salta al contenuto

Protocollo Lavori di pubblica utilità nel territorio di Roma Capitale - 20 settembre 2019

20 settembre 2019

 

Progetto "Lavori di pubblica utilità nel territorio di Roma Capitale"

Protocollo d'intesa

tra

ROMA CAPITALE

Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi cittadini, con delega ai rapporti con il Garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, nella persona di Daniele Frongia

E

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, nella persona di Francesco Basentini

Premesso:

  • che il Ministero della Giustizia nel quadro degli scopi previsti dall'ordinamento penitenziario, ha avviato un programma volto a favorire il reinserimento socio lavorativo dei soggetti in espiazione di pena, attraverso la partecipazione a progetti di pubblica utilità;
  • che l'Amministrazione di Roma Capitale, in attuazione del dettato costituzionale che assegna anche alle Amministrazione Locali un ruolo di programmazione, coordinamento e attuazione delle politiche sociali, al fine di rimuovere gli ostacoli che impediscono la piena parità delle persone nella vita sociale, culturale ed economica, quindi anche dei soggetti sottoposti a provvedimenti del!' Autorità Giudiziaria, ha ritenuto di aderire al programma sopra richiamato avviato dal Ministero della Giustizia;
  • che in data 19 dicembre 2017, la Sindaca di Roma Capitale, il Capo del Dipartimento del!' Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, il Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma e la Garante dei diritti delle persone private della libertà personale di Roma Capitale hanno sottoscritto una Lettera di Intenti con la quale hanno convenuto di awiare una collaborazione volta a sviluppare percorsi di reintegrazione sociale e lavorativa in favore dei soggetti destinatari di condanna penale definitiva;
  • che la Giunta Capitolina, con deliberazione 24 dell'8 febbraio 2018, ha approvato lo schema di protocollo d'Intesa fra Roma Capitale, PRAP e Direzione della Casa circondariale "Rebibbia N.C. Raffaele Cinotti" per la realizzazione di iniziative finalizzate al reinserimento socio-lavorativo dei soggetti in espiazione di pena, attraverso la partecipazione a progetti di pubblica utilità ed ha contestualmente autorizzato gli Assessori ivi elencati a procedere alla sottoscrizione dello stesso Protocollo d'Intesa;
  • che tra le predette iniziative di pubblica utilità, il Protocollo d'Intesa approvato con la deliberazione sopra richiamata ha individuato quella destinata all'effettuazione di interventi straordinari di pulizia e restituzione del decoro di alcuni spazi pubblici, in particolare aree verdi e piazze di Roma Capitale;
  • in data 15 febbraio 2018 è stato sottoscritto il Protocollo d'Intesa tra le parti, con il quale è stato anche definito il quadro organizzativo degli interventi da realizzare in collaborazione tra Roma Capitale e PRAP;
  • che il predetto Protocollo d'Intesa stabiliva inizialmente una durata delle iniziative collegate al progetto di 180 giorni, estensibile per ulteriori 12 mesi;
  • che con memoria n. 59 approvata il 31 luglio 2018, la Giunta Capitolina ha esteso la durata del progetto di ulteriori 12 mesi, con conseguente scadenza in data 31 luglio 2019;
  • che, analogamente a quanto stabilito per i progetti di pubblica utilità con il Protocollo d'Intesa sopra richiamato, con lettera di intenti in data 31 luglio 2018, la Sindaca di Roma Capitale, Il Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, il Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Roma e l'Amministratore Delegato di Autostrade per l'Italia S.p.a. hanno stabilito di avviare una collaborazione volta a sviluppare ulteriori percorsi di reintegrazione sociale e lavorativa in favore di soggetti destinatari di condanna penale definitiva, da sviluppare attraverso piccoli interventi di manutenzione, con particolare riguardo al rifacimento della segnaletica orizzontale e della pulizia delle caditoie stradali;
  • che, con nota prot. RA/3235 del 17 gennaio 2019, la Sindaca di Roma Capitale ha individuato nella persona della Vice Capo di Gabinetto Vicario Gabriella Acerbi il coordinatore del progetto e l'Assessore Daniele Frongia, in virtù della delega ai rapporti n il Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, quale riferimento r tutte le interlocuzioni di natura politica;
  • che, al termine di questa prima fase del progetto, è stato possibile verificare come l'utilizzo degli strumenti forniti dal Legislatore (art. 20 ter della Legge 354/75), si sia dimostrato un valido mezzo per coniugare le esigenze de II' Amministrazione di cura del territorio di competenza con l'ulteriore funzione, propria di uno stato di diritto, di agevolare la funzione rieducativa della pena e reinserimento sociale dei detenuti, testimoniato, tra l'altro, anche da un particolare favore riscontrato nella cittadinanza per le iniziative programmate;
  • che, a fronte di tali gratificanti risultati, ottenuti nel corso delle annualità 2018 e 2019, le parti ritengono di ribadire il proprio impegno nei progetti, assicurandone stabilità anche in termini temporali, oltre che organizzativi;
  • che ai fini di garantire stabilità nella durata di questa positiva esperienza di collaborazione, il protocollo avrà una durata di 12 mesi, tacitamente rinnovabili, salvo che, per espressa volontà di ciascuna parte firmataria, da notificare all'altra con congruo anticipo di almeno 60 giorni, non si intenda addivenire alla sua conclusione;
  • che, fermo restando il quadro organizzativo delineato nel Protocollo d'Intesa sottoscritto dalle parti in data 15 febbraio 2018 e quanto già stabilito in termini di coordinamento degli interventi di cui alla citata Lettera di Intenti in data 31 luglio 2018, si è ritenuto concordemente di demandare l'ulteriore dettaglio della definizione degli interventi da attuare e dei compiti a tal fine assegnati a ciascun soggetto istituzionale a specifici Protocolli Operativi, alla cui definizione e sottoscrizione provvederanno i rappresentanti delle strutture operative designate da ciascuna Amministrazione firmataria del presente protocollo d'Intesa;
  • che Roma Capitale, e per essa, il Dipartimento Tutela Ambientale, nell'ambito delle molteplici attività, gestisce, a conduzione diretta, le Aziende agricole Castel di Guido e Tenuta del Cavaliere;
  • che, nell'ambito dei Protocolli Operativi che dovranno essere Sl,lçcessivamente stipulati per la programmazione ed esecuzione delle attività previste nell'ambito del territorio di Roma Capitale, potranno essere condivisi e programmati interventi nelle predette aziende agricole, al fine di aumentare le possibilità di impiego delle persone detenute nell'ambito del progetto di pubblica utilità in questione;

