salta al contenuto

Brexit - Informazione per gli uffici giudiziari

aggiornamento: 4 febbraio 2020

Recesso del Regno Unito dall’Unione europea (Brexit)

Dopo circa un anno e mezzo di lavoro tra i negoziatori conclusosi nel novembre 2018, tre proroghe e un supplemento di negoziati tra l’agosto e l’ottobre 2019, il 17-18 ottobre 2019 il Consiglio europeo ha dato il via libera all’accordo di recesso per l’uscita del Regno Unito dall’UE e approvato la Dichiarazione Politica sul quadro delle future relazioni.

In data 30 gennaio 2020, il Consiglio dell’UE ha adottato tramite procedura scritta la decisione relativa alla conclusione dell'accordo di recesso a nome dell'UE. L'adozione fa seguito al voto con cui il 29 gennaio il Parlamento europeo ha dato la sua approvazione e alla firma dell'accordo di recesso da parte dell'UE e del Regno Unito il 24 gennaio.

Dalla mezzanotte del 31 gennaio 2020, il Regno Unito ha cessato di essere uno Stato membro dell'UE ed è, quindi, divenuto un Paese terzo. Da tale data, in base all’accordo di recesso, è tuttavia cominciato un periodo transitorio – sino alla data del 31 dicembre 2020 – in virtù del quale il Regno Unito continuerà ad applicare il diritto dell'Unione ma non sarà più rappresentato nelle istituzioni dell’UE. Il periodo transitorio può essere prorogato una volta per un massimo di uno o due anni, se entrambe le parti raggiungono un accordo in merito entro il primo luglio 2020; tale periodo ha lo scopo di garantire più tempo ai cittadini e alle imprese per adeguarsi alla nuova situazione.

Con l’accordo sopra menzionato, è stato evitato il rischio del cd. “no deal scenario”, per far fronte al quale questo Ministero aveva diffuso, in data 9 aprile 2019, dei prospetti informativi in materia di cooperazione  giudiziaria civile e penale.

Informazione per gli uffici giudiziari PENALI

Informazione per gli uffici giudiziari CIVILI

Per analoga esigenza, anche il Legislatore era intervenuto, con la Legge 20 maggio 2019 n. 41, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 marzo 2019, n. 22, “recante misure urgenti per assicurare sicurezza, stabilità finanziaria e integrità dei mercati, nonché tutela della salute e della libertà di soggiorno dei cittadini italiani e di quelli del Regno Unito, in caso di recesso di quest'ultimo dall'Unione europea” (v. art. 2, comma 1, lett. l: «data di recesso» indica la data a decorrere dalla quale avrà effetto il recesso del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord dall'Unione europea in assenza di un accordo ai sensi dell'art. 50 del Trattato sull'Unione europea).

Nel corso del periodo transitorio, il Regno Unito continuerà a partecipare all'unione doganale, al mercato unico (con tutte e quattro le libertà) ed a tutte le politiche dell'UE. L’acquis dell'UE (l'insieme dei diritti, degli obblighi giuridici e degli obiettivi politici che accomunano e vincolano gli Stati membri dell'Unione europea) continuerà ad applicarsi integralmente al Regno Unito, ed ogni eventuale successiva modifica all'acquis si applicherà̀ automaticamente al Regno Unito; sarà anche mantenuta l'efficacia diretta e la primazia del diritto dell'UE.

 

 

Brexit: prepararsi all’uscita del Regno Unito dall’UE

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha messo a disposizione la guida “Prepararsi al recesso senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea - Informazioni sulle conseguenze e sui preparativi allo scenario di una Brexit senza accordo di recesso” (documento aggiornato luglio 2019 a cura della Presidenza del Consiglio)

Il 12 giugno 2019, la Commissione europea ha diffuso una Comunicazione sul tema "Stato attuale dei preparativi delle misure di emergenza in vista del recesso del Regno Unito dall'Unione europea", con i due allegati:

  • Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio europeo, al Consiglio, alla Banca centrale europea, al Comitato economico e sociale europeo, al Comitato delle regioni e alla Banca europea per gli investimenti (10313/19) - Stato attuale dei preparativi delle misure di emergenza in vista del recesso del regno unito dall'unione europea
     
  • Allegato 1 Elenco degli atti legislativi di preparazione e di emergenza
  • Allegato 2 Elenco degli avvisi ai portatori di interesse

 

►Ulteriori informazioni su Presidenza del Consiglio dei Ministri