salta al contenuto

Decreto 23 giugno 2011 - Adozione del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2011-2013

23 giugno 2011

 IL MINISTRO

Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, recante la razionalizzazione delle Amministrazioni Pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego;

Visto il D.M. 8 giugno 1998, n. 279 “Regolamento recante norme per la verifica dei risultati e della responsabilità dei dirigenti del Ministero della Giustizia;

Visto il Decreto Legislativo 30 luglio 1999, n. 286, recante “Riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dalle Amministrazioni Pubbliche, a norma dell’art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59”;

Visti gli articoli 16 e seguenti del Decreto Legislativo 30 luglio 1999, n. 300, recante Riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’art. 11 della Legge 15 marzo 1997, n. 59;

Visto l’art. 13 del D.M. della Funzione Pubblica del 28 novembre 2000 contenente il “codice di comportamento dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni”

Visto il D.P.R. 6 marzo 2001, n. 55, recante “Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia” e successive modificazioni;

Visti gli articoli 4, 14 e 20 del decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Amministrazioni Pubbliche”;

Visto il D.M. 10 gennaio 2011 di approvazione del “Sistema di misurazione e valutazione della Performance” del Ministero della Giustizia;

Visto il D.M. 28 gennaio 2011 di adozione del “Piano della Performance” per l’anno 2011 del Ministero della Giustizia;

Visto il Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 recante “Attuazione della Legge 4 marzo 2009, n, 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle Pubbliche Amministrazioni”;

Visti, in particolare, gli articoli 11, 13, comma 5, lettera d) e 15 del suindicato decreto legislativo,  in materia di trasparenza nelle pubbliche amministrazioni;

Vista la delibera 25 febbraio 2010, n. 6  della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche recante “Prime linee di intervento per la trasparenza e l’integrità”;

Vista la delibera 14 ottobre 2010, n. 105  della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche recante “Linee guida per la predisposizione del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità (art. 13, comma 6, lettera e, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150). Modalità operative”;

Vista la delibera 25 novembre 2010, n. 120 recante “Programma triennale per la trasparenza: consultazione delle associazioni rappresentate nel Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti e nomina del responsabile della trasparenza”;

Considerato che, ai sensi del richiamato articolo 11, comma 2, del decreto legislativo n.150/2009, ogni amministrazione, sentite le associazioni rappresentate nel Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti, adotta un Programma triennale per la trasparenza e l’integrità, da aggiornare annualmente, che indica le iniziative previste per garantire un adeguato livello di trasparenza, anche sulla base delle linee guida elaborate in proposito dalla menzionata Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche;

Acquisito il parere favorevole dei Capi Dipartimento e dell’Organismo Indipendente di valutazione;

Vista la nota n. 10990 del  30 marzo 2011, con la quale è stato trasmesso, in bozza, il suddetto Programma al Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti, con richiesta del previsto parere;

Visto il parere del Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti, che, nella seduta del 16 giugno 2011, si è espresso favorevolmente sull’impianto e sul contenuto del Programma;

Vista la delibera 14 ottobre 2010, n. 120  della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche, che prevede l’affidamento dell’incarico di “responsabile della trasparenza” ad un dirigente di seconda fascia;

Ritenuto, che in attesa della formalizzazione di una posizione dirigenziale di cui alla citata delibera n. 120 del 14 ottobre 2010, è necessario comunque provvedere all’espletamento delle relative funzioni;

Considerato che ai sensi dell’art. 15 lett.d del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 l’Organo di indirizzo politico “definisce il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità di cui all’art. 11, nonché gli eventuali aggiornamenti annuali”;

Valutato che, pertanto, risponde ad esigenze di funzionalità l’istituzione di un ufficio presso il Gabinetto del Ministro e l’affidamento, nelle more, del distinto incarico al Dirigente della Segreteria Affari Generali del Capo di Gabinetto;

DECRETA

Art.1

Ai sensi e per gli effetti dell’art.11, comma 2, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150 è adottato il “Programma triennale per la trasparenza e l’integrità” 2011-2013 che, allegato al presente provvedimento, costituisce parte integrante e sostanziale del presente Decreto.

Art.2

Il Dirigente incaricato della Segreteria Affari Generali del Capo di Gabinetto è il referente del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità.

IL MINISTRO
Angelino Alfano