salta al contenuto

Protocollo d'intesa tra l'Amministrazione penitenziaria e Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi - 11 settembre 2017

11 settembre 2017

Ministero della Giustizia
Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria

Protocollo d intesa

tra

Il Ministero della Giustizia
Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria

e

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi

Il Ministero della Giustizia, Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, e il Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi

PREMESSO CHE

il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria - Direzione generale del personale e delle risorse, intende, nell’ambito delle iniziative destinate a favorire il benessere del personale:
rafforzare le attività di assistenza e protezione sociale realizzate dall’Amministrazione nei confronti degli appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria;
ampliare l'offerta organica e qualificata delle prestazioni psicologiche e psicoterapeutiche su tutto il territorio nazionale al personale dipendente dell’Amministrazione ed ai loro familiari;
favorire l'opportunità di affrontare e risolvere problematiche riguardanti la sfera psicologica per accrescere la qualità della vita personale.

CONSIDERATO CHE

il Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi (di seguito denominato CNOP), istituito con legge 18 febbraio 1989, n. 56:
cura l'osservanza delle leggi e delle disposizioni concernenti la professione relativamente alle questioni di rilevanza nazionale (art. 28, comma 6, lett. d), legge 18 febbraio 1989, n. 89);
promuove la professione di psicologo e svolge azione di tutela degli iscritti e degli utenti attraverso l'osservanza del codice deontologico;
ritiene indispensabile promuovere la professione di psicologo presso aziende, enti e istituzioni pubbliche e private perché possano avvalersi del contributo dello psicologo per lo sviluppo e la promozione del benessere e della salute.

OSSERVATO CHE

il CNOP ha, altresì, il compito di promuovere ogni iniziativa affinché gli Ordini Regionali e Provinciali possano svolgere attività di indirizzo e di coordinamento nei riguardi dei propri iscritti, al fine di qualificare l'intervento dei professionisti nelle loro rispettive attività.

OSSERVATO CHE

in data 4 marzo 2013 è stato sottoscritto tra le parti un Protocollo d’Intesa di durata triennale finalizzato a rafforzare le attività di assistenza e protezione  sociale poste in essere da parte dell’Amministrazione penitenziaria  in favore del personale.

RILEVATO CHE

il Protocollo d’Intesa sottoscritto in data 4 marzo 2013 ha registrato l’adesione di 2.689 psicologi sul territorio nazionale, consentendo ai dipendenti dell’Amministrazione, in servizio e in congedo, ed ai loro familiari e conviventi di usufruire, a richiesta, di prestazioni professionali qualificate a tariffe concordate.

CONVENGONO QUANTO SEGUE

Articolo 1

il CNOP, d'intesa con gli Ordini territoriali, si impegna ad individuare psicologi e psicoterapeuti al fine di fornire le prestazioni professionali, di seguito specificate, a favore dei dipendenti dell’Amministrazione Penitenziaria - in servizio ed in congedo - e dei loro familiari (di seguito beneficiari), da interpretarsi in forma estensiva sottintendendo anche i conviventi.

Articolo 2

Le prestazioni saranno erogate dagli psicologi iscritti alla “sezione A” dell'Albo degli Psicologi e dagli psicologi specializzati che manifestano la volontà di aderire al presente Protocollo d'Intesa. Il CNOP si impegna a pubblicare l'apposito elenco sul proprio sito internet “www.psy.it“.

Articolo 3

Le prestazioni oggetto del presente Protocollo d'Intesa, che sono parte integrante della presente convenzione, sono quelle tratte dal D.M. 19/07/2016, n. 165, ALL 1 Tabella c) ex  art. 2 comma 1, del Ministero della Salute.

Le prestazioni verranno determinate secondo le seguenti condizioni:

  • primo incontro: gratuito;
  • prestazioni successive: verrà applicata una riduzione del 20% sulla tariffa

 Il professionista – prima della erogazione delle prestazioni – comunicherà all’interessato la propria tariffa, nonché la tariffa scontata in virtù del presente Protocollo d’intesa.

Articolo 4

Il CNOP si impegna a promuovere periodicamente, compatibilmente con le risorse degli Ordini territoriali, di concerto con il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria - Direzione generale del personale e delle risorse e d'intesa con gli Ordini territoriali, l'organizzazione di giornate divulgative attraverso convegni o conferenze a favore del personale dell’Amministrazione, su temi correlati all’ambito del benessere del personale.
Tali iniziative saranno promosse dai Provveditorati Regionali dell’Amministrazione Penitenziaria e svolte - a titolo gratuito – dal CNOP, presso le strutture dell’Amministrazione penitenziaria che saranno, nell’occasione, messe a disposizione.