Tutto ciò premesso Roma Capitale e Ministero della Giustizia Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria ("DAP") nel seguito, singolarmente, anche la "Parte" e, congiuntamente, anche le "Parti"

Convengono e stipulano quanto segue

Articolo 1
Premesse

  1. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Protocollo d'Intesa e si considerano integralmente riportate nel presente articolo.

Articolo 2
Oggetto e finalità

  1. Il presente Protocollo ha come oggetto la promozione ed attuazione di un Progetto "Lavori di pubblica utilità nel territorio di Roma Capitale" avente ad oggetto lavori di pubblica utilità espletati da soggetti sottoposti a provvedimenti restrittivi della libertà personale volti al recupero e alla valorizzazione del patrimonio ambientale di aree verdi site nel territorio di Roma Capitale, ivi comprese le aziende agricole a gestione diretta dell'Amministrazione capitolina, nonché alla manutenzione di elementi funzionali della rete stradale urbana.
  2. Le Parti concordano che, nel prosieguo delle attività di cui al presente Protocollo d'Intesa, potranno essere individuati ulteriori ambiti di intervento in cui impiegare, con le medesime finalità stabilite al punto l, soggetti sottoposti a provvedimenti restrittivi della libertà personale.

Articolo 3
Richiamo al Protocollo d'Intesa sottoscritto il 15 febbraio 2018 e alla Lettera di Intenti del 31 luglio 2018

  1. Restano confermati gli impegni assunti dalle parti firmatarie del Protocollo in data 15 febbraio 2018, con particolare riferimento a quanto previsto agli articoli 3 e 4 del predetto Protocollo, che si intendono qui richiamati integralmente.
  2. Restano, inoltre, confermate le indicazioni contenute nella Lettera di Intenti del 31 luglio 2018, unitamente alle decisioni di coordinamento operativo delle attività di manutenzione stradale, già definite in attuazione degli interventi di cui alla stessa Lettera di Intenti.

