Medico - Casa reclusione - ROSSANO- 5 dicembre 2022 - Scheda di sintesi


TERMINE per il ricevimento delle candidature: 31 dicembre 2022
 


Pubblicazione del 6 dicembre 2022

Ministero della Giustizia
Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria
Direzione Casa di Reclusione
Rossano (CS)

Ufficio del Direttore

 

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

OGGETTO: Procedura per l’affidamento di un incarico libero professionale di Medico Competente e di sorveglianza sanitaria, ai sensi del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i., con la Casa di Reclusione di Rossano

La Casa di Reclusone di Rossano

  • Visto il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, “Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e le successive modifiche e integrazioni, che prevede l’obbligo di nominare il medico competente per l’effettuazione della sorveglianza nei casi previsti dal medesimo decreto legislativo;
  • Atteso che l’incarico in oggetto si riferisce ad attività obbligatorie previste dal legislatore per la tutela della salute dei dipendenti sui luoghi di lavoro;
  • Accertata, stante la natura dell’incarico in oggetto, ‘impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane interne per l’espletamento dei compiti di medico del lavoro;
  • Considerato che risulta necessario garantire l’uniformità e la continuità del servizio di medico competente per la sicurezza nei luoghi di lavoro anche al fine di tutelare al meglio la sicurezza e la salute dei lavoratori dell’Amministrazione;
  • Considerato, ancora, che le visite periodiche ai dipendenti nonché ai detenuti - lavoratori della Casa di Reclusione di Rossano vengono svolte presso l’Istituto garantendo con ciò un risparmio all’amministrazione in termini di oneri connessi allo spostamento dei dipendenti nonché dei detenuti- lavoratori, oltre che una perdita di ore lavorative;

RENDE NOTO

che intende procedere, nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza e proporzionalità, alla manifestazione di interesse finalizzata al conferimento, presso la Casa di Reclusione di Rossano, di un incarico libero professionale di “Medico Competente e di sorveglianza sanitaria”, affinché svolga le attività di cui agli articoli 25 e 41 del D. Lgs. 81/2008, ivi comprese le visite periodiche ai dipendenti nonché ai detenuti - lavoratori della Casa di Reclusione di Rossano.

Per lavoratori, pertanto, ai fini della presente procedura si intendono:

