salta al contenuto

Protocollo d’Intesa per intensificare le attività di collaborazione tra Amministrazione degli archivi notarili e Consiglio nazionale del notariato - 13 ottobre 2017

13 ottobre 2017


Ministero della Giustizia
Ufficio Centrale degli Archivi Notarili
Consiglio nazionale del Notariato

Protocollo d’intesa per intensificare le attivita’ di collaborazione tra Amministrazione degli archivi notarili e Consiglio nazionale del notariato.
 

L’Amministrazione degli Archivi Notarili, qui rappresentata dal Direttore Generale dott. Renato Romano,

e

il Consiglio Nazionale del Notariato, qui rappresentato dal Presidente Notaio dott. Salvatore Lombardo,
 

Visto

la legge 16 febbraio 1913, n.89 – Ordinamento del notariato e degli archivi notarili – così come modificata dal d.lgs. 1 agosto 2006, n.249, in tema d procedimenti disciplinari a carico dei notai in attuazione dell'articolo 7, comma 1, lettera e), della legge 28 novembre 2005, n. 246;

il Regio Decreto 10 settembre 1914, n.1326 – Approvazione del regolamento per l’esecuzione della legge 16 febbraio 1913, n.89, riguardante l’ordinamento del notariato e degli archivi notarili;
 

Premesso

  • che i compiti istituzionali dell’Amministrazione degli Archivi notarili e l’attività notarile perseguono obiettivi di interesse generale, miranti in particolare a garantire la legalità e la certezza del diritto in relazione ai traffici giuridici;
  • che entrambe le suddette istituzioni esercitano, ciascuna nelle competenze normativamente stabilite, ed in coerenza con il ruolo conferito a differenti articolazioni del Ministero della Giustizia, forme di controllo e di vigilanza sul notariato italiano;
  • che i principali compiti istituzionali demandati all’Amministrazione degli archivi notarili (attività ispettive, conservazione degli atti dei notai cessati, svolgimento di funzioni notarili, gestione del Registro generale dei testamenti, raccolta di dati statistici) volti a realizzare interessi generali della collettività, concorrono anche a consolidare e a valorizzare il prestigio della funzione sociale della professione notarile;

Ritenuto

  • di dover sviluppare forme di collaborazione tra le due Istituzioni, scadenzate nel tempo, che abbiano una funzione preventiva in relazione ad eventuali problematiche che possano presentarsi nell’ambito del notariato e degli archivi notarili;
  • di dover, in coerenza con il principio di leale cooperazione istituzionale, ricercare ogni possibile sinergia tra Istituzioni tesa a perseguire con maggiore efficacia le rispettive mission ed il superiore interesse nazionale;
     

CONCORDANO QUANTO SEGUE:

L’Amministrazione degli Archivi notarili ed il Consiglio Nazionale del notariato, nell’ottica di perseguire il comune interesse pubblico alla certezza dei traffici giuridici e al regolare svolgimento dei rapporti economico - sociali, si impegnano reciprocamente a farsi parte attiva affinché venga incentivata, sulla base di rapporti paritetici, la realizzazione di strumenti organizzativi, quali:

  1. Tavoli di lavoro permanenti, costituiti da rappresentanti delle due Istituzioni e finalizzati a coltivare rapporti e sinergie. In particolare, i firmatari si propongono, anche attraverso un coordinamento delle attività degli Archivi distrettuali e dei Consigli notarili periferici, di incentivare le procedure informatiche e tecnologiche nei processi lavorativi, con particolare riferimento ai sistemi di conservazione informatica degli atti, ai processi di gestione documentale e anche attraverso il doveroso raccordo con l’ISTAT ai rilevamenti statistici dell’attività notarile e degli archivi notarili, al fine di creare un patrimonio comune di dati per il più funzionale svolgimento delle attività di istituto, anche per gli effetti dell’art. 50 del D.Lgs. 82/2005 (Codice dell’amministrazione digitale). Ai suddetti Gruppi di lavoro potranno partecipare e contribuire, in base alla comune determinazione dei soggetti firmatari del presente protocollo, anche organi esterni alle due Istituzioni.
  2. Incontri semestrali tra i vertici delle due Istituzioni per monitorare lo svolgimento delle rispettive attività istituzionali.
  3. “Osservatorio” sul funzionamento del servizio pubblico reso dagli archivi notarili sull’intero territorio nazionale attraverso la rilevazione del gradimento e della qualità dei servizi offerti, al fine di migliorarli in termini di efficacia e di efficienza, con riferimento in particolare alle procedure rivolte all’utenza (notai compresi).
  4. Incontri di studio in materia di diritto notarile con particolare attenzione all’attività ispettiva e all’iniziativa disciplinare, nonché a quella di conservazione documentale; nei suddetti incontri l’Amministrazione degli archivi notarili e il consiglio nazionale del notariato si impegnano reciprocamente a cooperare mettendo a disposizione le proprie risorse ed esperienze.

Palermo, 13 ottobre 2017

Il Direttore generale
Renato Romano

Il Presidente
Salvatore Lombardo