salta al contenuto

Hai cercato:
  • argomento:  carcere e probation  Annulla la faccetta selezionata

Torna indietro

Protocollo di intesa tra il Tribunale di sorvegliana di Bologna e Associazione User volontariato della regione Emilia Romagna - Onlus per attività di rilievo sociale - 25 novembre 2013

25 novembre 2013

Protocollo di intesa

tra

il Tribunale di Sorvegliana di Bologna

e

Associazione User volontariato della regione Emilia Romagna - Onlus

 
per attività di rilievo sociale, in applicazione della Legge penitenziaria (n. 354/1975 ), nel corso di misure alternative alla detenzione (affidamento al servizio sociale, affidamento terapeutico, detenzione domiciliare, semilibertà), lavoro all'esterno e permessi premio

Premesso che:

  • la situazione penitenziaria in Emilia Romagna è caratterizzata da grave sovraffollamento pregiudizievole per la salute e la dignità personale dei ristretti ( nell'anno 2012, a fronte di una capienza regolamentare di 2.464 detenuti le reali presenze sono state 3.469)
  • l'attuale orientamento legislativo, palesato anche nella più recente decretazione d'urgenza, si è espresso nel senso di ridurre le esistenti ostatività all'accesso di misure alternative e potenziare l'applicazione di queste ultime, anche in quanto produttive di una riduzione di recidiva nel reato
  • è opportuno massimizzare l'esercizio di una giustizia riparativa e risocializzativa, secondo le norme di legge e favorire le alternative al carcere secondo progettualità esterne, non imperniate solo sull'attività lavorativa ( nell'attuale contingenza, di modesta portata), ma prevedenti occupazioni in attività utili per la collettività e per la risocializzazione del condannato
  • il Tribunale di Sorveglianza ha anche il compito di decidere sulla concessione delle misure alternative previste dalla legge penitenziaria, e gli Uffici di Sorveglianza correlati sulla concessione di permessi premio ed approvazione di programmi di trattamento per il lavoro all'esterno
  • che Auser Emilia Romagna è una rete di Associazioni territoriali di dimensione regionale che rientra tra gli enti (Onlus) che possono anche accogliere ed inserire le persone che debbano espiare una pena nelle proprie attività di rilievo sociale.

Tra il Tribunale di Sorveglianza di Bologna, sede di via Farini 1, rappresentato dal Presidente Dott. Francesco Maisto e Auser Volontariato Emilia Romagna, con sede a Bologna in Via Marconi, 69 rappresentato dal Presidente
Franco Di Giangirolamo

 

SI CONVIENE E SI STIPULA LA CONVENZIONE

 

Volta a favorire l'accoglienza nelle strutture territoriali AUSER della regione ER di condannati e internati, come segue:
 

Art.1
 

Auser Volontariato Regionale Emilia Romagna si impegna a favorire l'accoglienza di condannati e internati affinché prestino la loro attività non retribuita a favore della collettività e alla salvaguardia dei beni comuni, impegnando le 12 strutture territoriali diffuse a livello regionale ad elaborare specifici progetti
 

Art.2

 

Auser Volontariato si impegna a sensibilizzare tutte le proprie strutture territoriali, attraverso specifiche iniziative di formazione progettate con il Tribunale di sorveglianza al fine di consolidare la sensibilità e l'impegno su tale questione sociale di particolare delicatezza e complessità
 

Art.3

 

Le Auser Volontariato territoriali elaboreranno, d'intesa con il Tribunale di sorveglianza, specifici progetti finalizzati ad offrire una opportunità di recupero sociale ai condannati ed agli internati, nell'ottica di una giustizia riparativa e non solo punitiva, e per l'ampliamento delle esperienze trattamentali esterne al carcere, individuando:

  • le possibili attività nelle quali più efficacemente è possibile inserire il detenuto, tenendo conto delle sue attitudini,
  • le modalità operative per la esecuzione delle attività,
  • le coperture assicurative,
  • le relazioni interne all'ente accogliente,
  • i responsabili del progetto,
  • i tempi di durata del progetto,
  • le modalità di verifica della realizzazione del progetto e degli eventuali adeguamenti in corso d'opera,
  • le responsabilità degli enti sottoscrittori della convenzione (obblighi delle parti),
  • gli aspetti di ordine economico,
  • il rapporto con gli enti locali competenti.
     

Art.4

La presente convenzione ha validità di 4 anni a partire dal 26/11/2013
 

Art.5
 

Le parti convengono di effettuare una verifica semestrale della gestione della convenzione impegnandosi a fornire tutte le informazioni utili per una gestione ottimale di quanto concordato.

Bologna, 25/11/2013

Il Presidente del Tribunale di sorveglianza di Bologna

Il Presidente AUSER Regione Emilia Romagna