salta al contenuto

Decreto 9 giugno 2020 - Avvio della funzionalità dei servizi di comunicazione e deposito dei documenti informatici di cui all'articolo 83, comma 12-quater.1 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, per la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli

9 giugno 2020

(pubblicato in GU Serie Generale n.147 del 11-06-2020)

Il Ministro della Giustizia

Visto l’articolo 83, comma 12-quater.1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n.  18, recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19”, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020,  n. 27, come ulteriormente modificato dall’art. 3, comma 2, lett. f), del decreto legge 30 aprile 2020, n 28 recante “Misure urgenti per la funzionalita' dei sistemi di intercettazioni di conversazioni e comunicazioni, ulteriori misure urgenti in materia di ordinamento penitenziario, nonche' disposizioni integrative e di coordinamento in materia di giustizia civile, amministrativa e contabile e misure urgenti per l'introduzione del sistema di allerta Covid-19” che autorizza, presso ciascun ufficio del pubblico ministero che ne faccia richiesta, il deposito con modalità telematica di memorie, documenti, richieste e istanze indicate dall'articolo 415-bis, comma 3, del codice di procedura penale, secondo le disposizioni stabilite con provvedimento del Direttore generale dei sistemi informativi e automatizzati del Ministero della giustizia, anche in deroga alle previsioni del decreto emanato ai sensi dell'articolo 4, comma 1, del decreto-legge 29 dicembre 2009, n. 193, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 febbraio 2010, n. 24;

Visto il provvedimento del Direttore generale dei sistemi informativi e automatizzati n. 5477 del 12 maggio 2020 pubblicato in pari data sul Portale dei Servizi Telematici contenente le disposizioni relative al deposito con modalità telematica di memorie, documenti, richieste e istanze indicate dall'articolo 415 bis, comma 3, del codice di procedura penale;

Visto il provvedimento del Direttore generale dei sistemi informativi e automatizzati numero  6509.ID del 08/06/2020 che accerta l'installazione e l'idoneità delle attrezzature informatiche, unitamente alla funzionalità dei servizi di comunicazione dei documenti informatici nella Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli relativamente alle memorie, documenti, richieste e istanze indicate dall'articolo 415-bis, comma 3, del codice di procedura penale;

emana

il seguente decreto:

Art. 1.

  1. È accertata la funzionalità dei servizi di comunicazione e deposito di cui all’articolo 83, comma 12-quater.1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n.  27, come ulteriormente modificato dall’art. 3, comma 2, lett. f), del decreto legge 30 aprile 2020, n 28, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli.
  2. Nell’ufficio giudiziario di cui al comma 1, il deposito di memorie, documenti, richieste e istanze indicate dall'articolo 415-bis, comma 3, del codice di procedura penale può essere effettuato per via telematica secondo quanto disposto dall’articolo 83, comma 12-quater.1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n.  27, come ulteriormente modificato dall’art. 3, comma 2, lett. f), del decreto legge 30 aprile 2020, n 28.

Art. 2.

  1. Il presente decreto entra in vigore il quindicesimo giorno successivo a quello della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 9 giugno 2020

IL MINISTRO
Alfonso Bonafede