salta al contenuto

Decreto 21 maggio 2018 - Copertura di 200 posti di funzionario giudiziario Area funzionale III, fascia retributiva F1 di cui all’articolo 3-bis, comma 1, punto b) del decreto 20 ottobre 2016

21 maggio 2018

 

Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi
Direzione generale del personale e della formazione


Il Direttore generale

Visto il decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, recante “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni”;

Visto il decreto-legge 30 giugno 2016, n. 117, convertito, con modificazioni dalla legge 12 agosto 2016 n. 161, ed in specie i commi 2-bis e 2-ter e 2-quater;

Visto l’art. 1, comma 372, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019”;

Vista la circolare 5 marzo 1993, n 7 della presidenza del Consiglio dei Ministri “Indirizzi applicativi riguardanti le disposizioni in materia di assunzioni nelle pubbliche amministrazioni nel corso del 1993 – Decreto legislativo 3 febbraio 1993 n. 29”

Visto il decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 20 ottobre 2016, recante l’individuazione dei criteri e le priorità delle procedure di assunzione di un contingente massimo di 1.000 unità di personale amministrativo non dirigenziale, da inquadrare nei ruoli dell’amministrazione giudiziaria, mediante scorrimento di altre graduatorie in corso di validità o per concorso pubblico ai sensi dell’articolo 1, commi 2-bis e 2-ter, del decreto-legge 30 giugno 2016, n. 117, convertito, con modificazioni dalla legge 12 agosto 2016 n. 161, nonché recante la definizione dei criteri per lo svolgimento delle ulteriori procedure assunzionali previste dall’articolo 1, comma 2-quater, del medesimo decreto legge;

Visto il decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 21 aprile 2017, recante “Modifica del decreto 20 ottobre 2016, recante l’individuazione dei criteri e le priorità delle procedure di assunzione di personale amministrativo non dirigenziale, da inquadrare nei ruoli dell’Amministrazione giudiziaria”, contenente l’adozione di misure di coordinamento con i criteri e le modalità che regolano le procedure assunzionali di cui al citato decreto-legge 30 giugno 2016, n. 117, mediante l’integrazione dei medesimi criteri e modalità per l’assunzione di 1000 unità di personale amministrativo non dirigenziale autorizzate dall’art. 1, comma 372, della legge 11 dicembre 2016, n. 232;

Visto il provvedimento in data 13/12/2017 del Direttore generale del personale e della formazione che ai fini della copertura di 200 posti in organico del profilo professionale di Funzionario giudiziario, area III, posizione retributiva F1 ha individuato le graduatorie in corso di validità di altre amministrazioni dalle quali poter effettuare lo scorrimento, sulla base dei criteri indicati dal decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 20 ottobre 2016, così come modificato ed integrato dal decreto del 21 aprile 2017;

Visto il provvedimento in data 12 febbraio 2018 del Direttore generale del personale e della formazione che ha integrato il decreto del 13/12/2017 con l’utilizzo della graduatoria resa disponibile dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, relativa al concorso pubblico per esami per 36 posti di Collaboratore dell’amministrazione penitenziaria, Area C, posizione retributiva C1, pubblicato sulla G.U. IV Serie speciale – Concorsi ed esami del 16 aprile 2004, n. 30; graduatoria che riveste carattere di precedenza rispetto alle altre, in quanto relativa ad un concorso indetto dallo stesso Ministero della giustizia, come previsto dall’art. 4 comma 3 del decreto legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito con modificazioni dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125;

Vista la nota, in data 15/12/2017, con la quale questa Direzione generale ha chiesto l’assenso per lo scorrimento alle amministrazioni titolari delle graduatorie individuate con decreto del 13/12/2017;

Considerato che in risposta alla predetta richiesta di avvalersi delle graduatorie concorsuali è pervenuto, nei termini fissati, l’assenso delle seguenti amministrazioni:

