrea Orlando. Dopo Francoforte e New York, il guardasigilli è oggi nella City per illustrare i punti salienti della riforma del settore civile a manager, banchieri, avvocati e investitori della più grande piazza finanziaria europea.

Presso la Law Society, il ministro incontra nel primo pomeriggio i rappresentanti di banche d’affari e fondi di investimento internazionali per presentare il complesso delle norme varate dal Governo per rendere più efficiente il sistema della giustizia civile e, al contempo, più attraente il nostro Paese per gli investitori stranieri. "Ci siamo resi conto che quanti entrano in contatto con un sistema come quello italiano potrebbero spaventarsi e fuggire", spiega Orlando alla vigilia della partenza a James Politi, corrispondente a Roma del Financial Times, in un articolo anticipato ieri online e oggi pubblicato a pag. 4 del prestigioso quotidiano economico britannico. "Ma ora possono stare tranquilli: ci sono tribunali per il loro settore in grado di garantire tempi più veloci della media", sottolinea il guardasigilli parlando dei tribunali per le imprese e della corsia privilegiata riservata agli investitori stranieri per garantire risposte più rapide al contenzioso del mondo del business.

Tra i risultati che Ft evidenzia, il calo delle cause civili pendenti, passate da un picco di 6 milioni nel 2009 ai 4,5 milioni stimati per quest'anno, e gli apprezzamenti che la riforma messa in campo dal Governo ha ottenuto da importanti organismi internazionali come il Fondo Monetario Internazionale.

Alla presentazione dei risultati della riforma è dedicato anche il secondo importante impegno del viaggio a Londra del ministro Orlando che, nel pomeriggio, presso il Ministero della Giustizia, incontra il neo Segretario di stato per la Giustizia del Regno Unito Michael Gove.

 

[MB]