PROGETTO - Trattamento di condannati autori di reati sessuali, maltrattamenti su familiari e conviventi ed atti persecutori - Provveditorato regionale - VENETO, FRIULI VENEZIA GIULIA e TRENTINO ALTO ADIGE - Scheda di sintesi

Pubblicazione del 19 settembre 2022

Ministero della giustizia
Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria
Provveditorato regionale  VENETO, FRIULI VENEZIA GIULIA e TRENTINO ALTO ADIGE

Verbale relativo alla procedura di manifestazione d’interesse per l’affidamento di un servizio di trattamento psicologico per il reinserimento nella società rivolto ai condannati autori di reati sessuali, maltrattamenti su familiari e conviventi.

La Commissione si è riunita in data 16/9/2022 alle ore 12,00 presso gli Uffici di questo Provveditorato Regionale per esaminare le istanze pervenute entro il termine prefissato 08/9/2022:

Associazione INTERPARES Onlus C.F 90137940327_Trieste prot.n. 39377 del 09/9/2022

Associazione L'ISTRICE APS C.F. 91092600930_Pordenone prot.n. 38074 del 01/9/2022

Associazione PSICOLOGO DI STRADA C.F 92191030284 _Padova prot.n. 38703 del 06/9/2022

Associazione EU – TOPIA APS – C.F. 90177050276_Mirano (VE) prot.n. 38693 del 06/9/2022

 Si prende atto che l’istanza formulata dall’ Associazione INTERPARES Onlus è pervenuta oltre il termine previsto ma si è ritenuto di includerla ugualmente tra i partecipanti, in considerazione dell’opportunità di una maggior scelta dell’organizzazione del servizio trattamentale proposto negli Istituti Penitenziari del distretto.

Pertanto valutato che le istanze sono pervenute secondo le modalità richieste, analizzati i requisiti richiesti, si è verificato che sussiste per tutti i manifestanti l’interesse essendo tutti enti privati che hanno avuto pregressa esperienza nel settore, sono attribuiti i singoli punteggi secondo la seguente graduatoria:

elenco

Ente

Punteggio

Sedi

1

Associazione INTERPARES Onlus C.F 90137940327_Trieste

120

CC TRIESTE

2

Associazione PSICOLOGO DI STRADA C.F 92191030284 _Padova

100

CC PADOVA,

CC ROVIGO

3

Associazione L'ISTRICE APS C.F. 91092600930_Pordenone

87

CC UDINE

4

Associazione EU – TOPIA APS – C.F. 90177050276_Mirano (VE)

85

CC TOLMEZZO,

CC VENEZIA,

CR VENEZIA


Emerge che la parte del modulo di adesione inerente l’iscrizione all’ INPS/INAIL non è stata compilata dagli Enti partecipanti .

Dopo il confronto tra i Commissari si ritiene che l’omessa indicazione da parte degliEnti partecipanti non sia ostativa all’ammissione dei suddetti Enti partecipanti, che dovranno comunque garantire all’atto della prestazione del servizio alle Direzioni la copertura assicurativa.

Sul sito internet istituzionale del Ministero della Giustizia e AVCP si procederà alla pubblicazione delle offerte economiche.

La riunione ha termine alle ore 13,30.

Padova, lì 16/9/2022

dott. Casarano Ottavio

dott.ssa Emanuela Dal Maso

ass. amm. Anna Montanari

 



TERMINE per il ricevimento delle domande: 8 settembre 2022

 


Pubblicazione del 25 agosto 2022

AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE
APERTURA TERMINI PER GLI ISTITUTI DI PENA NON RICHIAMATI NELLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DEL 25.07.2022

Procedura per l’affidamento di un servizio di trattamento psicologico per il reinserimento nella società rivolto ai condannati autori di reati sessuali, maltrattamenti su familiari e conviventi ed atti persecutori

Il Provveditore Regionale

Richiamati i seguenti riferimenti normativi

Legge n. 354/75 art. 13-bis;

Legge n. 69/2019;

Legge n. 241/1990;