  • Ministero della difesa, con riferimento al concorso pubblico per esami a 111 posti per il profilo professionale di Collaboratore amministrativo, pubblicato sulla G.U. - IV Serie speciale – Concorsi ed esami del 27 luglio 2007 n. 59 da assumere con contratto a tempo pieno e indeterminato;
  • Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, con riferimento al concorso pubblico per esami a 404 posti per l’area C, posizione retributiva C1, profilo delle attività amministrative, pubblicato sulla G.U. del 4 maggio 2007 n. 35, da assumere con contratto a tempo pieno e indeterminato;
  • Agenzia italiana per il farmaco, con riferimento al concorso pubblico per esami per 21 posti nel profilo di Collaboratore Amministrativo, Economico e Finanziario – Area III – posizione retributiva F1, pubblicato sulla G.U.- IV Serie speciale – Concorsi ed esami del 19 ottobre 2010 n. 83 da assumere con contratto a tempo pieno e indeterminato;
  • Commissione per il progetto RIPAM - concorso pubblico per esami a 6 posti di funzionari amministrativi, area funzionale terza F1, cod. AG7/M, RIPAM MIT Abruzzo pubblicato sulla G.U. dell’11 settembre 2012 n. 71;
  • Commissione per il progetto RIPAM - concorso pubblico a n. 27 posti di Istruttori direttivi amministrativi, profilo professionale D1, cod. AG7/A, RIPAM Abruzzo, pubblicato sulla G.U. m. 71 dell’11 settembre 2012(scorrimento in via sussidiaria);
  • Commissione per il progetto RIPAM - concorso pubblico a n. 130 posti di funzionari amministrativi, categoria D, posizione economica D1, cod. AG8/P, RIPAM Puglia, pubblicato sulla G.U. n. 20 dell’11 marzo 2014 (scorrimento in via sussidiaria);

Considerato che secondo quanto previsto dal provvedimento in data 16 febbraio 2018 del Direttore generale del personale e della formazione si è provveduto, in data 28 febbraio 2018 e 1 marzo 2018, allo scorrimento in via prioritaria della graduatoria per la copertura di 36 posti nell’area «C», posizione economica «C1», profilo professionale di Collaboratore dell’amministrazione penitenziaria, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale - quarta serie speciale del 16 aprile 2004, n. 30.

Considerato che secondo quanto previsto dal provvedimento in data 13 aprile 2018 del Direttore generale del personale e della formazione si è provveduto, in data 17 maggio 2018, allo scorrimento in via principale delle predette graduatorie del Ministero della Difesa, dell’INAIL, dell’AIFA e della Commissione per il progetto RIPAM (cod. AG7/M, RIPAM MIT Abruzzo), che non sono risultate idonee a coprire tutti i posti destinati all’assunzione;

Ritenuto di dover provvedere, secondo quanto stabilito dall’articolo 4, comma 1, del decreto interministeriale 20 ottobre 2016 e ribadito nel provvedimento in data 13 aprile 2018 del Direttore generale del personale e della formazione allo scorrimento in via sussidiaria delle seguenti graduatorie, per le quali è pervenuto il relativo consenso:

  • Graduatoria relativa al concorso pubblico a n. 27 posti di Istruttori direttivi amministrativi, profilo professionale D1, cod. AG7/A, RIPAM Abruzzo, pubblicato sulla G.U. m. 71 dell’11 settembre 2012. Idonei non assunti utilizzabili: 80, da scorrere in via sussidiaria nel caso in cui le graduatorie di cui sopra non siano idonee a coprire i posti previsti;
  • Graduatoria relativa al concorso pubblico a n. 130 posti di funzionari amministrativi, categoria D, posizione economica D1, cod. AG8/P, RIPAM Puglia, pubblicato sulla G.U. n. 20 dell’11 marzo 2014. Idonei non assunti utilizzabili: 208, da scorrere limitatamente agli idonei in possesso di titoli comparabili a quelli di accesso ai profili dell’amministrazione giudiziaria;

