ARCHIVIO - Buone pratiche nell'esecuzione penale - Regione Puglia

  • Abitanti - 4.084.035
  • Comuni - 258
  • Province - 6
  • Istituti di pena - 12
  • Uffici esecuzione penale esterna e sedi distaccate - 4+1
  • Detenuti al 30/11/2010 (F/M) - 4.844
  • Persone sottoposte a misure alternative, di sicurezza e sanzioni sostitutive al 30/11/2010 (F/M) - 1.337

Il 14 settembre 2012 è stato firmato un Accordo operativo tra la Regione Puglia, rappresentata dal Presidente on. Nichi Vendola, e il Provveditorato dell'Amministrazione Penitenziaria della Puglia rappresentato, dal Provveditore dott. Giuseppe Martone.

L'Accordo operativo, facendo riferimento agli impegni assunti con il Protocollo d'Intesa sottoscritto nell'anno 2008 e l'Accordo Interregionale 2010/2011, ha come oggetto l'individuazione di "linee di intervento per la programmazione di azioni d'inclusione sociale in favore dei soggetti sottoposti con provvedimento dell'Autorità giudiziaria a misure restrittive e/o limitative della libertà personale, misure la cui esecuzione sia competenza degli organi dell'Amministrazione Penitenziaria".

 

Interventi specifici rivolti a soggetti in esecuzione penale

  • I Intervento

Titolo intervento - ASSE III INCLUSIONE SOCIALE: AVVISO n. 3/2010 - 'Attività di formazione negli Istituti di Pena'
Soggetto attuatore - ENTI DI FORMAZIONE
Modalità di intervento - Avviso
Anno di realizzazione - 2010 - 2011 (in corso)
Estremi dei provvedimenti programmatori e attuativi - Determina Dirigenziale n.306/2010
Target - Detenuti adulti
Tipologia di attività - Servizi di formazione (collettivi)
Risorse - € 3.645.000,00
Fonte finanziaria - Risorse UE (FSE)
Destinatari coinvolti - 388 detenuti 

  • II Intervento

Titolo intervento - ASSE III INCLUSIONE SOCIALE: AVVISO n. 8/2010 - 'Attività di formazione negli Istituti Penali per i minorenni della Puglia'
Soggetto attuatore - ENTI DI FORMAZIONE
Modalità di intervento - Avviso
Anno di realizzazione - 2010 - 2011 (in corso)
Estremi dei provvedimenti programmatori e attuativi - Determina Dirigenziale n.2604/2010
Target - Detenuti minori - Minori in esecuzione penale esterna - Persone sottoposte a misure di sicurezza
Tipologia di attività -Servizi di formazione (collettivi)
Risorse - € 1.485.000,00
Fonte finanziaria - Risorse UE (FSE)
Destinatari coinvolti - 165 - numero detenuti e numero in esecuzione penale esterna da definire 

  • III Intervento

Titolo intervento - ASSE III INCLUSIONE SOCIALE: Avviso 'Attività di formazione per soggetti in esecuzione penale esterna'
Soggetto attuatore - ENTI DI FORMAZIONE
Modalità di intervento - Avviso
Estremi dei provvedimenti programmatori e attuativi - In fase di approvazione
Target – Adulti in esecuzione penale esterna
Tipologia di attività - Servizi di formazione (collettivi)
Risorse - da definire
Fonte finanziaria - Risorse UE (FSE) - Risorse regionali (da definire)

Altri interventi coinvolgenti soggetti in esecuzione penale ma non specificatamente rivolti a questo target

Titolo intervento - ASSE III INCLUSIONE SOCIALE AVVISO n. 5/2010 Sovvenzione Globale, denominata 'Piccoli sussidi'
Soggetto attuatore - Organismo Intermedioimprese sociali (definite dal D.L. n. 155 del 24/03/2006 e s.m.i.) associazioni di promozione sociale, cooperative sociali, associazioni di volontariato aventi il riconoscimento di Onlus che siano iscritte negli appositi registri regionali o nazionali, ONG, altri organismi di carattere privato senza scopo di lucro aventi il riconoscimento di Onlus, forme di partenariato locale che hanno tra le proprie finalità la lotta all' emarginazione attraverso l' inclusione sociale e lavorativa di soggetti svantaggiati
Modalità di intervento - Avviso
Estremi dei provvedimenti programmatori e attuativi - In fase di firma dell’accordo tra le Parti
Soggetti coinvolti - Detenuti adulti -  Detenuti minori - Adulti in esecuzione penale esterna - Minori in esecuzione penale esterna - Persone sottoposte a misure di sicurezza  -disoccupati giovani e adulti, non occupati giovani e adulti, donne, lavoratori iscritti alle liste di mobilità immigrati regolari e tutti i soggetti svantaggiati e a rischio di esclusione sociale così come definiti dall' art. 2, lettera k, del D. Lgs. n.276/2003 e s.m.i.
Tipologia di attività - Servizi di formazione (individuali o collettivi) - Servizi al lavoro - Work experience (tirocinio, stage, borsa lavoro) - Incentivi alle imprese
Risorse - € 6.000.000,00
Fonte finanziaria - Risorse UE (FSE)
Soggetti in esecuzione penale coinvolti - Area dello svantaggio (numero da definire)

  • Disposizioni normative ed accordi di riferimento

Istituti di concertazione regionale 
Collegamenti informali tra  politiche sociali e politiche del lavoro

Accordi con il Ministero della Giustizia
Protocollo d' intesa tra Ministero della Giustizia e Regione Puglia 'Problematiche connesse all’esecuzione penale e ai rischi di esclusione sociale delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale' sottoscritto in data 20/02/2008

D. G. R. n. 2249 del 26 ottobre 2010: ADESIONE AL PROGETTO INTERREGIONALE/TRANSNAZIONALE 'INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI PER L' INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA DEI SOGGETTI IN ESECUZIONE PENALE'

D. G. R. n. 1740 del 02/08/2011: Adesione al Protocollo d’intesa interregionale/transnazionale 'DICHIARAZIONE DI PROPOSITO DI COOPERAZIONE RELATIVA ALLA LOTTA CONTRO IL TRAFFICO DI ESSERI UMANI' tra la Romania (l'AMPOSDRU (Ministero del Lavoro)) e l'Italia con le AdG FSE Italiane (10 Regioni tra le quali la Puglia, il Ministero del Lavoro e il Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri)

Normativa regionale di riferimento
D.G.R. n. 1895 del 10 dicembre 2004 'Direttive agli organismi attuatori per lo svolgimento delle attività formative destinate alle persone sottoposte a misure privative o limitative della libertà personale'

D.G.R. n. 995 del 26 giugno 2007 'Problematiche connesse all'esecuzione penale e rischi di esclusione sociale delle persone sottoposte a provvedimenti restrittivi della libertà personale'

Piano Regionale delle Politiche Sociali 2009-2011, paragrafo 2.2.6 'Politiche per l' inclusione sociale di soggetti svantaggiati' e paragrafo 2.2.7 'Politiche di prevenzione del rischio di devianza minorile e di promozione per gli adolescenti e i giovani'.

aggiornamento: 15 dicembre 2011

Documenti