Considerato l’inserimento nel Programma di Bilancio del nuovo capitolo 1761 pg 16 “Somme destinate al trattamento psicologico per il reinserimento nella società dei condannati per reati sessuali, maltrattamenti su familiari e conviventi ed atti persecutori”;

Visto il documento di programmazione dell’Ufficio del Capo del Dipartimento che prevede espressamente l’attivazione d’interventi per i condannati per reati sessuali, maltrattamenti contro i familiari o conviventi e atti persecutori;

Considerata la circolare della Direzione Generale dei detenuti e Trattamento relativa al potenziamento del trattamento psicologico per il reinserimento nella società dei condannati per reati sessuali, maltrattamenti su familiari e conviventi ed atti persecutori;

Verificati i fondi assegnati pari a euro 150.727,00 ;

Visti gli oneri di pubblicità legali e di trasparenza, previsti dalla normativa in vigore, e la necessità di dare alla stessa piena attuazione a mezzo delle risorse disponibili;

Considerati gli esiti dell’avviso già emanato per gli Istituti di Trento C.C., Treviso C.C., Verona C.C., Vicenza C.C., Padova C.R., ed in particolare le adesioni pervenute;

Tenuto conto della possibilità di estendere con le risorse complessivamente disponibili l’intervento ai rimanenti Istituti del Distretto:

PUBBLICA

Il presente Avviso di manifestazione d’interesse ai sensi dell’art. 35, comma 1 lett. D del D.LGS. 50/2016 per la presentazione di proposte progettuali inerenti alla realizzazione di percorsi di trattamento psicologico per il reinserimento nella società dei condannati per reati sessuali, maltrattamenti su familiari e conviventi ed atti persecutori di cui al co. 1 bis dell’art. 13 bis O.P.

Art.1 Obiettivi del presente avviso

Il presente avviso ha l’obiettivo d’individuare e selezionare Enti e/ o Associazioni che propongano un progetto in grado di rafforzare l’offerta trattamentale nei confronti del target individuato, attuando specifici programmi d’intervento.

Art.2 Destinatari

Persone ristrette presso gli istituti penitenziari del Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, condannate per reati sessuali, maltrattamenti su familiari e conviventi di cui al comma 1 bis dell’art. 13 bis o. p.

Art.3 Sede delle Attività

Le attività saranno svolte presso i seguenti Istituti di Pena:

  • Casa Circondariale di Bolzano;
  • Casa Circondariale di Padova;
  • Casa Circondariale di Rovigo;
  • Casa Circondariale di Tolmezzo;
  • Casa Circondariale di Trieste;
  • Casa Circondariale di Udine;
  • Casa Circondariale di Venezia Santa Maria Maggiore;
  • Casa di Reclusione femminile di Venezia
     

Art. 4 Tempi e Dotazione Finanziaria

Il progetto dovrà essere realizzato con inizio nel mese di agosto p.v. e terminare agli inizi del mese di dicembre c.a.

Le risorse a disposizione finanziate sul capitolo 1761 pg. 16 verranno erogate sino al raggiungimento della copertura finanziaria, a seguito di presentazione di fatturazione elettronica, per il 50% dopo un mese dell’avvio della progettualità e il saldo al 30.11.2022, a seguito di presentazione di un resoconto dell’attività realizzata.

I singoli accordi con gli Enti saranno stipulati dalle Direzioni sedi degli Istituti Penitenziari indicati all’art.3.

Art. 5 Attività progettuali

La proposta progettuale dovrà contenere la descrizione dell’intervento (All. “A”) e l’indicazione dell’importo finanziario necessario per la realizzazione dello stesso.

Art. 6 Soggetti che possono presentare domanda di partecipazione  

Sono invitati a manifestare la disponibilità a erogare i servizi previsti di cui all’art.5 del presente Avviso:

  • Università;
  • Enti cui si applicano le disposizioni contenute nel Codice del Terzo settore (D. Lgs 117/2017) accreditati per l’erogazione di servizi formativi e di assistenza alla persona;
  • Consorzi di Enti aventi le caratteristiche di cui al punto precedente.
     