Vista la delibera della Commissione Interministeriale per l’attuazione del progetto Ripam, in data 19 aprile 2018, con la quale sono stati assegnati, per lo scorrimento, al Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi, gli idonei delle graduatorie cod. AG7/A, RIPAM Abruzzo e cod. AG8/P, RIPAM Puglia, nonché le note prot. N. 26309 del 2 febbraio 2018, prot. N. 52406 del 2 marzo 2018 e prot. N. 110624 del 16 maggio 2018 di questa Direzione generale del personale e della formazione;

Considerato che per attuare la copertura dei 200 posti di Funzionario giudiziario, area funzionale III, fascia retributiva F1 di cui all’articolo 3-bis, comma 1, punto b) del decreto 20 ottobre 2016, come modificato e integrato dal decreto del 21 aprile 2017, mediante lo scorrimento delle graduatorie in corso di validità - individuate nei decreti del 13 dicembre 2017 e del 12 febbraio 2018 del Direttore generale del personale e della formazione – occorre procedere facendo riferimento ai criteri espressi nel citato decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 20 ottobre 2016 e successive modificazioni e attenendosi al criterio cronologico, dalla graduatoria più risalente alla più recente, previsto nella circolare 5 marzo 1993, n. 7 della Presidenza del Consiglio dei Ministri;

Considerato che l’amministrazione giudiziaria dovrà garantire che nello scorrere le graduatorie venga rispettato l’art. 4, comma 2 del citato decreto 20 ottobre 2016, assicurando la selezione di candidati in possesso dei titoli previsti per l’accesso ai propri profili professionali; titoli che per il Funzionario giudiziario sono, secondo quanto previsto dal D.M. 9 novembre 2017 di rimodulazione dei profili professionali del personale non dirigenziale dell’amministrazione giudiziari, laurea triennale, laurea magistrale o diploma di laurea (vecchio ordinamento) in giurisprudenza, economia e commercio, scienze politiche o equipollenti per legge;

Visto l’elenco delle sedi disponibili, reso pubblico, ai sensi del comma 1 dell’art. 4 del decreto 13 dicembre 2017 (allegato A), aggiornato sul sito internet istituzionale www.giustizia.it a seguito dell’avvenuto scorrimento delle graduatorie secondo quanto disposto dal provvedimento del Direttore Generale del personale e della formazione datato 13 aprile 2018

DECRETA

Art. 1

La copertura di 200 posti di funzionario giudiziario, area funzionale III, fascia retributiva F1, a tempo indeterminato, di cui all’art. 3 bis, comma 1 punto b) del decreto 20 ottobre 2016, così come modificato ed integrato dal decreto 21 aprile 2017, è realizzata secondo i criteri e le modalità di cui ai considerata in premessa, fino all’esaurimento delle posizioni assegnate dalla Commissione interministeriale per il Progetto RIPAM a questa amministrazione, seguendo l’ordine delle graduatorie di seguito indicato:

  • Graduatoria relativa al concorso pubblico a n. 27 posti di istruttore direttivo amministrativo, profilo professionale D, posizione economica F1, cod. AG7/A, RIPAM Abruzzo, pubblicato sulla G.U. m. 71 dell’11 settembre 2012;
  • Graduatoria relativa al concorso pubblico a 130 posti di funzionario amministrativo, profilo professionale D, posizione economica D1, cod. AG8/P, RIPAM Puglia, pubblicato sulla G.U. n. 20 dell’11 marzo 2014.

Art. 2

I candidati idonei, assegnati dalla Commissione interministeriale per il Progetto RIPAM, al Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi, che siano in possesso di titoli di studio comparabili a quelli di accesso ai profili dell’amministrazione giudiziaria, sono invitati a scegliere la sede, secondo l’ordine della propria graduatoria, e a stipulare il contratto individuale di lavoro tramite convocazione avente valore di notifica per gli interessati, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale - Serie Speciale - Concorsi ed esami e sul sito istituzionale www.giustizia.it.

Il presente decreto sarà pubblicato sul sito del Ministero della giustizia

Roma, 21 maggio 2018

Il Direttore generale
Barbara Fabbrini