Articolo 5

Il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, a cura della Direzione generale del personale e delle risorse, si impegna a favorire l’informazione sulle iniziative oggetto della predetta Convenzione divulgando sull’area intranet del portale “www.giustizia.it” e sul sito internet “www.polizia-penitenziaria.it” l'elenco dei professionisti che, presso ogni Ordine territoriale degli psicologi, aderiscono alla presente iniziativa, nonché le relative prestazioni.
Esclusivamente per le finalità divulgative del presente accordo, il CNOP autorizza l'uso del proprio logo. Altre forme di uso dovranno essere espressamente autorizzate dal CNOP.

Articolo 6

Il CNOP si impegna, nel rispetto del diritto alla riservatezza dei beneficiari, a comunicare annualmente gli indici, esclusivamente numerici ed in forma anonima, delle adesioni alle prestazioni fornite in virtù del presente Protocollo, al Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria – Direzione generale del Personale e delle Risorse, che ne curerà la valutazione con l'obiettivo di migliorare la qualità del servizio in base alle necessità emergenti sul territorio.

Ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), i dati personali forniti al CNOP saranno trattati:

  • per l'erogazione delle prestazioni;
  • per adempiere agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria.

Il Titolare del trattamento è il CNOP.

In qualsiasi momento il beneficiario potrà esercitare i diritti di cui all'articolo 7 del Codice Privacy scrivendo all’indirizzo e-mail: info@psy.it

Articolo 7

Il presente atto costituisce la prosecuzione della collaborazione tra gli Enti firmatari, che le parti auspicano che possa accrescersi con ulteriori accordi bilaterali collegati al protocollo e disciplinare.

Articolo 8

Il presente Protocollo d'Intesa entrerà in vigore dalla data di sottoscrizione e verrà automaticamente rinnovato biennalmente, salvo formale richiesta di disdetta o modifica avanzata da una delle due parti  con preavviso di tre mesi.

Fatto in Roma, 11-09-2017

Il Capo del Dipartimento
dell’Amministrazione penitenziaria
Santi Consolo

Il Presidente del
Consiglio nazionale Ordine psicologi
Fulvio Giardina

 

Prestazioni PSICOLOGI (tratte dal D.M. 19/07/2016, n. 165, ALL 1 Tabella c) ex art. 2 comma 1, del Ministero della salute)


CONSULENZA E SOSTEGNO PSICOLOGICO

  1. Seduta di consulenza e/o sostegno psicologico individuale
  2. Seduta di consulenza e/o sostegno psicologico alla coppia e alla famiglia
  3. Seduta di consulenza e/o sostegno al gruppo

PSICOLOGIA CLINICA

  1. Colloquio psicologico clinico individuale e osservazione clinica e comportamentale diretta o indiretta - Include visita psicologica
  2. Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia  - Include mediazione familiare
  3. Indagine psicologica per la valutazione dell’inserimento ambientale (es. in asilo nido, in famiglia o nel posto di lavoro) o per la verifica del trattamento (es. in comunità terapeutica)
  4. Certificazione e relazione breve di trattamento
  5. Consulenze psicologico-cliniche a enti pubblici o privati con impegno orario predeterminato
  6. Analisi, definizione e stesura di relazione psicologico-clinica (con descrizione analitica delle valutazioni psicodiagnostiche, sintesi clinica ed eventuale progetto d’intervento
  7. Supervisione psicodiagnostica e/o clinica di gruppo
  8. Supervisione psicodiagnostica e/o clinica individuale

DIAGNOSI PSICOLOGICA

  1. Esame psicodiagnostico individuale, familiare o di coppia (comprende il colloquio anamnestico e psicodiagnostico, la somministrazione di test e prove psicodiagnostiche, l’eventuale raccolta di informazioni da fonti esterne)
  2. Certificazione e relazione breve psicodiagnostica
  3. Valutazione neuropsicologica – Include profilo psicofisiologico
  4. Colloquio di sintesi psicodiagnostica e restituzione
  5. Somministrazione e interpretazione di test carta-matita
  6. Somministrazione, siglatura e interpretazione di reattivo proiettivo
  7. Somministrazione, scoring e interpretazione di inventario o questionario per la valutazione globale della personalità, del disagio psicologico o della psicopatologia, dei costrutti interpersonali e delle relazioni, dello sviluppo psicosociale e il comportamento adattivo
  8. Interviste strutturate e strumenti osservativi
  9. Somministrazione, scoring e interpretazione di test attitudinale, di interessi
  10. Somministrazione, scoring e interpretazione di batteria neuropsicologica per valutazione di funzioni cognitive e relativi disturbi, valutazione del linguaggio e relativi disturbi, test di profitto
  11. Somministrazione, scoring e interpretazione di scala o batteria (almeno 3 test) per la misurazione globale dello sviluppo mentale e dell’intelligenza

