salta al contenuto

www.giustizia.it

Home

La sala cataloghi

Istituita ancor prima dell'Unità d'Italia, la Biblioteca Centrale Giuridica (BCG) del Ministero della Giustizia documenta da oltre un secolo la produzione giuridica nazionale.

Grazie alla normativa sul deposito legale di cui è beneficiaria, costituisce una delle più importanti biblioteche di riferimento per gli operatori del diritto: non solo magistrati ed avvocati, ma anche enti pubblici, associazioni private e singoli cittadini possono rivolgersi ad essa per soddisfare qualsiasi esigenza di documentazione in ambito giuridico. È altresì la biblioteca di servizio per le attività  istituzionali del Ministero e degli uffici giudiziari.

 

NUOVO PORTALE

Autoregistrazione - Richieste da remoto

 

 

 

  • Orari del 24 e 31 dicembre

    17 dicembre 2018

    La Biblioteca osserverà, il 24 e il 31 dicembre 2018, un orario di apertura ridotto. Sarà aperta, cioè, soltanto dalle 8,30 alle 13,30. La distribuzione in lettura del materiale conservato in magazzino terminerà alle ore 12,30. La Sala banche dati chiuderà alle 13,00.

  • Temporanea riduzione del servizio di fotoriproduzione

    5 dicembre 2018

    Si informano gli utenti che per il servizio di fotoriproduzione self-service sono attualmente disponibili due sole macchine fotocopiatrici. Resta sempre possibile lasciare ordinativi di fotocopie all’incaricata del servizio e stampare articoli o sentenze dalle banche dati. Ci scusiamo comunque per il disagio.

  • Variazione orario richieste da remoto

    16 ottobre 2018

    A partire dal 16 ottobre, le richieste di consultazione effettuate da remoto nella fascia oraria di apertura della biblioteca, vengono evase in tempo reale insieme con quelle degli utenti in sede.

  • Riprendono gli incontri di formazione sulla ricerca giuridica

    8 ottobre 2018

    A partire dal 18 settembre sono ripresi gli incontri sulla ricerca; la sessione di ottobre è stata sospesa.

  • Nuovo catalogo online

    18 luglio 2018

    È attivo un nuovo portale. Oltre a consultare il catalogo della biblioteca (opac), è ora possibile iscriversi, effettuare richieste di volumi da casa, salvare bibliografie e ricerche nello spazio personale, comunicare con la Biblioteca.