salta al contenuto

Provvedimento 9 gennaio 2017 - Domanda per svolgimento di un ulteriore periodo di perfezionamento presso gli stessi uffici giudiziari

9 gennaio 2017


Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi
Direzione generale del personale e della formazione

IL DIRETTORE GENERALE

VISTA la legge 11 dicembre 2016,  n. 232, art. 1, commi da 340 a 343;

VISTO l’art. 1, comma 340 della citata legge che, al fine di consentire la definizione dei progetti avviati nell’ambito dell’Ufficio per il processo autorizza, a domanda dei soggetti di cui all’art. 50, comma 1 - bis, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, lo svolgimento di un ulteriore periodo di perfezionamento, per una durata non superiore a dodici mesi, presso gli stessi uffici giudiziari;

VISTO, in particolare, l’art. 1, comma 341 della legge 11 dicembre 2016, n. 232, che demanda al Direttore Generale del personale e della formazione del Ministero della Giustizia l’indicazione delle modalità di redazione e trasmissione delle domande di cui all’art. 1, comma 340;

DISPONE

  1. La domanda di cui all’art. 1, comma 340 della legge 11 dicembre 2016, n. 232, dovrà essere redatta in carta semplice, secondo il fac-simile pubblicato dal 9 gennaio 2017 sul sito internet del Ministero della Giustizia - www.giustizia.it - manifestando espressamente l’interesse allo svolgimento dell’ulteriore periodo di perfezionamento, per una durata non superiore a 12 mesi, presso lo stesso Ufficio giudiziario ove l’istante era stato assegnato in seguito alla selezione di cui al decreto interministeriale del 20 ottobre 2015;
  2. La domanda di cui all’art. 1, comma 340, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, dovrà essere consegnata personalmente o trasmessa, unitamente a copia di un documento d’identità valido, con raccomandata AR, nel rispetto del termine indicato dal comma 341, entro il 16 gennaio 2017, all’Ufficio presso cui l’istante, avente diritto, ha terminato il tirocinio formativo conclusosi nell’anno 2016. Il deposito personale della domanda all’Ufficio, così come la data di spedizione della raccomandata AR, soddisfa il rispetto del termine indicato dal comma 341 della precitata norma;
  3. Nella domanda il tirocinante dovrà indicare in modo espresso la richiesta di attribuzione della borsa di studio ai sensi dell’art. 9 del decreto interministeriale del 20 ottobre 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 257 del 4 novembre 2015, cui fa rinvio l’art. 1, comma 340 della legge 11 dicembre 2016, n. 232. Al fine di facilitare le operazioni di gestione del concorso pubblico a n. 800 posti a tempo indeterminato per il profilo professionale di assistente giudiziario, area funzionale II, fascia economica F2, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica, IV^ Serie Speciale, concorsi ed esami, n. 92 del 22 novembre 2016 , atteso che nello stesso è previsto punteggio aggiuntivo per i tirocinanti, l’istante è invitato a indicare se abbia presentato o meno domanda di partecipazione a detto concorso;
  4. Gli Uffici interessati dovranno corredare, conformemente a quanto previsto dal comma 341, ogni domanda dell’attestazione del Capo dell’Ufficio giudiziario dalla quale risulti che lo svolgimento da parte del richiedente dell’ulteriore periodo di perfezionamento è funzionale alle esigenze dell’Ufficio;
  5. Gli Uffici dovranno compilare la tabella, in formato excel, allegata alla nota di trasmissione, contenente l’elenco nominativo delle domande pervenute e trasmetterla alla competente Corte d’Appello, unitamente alle domande e relative attestazioni;
  6. Le Corti d’Appello, raccolti e assemblati in un'unica tabella, in formato excel, i dati del proprio distretto ne cureranno l’inoltro tempestivamente, entro il 25 gennaio 2017, a questa Direzione Generale, trasmettendola al seguente indirizzo: prot.dog@giustiziacert.it unitamente alle domande e relative attestazioni.

Roma, 9 gennaio 2017

Il Direttore Generale
Barbara Fabbrini


Allegati