salta al contenuto

Hai cercato:
  • argomento:  certificati e copie  Annulla la faccetta selezionata

Torna indietro

Circolare 30 gennaio 2018 - Variazioni dei dati anagrafici relativi a soggetti contenuti nella banca dati del casellario giudiziale

27 febbraio 2018

prot. n. 20429

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI DI GIUSTIZIA
Direzione Generale della Giustizia Penale
Ufficio III

 

Ai signori
  Presidenti delle Corti di Appello
  Procuratori Generali presso le Corti di Appello
  Dirigenti delle Corti di Appello
  Dirigenti delle Procure Generali presso le Corti di Appello
Loro Sedi
             
e p.c.  
Al Signor Capo di Gabinetto
Al Signor Capo dell'Ispettorato
Al Signor Direttore Generale per i sistemi informativi automatizzati
Al Signor Direttore Generale del personale
Loro Sedi

OGGETTO: Circolare prot. n. 20429 del 30/01/2018 -  Variazioni dei dati anagrafici (unificazioni e modifiche) relativi a soggetti contenuti nella banca dati del casellario giudiziale. Chiarimenti operativi.

Con riferimento alla circolare in oggetto indicata, si ravvisa la necessità di fornire alcuni chiarimenti operativi al fine di agevolare l’attività degli uffici giudiziari nell’adempimento degli incombenti in essa previsti.

A tale riguardo si chiarisce che, qualora non sia possibile per il Capo dell’Ufficio sottoscrivere la richiesta di variazione dei dati anagrafici al ricorrere delle circostanze individuate dalla circolare (assenza dei provvedimenti ex art. 130 c.p.p. ovvero ex art. 40 DPR 313/2002), la stessa istanza può essere sottoscritta dal magistrato dell’Ufficio assegnatario del procedimento.

Nei casi in cui la posizione di cui si richieda la variazione dei dati anagrafici non acceda ad un procedimento assegnato ad un magistrato dell’Ufficio, il Capo dell’Ufficio può delegare, anche una tantum, alla sottoscrizione della richiesta uno o più magistrati dello stesso Ufficio, con atto che dovrà risultare dalla documentazione allegata all’istanza di variazione.

Resta fermo quanto già disposto nella circolare prot. n. 20429 del 30 gennaio 2018.

Roma, 27 febbraio 2018

Il Direttore Generale della Giustizia Penale
Raffaele Piccirillo