salta al contenuto

Circolare 26 luglio 2014 - Adempimenti per la corretta tenuta del sistema di catalogazione e gestione delle informazioni concernenti le persone scomparse ed i cadaveri non identificati

26 luglio 2014

Dipartimento per gli affari di giustizia
Direzione Generale della Giustizia Penale Ufficio I - Affari Legislativi, Internazionali e Grazie
 


Ai Signori Procuratori Generali presso le Corti di Appello
Loro sedi

e p.c. Al Ministero dell'Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza
Roma


Oggetto: Adempimenti per la corretta tenuta del sistema di catalogazione e gestione delle informazioni concernenti le persone scomparse ed i cadaveri non identificati.

Con nota del 10 marzo 2010, la Direzione Generale della Giustizia Penale informava le SS.LL. della realizzazione, da parte della Direzione Centrale per gli Affari Generali della Polizia di Stato, del sistema informatico Ri.Sc. (Ricerca Scomparsi) che consente di catalogare e gestire le informazioni concernenti le persone scomparse ed i cadaveri non identificati. Come noto, il sistema in questione viene alimentato con le informazioni acquisite tramite la compilazione di apposite schede relative alle persone scomparse (mod. A.M.) e ai cadaveri non identificati (mod. P.M.), effettuata dal personale della P.S., del!' Arma dei CC., della GdF, del CFS e dal Corpo della Polizia Penitenziaria che, di volta in volta, si occupa della persona scomparsa o interviene in relazione al rinvenimento del cadavere non identificato.

Dal 30 giugno 2014 è operativa la nuova versione del predetto sistema di ricerca delle persone scomparse e cadaveri non identificati, volta a favorire il confronto tra i dati biometrici e descrittivi contenuti nelle schede "persona scomparsa" (mod. A.M.) e quelli delle schede "cadavere non identificato" (mod. P.M.). Le schede in esame sono state, inoltre, semplificate per rendere più agevole l'inserimento dei dati nel sistema da parte degli operatori e sono disponibili, come già in passato, sul sito del Ministero della Giustizia nell'area "Schede pratiche", alla voce "Ricerca Persone Scomparse".

Nel richiamare la circolare del 2010, già citata, relativamente alla importanza di alimentare il sistema Ri.Sc. mediante la corretta compilazione delle schede mod. A.M. e mod. P.M., si ribadisce che nei casi in cui si proceda ad accertamenti tecnici su cadavere di persona ancora da identificare , il magistrato procedente, oltre ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 116, comma 1 disp. att. c.p.p., deve dare al consulente tecnico anche l'incarico espresso di compilare la scheda mod. P.M. Detta scheda, una volta compilata, sarà consegnata in formato elettronico su supporto ottico, unitamente alla copia cartacea sottoscritta, alla polizia giudiziaria procedente che curerà l’aggiornamento del sistema Ri.sc.

Alla luce di quanto detto, si pregano le SS.LL. di portare la presente nota a conoscenza degli uffici inquirenti del relativo distretto, evidenziando l’importanza dell'attività di compilazione delle schede citate e raccomandando la puntuale osservanza delle procedure sopra specificate.

Roma, 26 luglio 2014

IL DIRETTORE GENERALE
Ersilia Calvanese


Allegati