Articolo 4
Protocollo operativo

  1. Al fine di dettagliare e specificare le modalità di programmazione degli interventi di cui al presente Protocollo d'Intesa, l'individuazione delle aree su cui svolgerli, le attività operative nonché gli impegni che ciascuna delle parti è chiamata a svolgere per l'organizzazione e la realizzazione degli interventi stessi, le Parti demandano alla sottoscrizione di uno o più specifici Protocolli Operativi, da definire e sottoscrivere tempestivamente da parte dei rappresentanti, designati di seguito dalle parti firmatarie.
  2. Al fine di potenziare la realizzazione degli interventi, nei protocolli operativi da stipulare in attuazione del presente Protocollo d'Intesa, verranno definite le attività per le quali è necessario l'intervento della Società Ama S.p.a., inserendo anche un rappresentante della predetta Società nei tavoli di coordinamento degli interventi.
  3. Per quanto attiene i piccoli interventi di manutenzione stradale di cui alla Lettera di Intenti del 31 luglio 2018, oltre ai rappresentanti designati dalle Parti, partecipa alla sottoscrizione del relativo Protocollo Operativo il rappresentante di Autostrade per l'Italia S.p.a, appositamente designato.
  4. Nell'ambito di ciascun Protocollo Operativo di cui al punto 1 del presente articolo, verrà definita la composizione dei Tavoli di Coordinamento cui prendono parte i rappresentanti delle strutture interessate alla definizione, organizzazione e attuazione degli interventi nonché degli Enti sottoscrittori del Protocollo Operativo stesso.
  5. Possono essere chiamati a partecipare alle riunioni dei Tavoli di Coordinamento rappresentanti della Sovrintendenza Capitolina, qualora siano interessate dal progetto aree soggette alla tutela da parte della predetta struttura, nonché ulteriori rappresentanti delle strutture operative delle Parti, la cui partecipazione sia ritenuta necessaria per l'efficace svolgimento delle attività.

Articolo 5
Cabina di regia

  1. Al fine di coordinare gli interventi finalizzati alla realizzazione degli obiettivi del presente Protocollo, è istituita una Cabina di regia, convocata da Roma Capitale, con cadenza periodica e comunque almeno una volta ogni due mesi, al fine di condividere eventuali criticità relative alle attività e agli impegni assegnati a ciascuna delle parti nell'ambito del presente Protocollo e di quelli definiti nei Protocolli Operativi di cui all'articolo 4.
  2. Sono componenti permanenti della Cabina di Regia:
  • il rappresentante del Gabinetto della Sindaca, con funzioni di coordinamento;
  • il rappresentante designato dal DAP;
  • il/i rappresentante/i degli Istituti Penitenziari i cui detenuti sono coinvolti nelle specifiche attività oggetto del presente Protocollo d'Intesa;
  • il rappresentante del Dipartimento Tutela Ambientale;
  • il rappresentante del Dipartimento Politiche Sociali di Roma Capitale;
  • il rappresentante del Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale;
  • il rappresentante del Comando del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale;
  • il rappresentante dell'Ufficio del Garante dei detenuti per Roma Capitale.

Articolo 6
Durata

  1. Il presente Protocollo d'Intesa tra Roma Capitale e Ministero della Giustizia Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria - Progetto "Lavori di pubblica utilità nel territorio di Roma Capitale", avrà una durata di 12 mesi, tacitamente rinnovabili, salvo che, per espressa volontà di ciascuna parte firmataria, da notificare all'altra con congruo anticipo di almeno 60 giorni, non si intenda addivenire alla sua conclusione.
  2. Nel caso di recesso, gli impegni assunti nell'ambito di eventuali attività in corso dovranno essere comunque portati a compimento, salvo diverso accordo scritto tra le Parti.

Art. 7
Responsabili e Comunicazioni

I soggetti sottoscrittori del presente accordo si danno atto che i referenti per tutte le attività previste nel presente accordo sono:

Per Roma Capitale
Il Rappresentante del Gabinetto della Sindaca

Per il DAP
Il Responsabile Settore V -Task Force Lavori di pubblica utilità

Pertanto tutte le comunicazioni previste nel presente Atto dovranno essere inviate a mezzo email ai seguenti indirizzi:

Per Roma Capitale Roma Capitale: protocollo.gabinettosindaco@pec.comune.roma.it

Per il DAP: settoreS.pubblicautilita@giustizia.it

 

Roma, lì 20 settembre 2019

letto, approvato e sottoscritto

Per Roma Capitale
l'Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi cittadini, con delega ai rapporti con il Garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale Daniele Frangia

Per il Ministero della Giustizia
Il Capo Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Francesco Basentini