salta al contenuto

www.giustizia.it

aggiornamento: 13 dicembre 2017

Modalità di accesso

Mappa  con indicazioni di accesso alla Biblioteca

La biblioteca è aperta agli studiosi del diritto e a quanti abbiano necessità di effettuare ricerche in ambito giuridico.

Hanno diritto alla tessera di iscrizione: magistrati, docenti universitari, iscritti agli ordini professionali (tra i quali avvocati e praticanti), dipendenti pubblici (anche in pensione) e studenti laureandi nelle discipline giuridiche ed economiche.

L'iscrizione si effettua da remoto sul portale SebinaYOU e si completa al primo accesso in biblioteca, previa esibizione dei documenti e verifica da parte del personale della sussistenza dei requisiti. Qualora utilizzato, dovrà essere esibito anche il modulo per l'auto-certificazione scaricato e debitamente compilato. Se non si allega la foto richiesta durante la procedura di auto-registrazione, in occasione del primo accesso verrà effettuata dal personale dell'Ufficio Accesso.

Gli utenti già iscritti alla biblioteca possono accedere ai servizi di SebinaYOU, utilizzando la prima volta: come username il numero della tessera personale e come password la propria data di nascita (gg/mm/aaaa).

Nella fase iniziale, saranno consentite iscrizioni anche in sede, secondo la modalità precedente.

Gli studiosi che hanno esigenza di svolgere ricerche nelle materie giuridiche sono ammessi in biblioteca previo colloquio, per un periodo congruo allo svolgimento delle ricerche. Per particolari esigenze è facoltà del Direttore consentire l'accesso temporaneo alla biblioteca anche a persone non appartenenti alle categorie indicate.

Possono entrare senza iscrizione, effettuando un accesso giornaliero con un documento di identità, tutti coloro che abbiano esigenze episodiche di documentarsi sul materiale posseduto dalla biblioteca. Sono consentiti 15 accessi giornalieri.

All'ingresso l'utente consegna la propria tessera o un documento di riconoscimento, ritira la carta d'entrata, necessaria per la richiesta e consultazione dei volumi, e deposita gli oggetti personali negli appositi armadietti.

Non è consentito entrare con libri propri, eccetto quelli eventualmente autorizzati dall’assistente di sala in quanto non disponibili in sede.