ABILITAZIONE E RIABILITAZIONE PSICOLOGICA

  1. Stesura della Diagnosi Funzionale all’inserimento scolastico di alunno handicappato e del Profilo Dinamico (in collaborazione con altre figure professionali). Elaborazione del Piano Educativo Individualizzato (in collaborazione con altre figure professionali)
  2. Verifica periodica del Piano Dinamico Funzionale o Piano Educativo Individualizzato
  3. Programmazione di training individuale o collettivo per disturbi dell’apprendimento scolastico
  4. Definizione e stesura di programma di riabilitazione di specifici deficit o disturbi comportamentali e di rieducazione funzionale di specifici processi o abilità cognitive. Definizione e stesura di un programma di riabilitazione del comportamento psico-sociale, di terapia ricreazionale, terapia del gioco, terapia vocazionale e occupazionale
  5. Verifica e aggiustamento di programma riabilitativo o rieducativo
  6. Rieducazione funzionale di specifici processi o abilità cognitive e psicomotorie. Include l’uso di strumenti o di programmi computerizzati
  7. Tecniche espressive di gruppo con finalità terapeutico-riabilitative
  8. Tecniche espressive individuali con finalità terapeutico-riabilitative

PSICOTERAPIA

  1. Psicoterapia individuale
  2. Psicoterapia di coppia o familiare
  3. Psicoterapia di gruppo

PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI

  1. Assessment Center
  2. Intervista di selezione del personale – Include: Intervista strutturata di selezione del personale. Colloquio di Career Counseling . Selezione del personale – Include: definizione del fabbisogno e analisi delle mansioni, reclutamento, selezione, colloqui e interviste, test e relazione finale
  3. Analisi del fabbisogno formativo e programmazione di corso di formazione e/o di aggiornamento –     Include: rilevazione dei fabbisogni formativi, analisi della motivazione, progettazione, realizzazione del corso, monitoraggio e follow-up dell’attività formativa, predisposizione di strumenti di analisi quantitativa e qualitativa, analisi dei risultati e valutazione dei processi di apprendimento
  4. Sviluppo e gestione psicologica delle risorse umane – Include: analisi dei bisogni, progettazione dell’intervento, costruzione degli strumenti e valutazione dei risultati, tecniche di creatività, soluzione dei problemi e di comunicazione. Analisi organizzativa –    Include: mappatura e analisi dei processi e dei ruoli aziendali, revisione organizzativa, definizione dei fabbisogni, indagini di clima organizzativo, interventi di psicologia della sicurezza nei luoghi di lavoro. Consulenza di comunicazione di marketing e pubblicità

PSICOLOGIA DELL’EDUCAZIONE E DELL’ORIENTAMENTO

  1. Colloquio individuale per l’orientamento scolastico
  2. Consulenza di orientamento scolastico per classi, rivolta a ragazzi, genitori e/o insegnanti
  3. Consulenza/formazione psicologica per insegnanti, educatori o genitori
  4. Consulenze psicologico-educative per conto di enti pubblici o privati con impegno orario predeterminato
  5. Somministrazione, scoring e interpretazione di questionari per l’orientamento: metodi di studio, autoefficacia, decisionalità, assertività
  6. Esame psicoattitudinale in relazione a una scelta professionale (comprende il colloquio, la somministrazione di test e prove psicodiagnostiche, l’eventuale raccolta di informazioni da altre fonti; esclude la stesura della relazione)

PSICOLOGIA DI COMUNITÀ

  1. Elaborazione e costruzione di progetto di analisi di comunità
  2. Organizzazione e conduzione di focus group
  3. Analisi/Stesura di profilo/relazione psicologica di comunità
  4. Analisi organizzativa di istituzioni, gruppi, associazioni e comunità

PSICOLOGIA DELLA SALUTE

  1. Predisposizione esecutiva di un progetto di educazione sanitaria, verifica e valutazione con relazione finale
  2. Corso di sensibilizzazione e di informazione sui corretti stili di vita, per modificare abitudini negative e a rischio per la salute – Include: training antifumo; educazione sessuale
  3. Sedute individuali: educazione sessuale, gestione dello stress, Biofeedback training, training antifumo…
  4. Indagini per individuazione precoce/prevenzione di situazioni a rischio di psicopatologia: disagio, maltrattamento, abuso…

PSICOLOGIA DELLO SPORT

  1. Assistenza psicologica di squadra con presenza ad allenamenti, a gare e a ritiri
  2. Consulenza psicologica per il management sportivo
  3. Preparazione mentale alle gare per singolo atleta; Training cognitivo di gestione dello stress agonistico o training ideomotorio; Analisi e incremento delle abilità attentive e di concentrazione; Analisi e incremento della motivazione individuale; Interventi psicologici per migliorare la prestazione atletica; Socioanalisi di gruppi sportivi.