  • Dipendenti Comparto Funzioni Centrali;
  • Dipendenti Polizia Penitenziaria;
  • Detenuti lavoratori.
  1. Il presente avviso è rivolto ai medici in possesso di almeno uno dei requisiti previsti dall’art. 38 del D. Lgs 81/2008:
    1. specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica;
    2. docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro;
    3. autorizzazione di cui all’articolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277(N);
    4. specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale.
      Tali requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione di partecipazione alla manifestazione di interesse.
      I partecipanti, inoltre, dovranno produrre dichiarazione attestante l’insussistenza di situazioni, anche potenziali, di conflitto d’interesse con la Casa di Reclusione di Rossano.
  2. Le prestazioni professionali oggetto del presente avviso sono definite dagli articoli 25 e 41 del D. Lgs. 81/2008 e comprendono le seguenti attività:
    1. collaborare con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, anche ai fini della programmazione, ove necessario, della sorveglianza sanitaria, alla predisposizione della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori, all’attività di formazione e informazione nei confronti dei lavoratori, per la parte di competenza, e alla organizzazione del servizio di primo soccorso considerando i particolari tipi di lavorazione ed esposizione e le peculiari modalità organizzative del lavoro. Collabora inoltre alla attuazione e valorizzazione di programmi volontari di “promozione della salute”, secondo i principi della responsabilità sociale;
    2. programmare ed effettuare la sorveglianza sanitaria di cui all’articolo 41, attraverso protocolli sanitari definiti in funzione dei rischi specifici e tenendo in considerazione gli indirizzi scientifici più avanzati. La sorveglianza sanitaria comprende
      la visita medica preventiva intesa a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro a cui il lavoratore è destinato, al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica;
      la visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica. La periodicità di tali accertamenti è quella prevista all’art. 176, c.3, del D. Lgs. 81/2008;
      la visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal Medico Competente correlata ai rischi professionali o alle condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa dell’attività lavorativa svolta, al fine di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica;
      la visita medica in occasione del cambio di mansione, onde verificare l’idoneità alla mansione specifica;
      la visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro nei casi previsti dalla vigente normativa.
    3. istituire, aggiornare e custodire, sotto la propria responsabilità, una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Tale cartella è conservata con salvaguardia del segreto professionale e, salvo il tempo strettamente necessario per l’esecuzione della sorveglianza sanitaria e la trascrizione dei relativi risultati, presso il luogo di custodia concordato al momento della nomina del medico competente;
    4. consegnare al Datore di Lavoro, alla cessazione dell'incarico, la documentazione sanitaria in suo possesso, nel rispetto delle disposizioni di cui al decreto legislativo del 30 giugno 2003, n. 196, e con salvaguardia del segreto professionale;
    5. consegnare al lavoratore, alla cessazione del rapporto di lavoro, copia della cartella sanitaria e di rischio, fornendogli anche tutte le informazioni necessarie relative alla conservazione della medesima;
    6. fornire informazioni ai lavoratori sul significato della sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti e, nel caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine, sulla necessità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione della attività che comporta l'esposizione a tali agenti. Fornisce altresì, a richiesta, informazioni analoghe al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;
    7. informare ogni lavoratore interessato, dei risultati della sorveglianza sanitaria di cui all'articolo 41 e, a richiesta dello stesso, rilasciargli copia della documentazione sanitaria;
    8. comunicare per iscritto, in occasione delle riunioni di cui all'articolo 35, al Datore di lavoro, al Responsabile del servizio di prevenzione protezione dai rischi ed al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e delle indicazioni sul significato di detti risultati ai fini della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori;
    9. visitare gli ambienti di lavoro almeno una volta all'anno o a cadenza diversa da stabilire in base alla valutazione dei rischi; l’indicazione di una periodicità diversa dall'annuale deve essere comunicata al Datore di lavoro ai fini della sua annotazione nel documento di valutazione dei rischi;
    10. partecipare alla programmazione del controllo dell'esposizione dei lavoratori, ai fini della valutazione del rischio e della sorveglianza sanitaria;
    11. comunicare mediante autocertificazione il possesso dei titoli e dei requisiti di cui all’art. 38, comma 1, del D. Lgs. 81/2008 al Ministero della salute entro i termini previsti dalla vigente normativa.
      L’attività di Medico Competente deve essere svolta secondo quanto previsto dall’art. 39 del D. Lgs. 81/2008.
  3. Il Direttore della Casa di Reclusione, nella qualità di datore di lavoro, considerate le esigenze dell’Istituto Penitenziario, potrà chiedere al Medico incaricato di effettuare le visite mediche di controllo tanto sui lavoratori quanto sui detenuti – lavoratori.
    Inoltre, il Medico competente, su richiesta del datore di lavoro, dovrà svolgere attività di consulenza e supporto, in relazione alle proprie specifiche competenze sulle questioni che saranno sottoposte alla sua attenzione.
  4. Il contratto avrà durata di tre anni dalla data di sottoscrizione del contratto.
  5. I professionisti interessati potranno avanzare la propria candidatura a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo: cr. rossano@giustiziacert.it entro e non oltre il 31/12/2022, utilizzando la modulistica allegata al presente avviso, la quale dovrà essere acclusa la documentazione comprovante quanto dichiarato ovvero produrre autocertificazione per la stessa ai sensi del D.P.R. 445/2000.
    Non verranno prese in considerazione le manifestazioni di interesse:
    pervenute oltre il termine sopra indicato;
    prive dei documenti richiesti;
    prive della sottoscrizione e della copia del documento di identità in corso di validità;
    prive della dichiarazione attestante la mancanza di cause di incompatibilità, come sopra individuate.
    Il rischio della tempestiva presentazione della domanda di partecipazione e delle dichiarazioni mediante PEC è a totale carico del mittente, il quale si assume qualsiasi rischio in caso di mancato o incompleto inserimento della dichiarazione e della documentazione richiesta dal presente avviso, dovuto, a mero titolo esemplificativo e non esaustivo, a malfunzionamenti degli strumenti telematici utilizzati, a difficoltà di connessione e trasmissione, a lentezza dei collegamenti, o a qualsiasi altro motivo, restando esclusa qualsivoglia responsabilità della Casa di Reclusione di Rossano ove per ritardi o disguidi tecnici o di altra natura, ovvero per qualsiasi motivo, la documentazione non pervenga in maniera corretta nel termine stabilito.
  6. I soggetti selezionati verranno invitati con apposita lettera d’invito contenente elementi maggiormente dettagliati in merito al successivo svolgimento della procedura e alla stipulazione del contratto.
    Nel caso di presentazione di una sola manifestazione di interesse, la Casa di Reclusione si riserva la facoltà di procedere alle ulteriori fasi della procedura di affidamento con l'unico operatore concorrente partecipante.
  7. I medici che intendono partecipare alla presente manifestazione di interesse dovranno allegare, altresì, alla istanza il proprio curriculum vitae, atteso che ai fini della selezione e della successiva graduatoria saranno valutati i seguenti elementi:
    1. Data di iscrizione all’albo professionale;
    2. Voto Diploma di Laurea;
    3. Voto di abilitazione all’esercizio della professione;
    4. Specializzazioni conseguite;
    5. Libera docenza;
    6. Tirocinio abilitante svolto ai sensi della L. 148/1975;
    7. Titoli di servizio (medico incaricato ex L. 740/70, medico di guardia presso l’Amministrazione Penitenziaria, medico del presidio per tossicodipendente, attività medica svolta presso strutture sanitarie pubbliche, medico dipendente di pubbliche amministrazioni, medico militare, medico di ruolo nell’Amministrazione Penitenziaria).
  8. Il presente avviso viene trasmesso alla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurgi e degli Odontoiatri e all’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Cosenza, ai quali sarà richiesto di pubblicare il presente avviso sui loro siti web, al fine id darne la massima diffusione possibile tra i professionisti ivi iscritti.
    Una copia del presente avviso viene inoltrata al Ministero della Giustizia per pubblicazione sulla pagina web istituzionale.
  9. La Casa di Reclusione si riserva la facoltà di prorogare, sospendere o revocare la presente manifestazione di interesse, qualora ne rilevasse l’opportunità per ragioni di pubblico interesse.
  10. Ai sensi del D. Lgs. n. 196/2003 e s.m.i. il trattamento dei dati contenuti nelle domande, finalizzato alla gestione della presente procedura, avverrà con utilizzo di procedure informatiche e di archiviazione cartacea dei relativi atti.

Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini dello svolgimento della selezione.

Corigliano Rossano, 5 dicembre 2022

Il Direttore
Dott.ssa Maria Luisa Mendicino