salta al contenuto

Nota 26 febbraio 2020 - Ulteriori indicazioni urgenti per la prevenzione della diffusione del contagio da coronavirus - ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA

26 febbraio 2020

prot. n. 40845.U

Ministero della Giustizia

DIPARTIMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA del PERSONALE e dei SERVIZI
IL CAPO DIPARTIMENTO

 

Al Gabinetto dell’On. Ministro
A tutti gli Uffici di diretta collaborazione
Alla Segreteria del Ministro
Al Sig. Capo del Dipartimento per gli Affari di giustizia
Al Sig.  Direttore Generale per il Coordinamento delle politiche di coesione
Al Sig. Direttore Generale dei Magistrati
Al Sig. Direttore Generale del Personale e della formazione
Al Sig. Direttore Generale reggente delle Risorse materiali e delle tecnologie
Al Sig. Direttore Generale per i Sistemi informativi automatizzati
Al Sig. Direttore Generale del bilancio e della contabilità
Al Sig. Direttore Generale di statistica e analisi organizzativa
Al Sig. Direttore Generale reggente per la gestione e
la manutenzione degli edifici giudiziari di Napoli
Ai Sigg.ri Direttori degli Uffici I e II Capo Dipartimento dell’Organizzazione giudiziaria

 

OGGETTO: ULTERIORI INDICAZIONI URGENTI PER LA PREVENZIONE DELLA DIFFUSIONE DEL CONTAGIO DA CORONAVIRUS.

Facendo seguito alle prime indicazioni urgenti impartite con circolare di questo Capo Dipartimento in data 23 febbraio 2020 n. prot. 37654.U, ed alle successive indicazioni contenute nelle circolari del 24 febbraio 2020 n. prot. 38650.U e 38651.U, si intende portare all’attenzione le ulteriori attività poste in essere per prevenire e contenere la diffusione del contagio da COVID-19.

Questo Dipartimento è presente e costantemente impegnato nell’unità di crisi istituita presso il Dipartimento della protezione civile, nell’attività di supporto degli uffici giudiziari ricompresi nei distretti di Corte di appello cui appartengono i comuni di cui all’allegato 1 al DCPM 23 febbraio 2020 e degli altri uffici giudiziari, nonché nella predisposizione ed adozione di tutte le misure di prevenzione e di protezione del personale di questo Ministero.

In particolare preme evidenziare come la Direzione generale delle risorse materiali e delle tecnologie abbia dato attuazione alle misure indicate dal Ministero dalla salute nella circolare 22 febbraio 2020 relative alla salubrità degli ambienti di lavoro, attraverso la costante ed implementata pulizia e disinfezione degli ambienti, provvedendo agli acquisti di materiale igienizzante, predisponendo altresì la fornitura, in via preventiva e cautelare, di un congruo numero di DPI, come già evidenziato nella circolare del 24 febbraio 2020 n. prot. 38650.U.

Al fine di favorire la puntuale osservanza delle disposizioni contenute nei più recenti provvedimenti adottati in materia - DPCM 25 febbraio 2020, Direttiva n. 1/2020 del Ministero della pubblica amministrazione, entrambi allegati alla presente per garantirne la massima diffusione - si ritiene opportuno diramare le seguenti, ulteriori

RACCOMANDAZIONI

  • attenersi alle informazioni di prevenzione e al decalogo comportamentale elaborato dal Ministero della salute, contenuto nella circolare 22 febbraio 2020 dell’Ufficio 5 prevenzione delle malattie trasmissibili del Ministero della salute (che si allega al fine di garantirne la massima diffusione);
     
  • attenersi alle indicazioni contenute nell’apposita cartellonistica predisposta dal Ministero ed apposta in data odierna presso i locali ministeriali per prevenire e contenere la diffusione del contagio da COVID-19 (che si allega al fine di garantirne la massima diffusione)
     
  • adottare comportamenti fondati sulla corretta conoscenza del fenomeno e sull’adozione di adeguate misure di profilassi, con invito all’acquisizione di informazioni da fonti istituzionali, in particolare segnalandosi l’apposito focus continuamente aggiornato e disponibile sul sito del Ministero della salute al seguente indirizzo web: http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus
     
  • al verificarsi di casi sospetti - ai sensi della citata circolare 22 febbraio 2020 del Ministero della salute - che coinvolgano dipendenti di questa Amministrazione, il dirigente responsabile segnali immediatamente l’accaduto al Dipartimento di prevenzione della ASL competente nonché ne dia notizia all’unità di crisi interdipartimentale – Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi e Dipartimento per gli affari di giustizia - mediante  comunicazione da inoltrare alla e-mail unitadicrisi.dog@giustizia.it, con le modalità già in atto per gli “eventi critici”, al fine di assicurare il necessario raccordo con l’unità di crisi istituita presso il Ministero della salute e la Protezione civile nazionale.

SI INVITANO

le SS.LL. a verificare, per il tramite della dirigenza preposta a ciascun ufficio, le modalità di attuazione della direttiva n. 1/2020 del Ministero della pubblica amministrazione (recante “prime indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 nelle pubbliche amministrazioni al di fuori delle aree di cui all’allegato 1 del DPCM 23 febbraio 2020”) laddove prevede che “negli uffici adibiti al ricevimento del pubblico o in generale nei locali frequentati da personale esterno, si raccomanda di evitare il sovraffollamento anche attraverso lo scaglionamento degli accessi e di assicurare la frequente areazione degli stessi, di curare che venga effettuata da parte delle ditte incaricate un’accurata pulizia e disinfezione delle superfici ed ambienti, di mantenere un’adeguata distanza con l’utenza, secondo le indicazioni fornite dall’Istituto superiore di sanità”. La stessa direttiva evidenzia come l’amministrazione debba “continuare ad assicurare, in via ordinaria ciascuna per la propria competenza, la normale apertura degli uffici pubblici ed il regolare svolgimento di tutte le proprie attività istituzionale”.  

Si richiama, infine, l’attenzione sulla necessità di assicurare la capillare diffusione della presente e di tutte le comunicazioni che saranno emanate in materia a tutte le proprie Direzioni /Uffici ed al personale dipendente delle stesse.

Roma, 26 febbraio 2020

Il Capo del Dipartimento
Barbara Fabbrini