salta al contenuto

aggiornamento: 4 maggio 2015

English version

Auction fraud (questo è reato!)

Traduzione letterale: frode d'asta

Accordo di vendita e/o acquisto online di merce attraverso sistemi di pagamento elettronico o tradizionale (ad esempio: vaglia online, ricariche di carte di credito prepagate, trasferimento di denaro tramite agenzie specializzate).

L’atto illecito consiste nell’istruire la vittima sulle modalità di pagamento, parziale o totale dell’importo concordato, che dopo la procedura non riceverà il bene acquistato.

 

aspetti socio giuridici

Condotta criminale:

  • art. 640 c.p. (truffa)
  • art. 640 ter c.p. (frode informatica).

 

aspetti giuridici

La condotta potrebbe violare alcune norme giuridiche disciplinate dall’Ordinamento Giuridico Italiano, in particolare i delitti di cui agli articoli:

Art. 640 c.p. Truffa: “Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da € 51 a € 1.032. …”.

Il delitto in esame si configura mediante l’inganno col quale un soggetto è indotto a compiere un atto, determinando una diminuzione del suo patrimonio e al contempo un profitto ingiusto del soggetto agente. Il bene giuridico protetto con la disposizione in esame ex art. 640 c.p. è la tutela del patrimonio del singolo e della libertà dello stesso a prestare un valido consenso.

Art. 640 ter c.p. comma I, Frode informatica: “Chiunque alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da € 51 a € 1.032. …”.

L’art. 640 ter c.p. è diretto a reprimere le ipotesi di illecito arricchimento conseguito attraverso l’impiego fraudolento di un sistema informatico. La norma incriminatrice della frode informatica è volta alla tutela del patrimonio, della regolarità del funzionamento dei sistemi informatici e della riservatezza che deve accompagnare l’utilizzazione. (Fiandaca, Musco, Antolisei, Pagliara)

A differenza della truffa nella frode informatica manca l’induzione in errore.

 

altre informazioni

In questi ultimi anni l’FBI ha ricevuto un numero significativo di denunce riguardanti la vendita online di automobili. Nella maggior parte dei casi le organizzazioni criminali hanno tentato di vendere veicoli che non avevano a disposizione a prezzi inferiori al reale valore di mercato. Nel tentativo di truffare la vittima, i “venditori” si sono rifiutati di incontrare i potenziali acquirenti e di consentire le ispezioni dei veicoli e hanno comunicato che per motivi di lavoro o trasferimento in altro stato l’automobile doveva essere immediatamente venduta. La vittima, istruita sulle modalità di pagamento parziale o totale dell’importo concordato, una volta effettuato il bonifico non ha ricevuto il veicolo.

►Sitografia

http://www.ic3.gov/media/annualreport/2013_IC3Report.pdf

http://www.ic3.gov/preventiontips.aspx#item-1

 

vedi anche

Scam    

aggiornamento: 4 maggio 2015

English version

Auction fraud (questo è reato!)

Traduzione letterale: frode d'asta

Accordo di vendita e/o acquisto online di merce attraverso sistemi di pagamento elettronico o tradizionale (ad esempio: vaglia online, ricariche di carte di credito prepagate, trasferimento di denaro tramite agenzie specializzate).

L’atto illecito consiste nell’istruire la vittima sulle modalità di pagamento, parziale o totale dell’importo concordato, che dopo la procedura non riceverà il bene acquistato.

 

aspetti socio giuridici

Condotta criminale:

  • art. 640 c.p. (truffa)
  • art. 640 ter c.p. (frode informatica).

 

aspetti giuridici

La condotta potrebbe violare alcune norme giuridiche disciplinate dall’Ordinamento Giuridico Italiano, in particolare i delitti di cui agli articoli:

Art. 640 c.p. Truffa: “Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da € 51 a € 1.032. …”.

Il delitto in esame si configura mediante l’inganno col quale un soggetto è indotto a compiere un atto, determinando una diminuzione del suo patrimonio e al contempo un profitto ingiusto del soggetto agente. Il bene giuridico protetto con la disposizione in esame ex art. 640 c.p. è la tutela del patrimonio del singolo e della libertà dello stesso a prestare un valido consenso.

Art. 640 ter c.p. comma I, Frode informatica: “Chiunque alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da € 51 a € 1.032. …”.

L’art. 640 ter c.p. è diretto a reprimere le ipotesi di illecito arricchimento conseguito attraverso l’impiego fraudolento di un sistema informatico. La norma incriminatrice della frode informatica è volta alla tutela del patrimonio, della regolarità del funzionamento dei sistemi informatici e della riservatezza che deve accompagnare l’utilizzazione. (Fiandaca, Musco, Antolisei, Pagliara)

A differenza della truffa nella frode informatica manca l’induzione in errore.

 

altre informazioni

In questi ultimi anni l’FBI ha ricevuto un numero significativo di denunce riguardanti la vendita online di automobili. Nella maggior parte dei casi le organizzazioni criminali hanno tentato di vendere veicoli che non avevano a disposizione a prezzi inferiori al reale valore di mercato. Nel tentativo di truffare la vittima, i “venditori” si sono rifiutati di incontrare i potenziali acquirenti e di consentire le ispezioni dei veicoli e hanno comunicato che per motivi di lavoro o trasferimento in altro stato l’automobile doveva essere immediatamente venduta. La vittima, istruita sulle modalità di pagamento parziale o totale dell’importo concordato, una volta effettuato il bonifico non ha ricevuto il veicolo.

►Sitografia

http://www.ic3.gov/media/annualreport/2013_IC3Report.pdf

http://www.ic3.gov/preventiontips.aspx#item-1

 

vedi anche

Scam