salta al contenuto

Hai cercato:
  • argomento:  CORONAVIRUS  Annulla la faccetta selezionata

Torna indietro

Nota 22 febbraio 2020 - Raccomandazioni organizzative per la prevenzione del contagio del coronavirus - AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

22 febbraio 2020

Ministero della Giustizia

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA
UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO



Ai Sigg. Provveditori
Ai Sigg. Direttori di Istituto penitenziario
Ai Sigg. Comandanti dei Reparti
A tutto il personale in servizio
LORO RISPETTIVE SEDI
E p.c.
Agli On.li Sottosegretari
Al Sig. Capo di Gabinetto
Ai Capi Dipartimento
Alle OO.SS.

LORO SEDI

OGGETTO: RACCOMANDAZIONI ORGANIZZATIVE PER LA PREVENZIONE DEL CONTAGIO DEL CORONAVIRUS

Facendo seguito alla nota di questo Dipartimento prot. n. 5391 del 13.2.2020, di intesa con i Direttori generali del Dipartimento, si è valutata l’opportunità di adottare il presente provvedimento, mirante a sensibilizzare le Direzioni Penitenziarie ed il personale in servizio presso gli Istituti verso un puntuale adempimento delle indicazioni del Ministero della Salute per la prevenzione della diffusione del coronavirus.

A tal fine, con specifico riguardo agli istituti penitenziari, le direzioni, con il coinvolgimento del medico competente ai sensi del D. Lgs. 81/2008, dovranno attuare uno stretto coordinamento con le autorità sanitarie locali e gli altri eventuali referenti territoriali.

In relazione a quanto deciso dal Ministro della Salute, d’intesa con il Presidente della Regione Lombardia, con ordinanza del 21.2.2020, si dispone che tutti gli operatori penitenziari residenti o comunque dimoranti nei Comuni di Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano siano esonerati dal recarsi in servizio presso le rispettive sedi fino a nuove disposizioni. Parimenti dovrà escludersi l’accesso agli istituti di chiunque altro provenga, abbia residenza o domicilio nei suddetti Comuni (personale esterno, insegnanti, volontari, familiari, ecc.).

Saranno inoltre sospese, fino a nuova disposizione, le traduzioni dei detenuti verso e da gli istituti penitenziari rientranti nella competenza dei Provveditorati di Torino, Milano, Padova, Bologna e Firenze.

E’ istituita una unità di crisi presso il Dipartimento – Direzione Generale Detenuti e Trattamento, coordinata dalla dr.ssa Paola Montesanti, per assicurare il costante monitoraggio dell’andamento del fenomeno e delle informazioni relative ai casi sospetti o conclamati, nonché per l’adozione tempestiva delle conseguenti iniziative.

Di ogni informazione o comunicazione ritenuta di rilievo, potrà essere data notizia mediante contatto telefonico,

oltre alla dr.ssa Montesanti, Ufficio III - Servizi sanitari - Direzione generale dei detenuti e del trattamento

al Capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria

o al Direttore generale della Direzione generale dei detenuti e del trattamento, cons. Giulio Romano.

Si raccomanda di predisporre le azioni necessarie ad assicurare l’osservanza delle indicazioni, rispettivamente offerte dal Ministero della Salute e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, continuamente aggiornate e disponibili sui seguenti indirizzi web:

Roma, 22 febbraio 2020

Il Capo dipartimento
Francesco Basentini