Art. 7 Modalità di presentazione della manifestazione d’interesse

I soggetti in possesso dei requisiti di ammissibilità alla selezione di cui all’art. 6 possono manifestare il proprio interesse a partecipare presentando apposita istanza, entro 15 giorni dalla pubblicazione del presente avviso.

L’invio della richiesta di partecipazione firmata dai legali rappresentanti, redatta in forma di autocertificazione, in conformità con il modello allegato, parte integrante del presente avviso (modulo di domanda -Allegato “B”) deve avvenire tramite pec all’indirizzo prot.pr.padova@giustiziacert.it specificando nell’oggetto “Manifestazione di interesse finalizzata a realizzare il progetto “Trattamento di condannati autori di reati sessuali, maltrattamenti su familiari e conviventi ed atti persecutori - Provveditorato regionale per il Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige”

La domanda dovrà contenere

  • la completa denominazione, la natura, la forma giuridica, la sede legale e la sede operativa, i numeri di CF e P.IVA e di posizione INPS, INAIL di ciascun ente singolo o componente la rete (quale ente capofila e partner) e, nello specifico, per gli enti terzo settore e no profit anche la dichiarazione di possesso dello statuto e atto costitutivo, la data di costituzione (da dichiarare attraverso la compilazione del modulo di domanda -Allegato “B”-);
  • le generalità del legale rappresentante e dell’idoneità dei suoi poteri alla sottoscrizione degli impegni connessi con l’istanza di manifestazione di interesse;
  • la dichiarazione che il legale rappresentante (o suo delegato) dispone di firma digitale e di casella postale elettronica (certificata o non);
  • la dichiarazione in tema di tracciabilità dei flussi finanziari (ex L. 136 del 13.08.2010);
  • la dichiarazione di iscrizione agli appositi albi/registri/liste nazionali o regionali;
  • il nominativo del referente dell’azione, l’indirizzo di posta elettronica certificata utilizzato per la trasmissione dell’istanza e per ricevere comunicazioni, il numero di telefono, indirizzo di posta elettronica;
     

Le manifestazioni pervenute oltre il termine indicato o con modalità e forme diverse rispetto a quella prevista e/o carenti della documentazione richiesta dal presente avviso, s’intenderanno automaticamente escluse senza alcun onere di comunicazione da parte del Provveditorato.

Art.8 Modalità e criteri di valutazione dell’idoneità dei soggetti interessati

All’esame delle proposte provvederà un’apposita commissione, nominata dal Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria per il Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. La commissione verificherà l’ammissibilità delle proposte e le valuterà utilizzando i criteri sottoelencati.

Al termine della valutazione la graduatoria sarà pubblicata sul sito www.giustizia.it. e notificata, unitamente all’eventuale motivo di esclusione, via PEC ai proponenti.

Criteri di valutazione

  1. Esperienza pregressa nella gestione di progetti nell'area di intervento
  2. Dettaglio della proposta e sua attinenza al contesto
  3. Provata connessione con la rete pubblica e privata di servizi territoriali
  4. Elementi integrativi, innovativi e sperimentali di miglioramento della qualità del progetto in termini di servizi offerti, strumenti e metodologie utilizzate
     
 
Criteri di
valutazione
Punteggio
massimo
Modalità
di calcolo
1 Esperienza pregressa nella
gestione di progetti nell'area
di intervento
Pari o maggiore di 3 anni 20 20
Pari o maggiore di 2 anni 10
Pari o maggiore di 1 anno 5
2 Dettaglio della proposta e sua attinenza al contesto Chiarezza espositiva 50 0-10
Coerenza dei contenuti 0-10
Adeguatezza rispetto agli obiettivi e alle tempistiche
previste per la realizzazione del progetto
0-15
Qualità della metodologia prevista permonitoraggio e
valutazione dell'intervento e delle singole azioni
0-20
Qualità della composizione e dell'organizzazione del partenariato 0-25
Qualità del raccordo con i servizi territoriali,
pubblici e privati
0-35
3 Provata connessione con la rete pubblica e privata di servizi territoriali   50 0-50
4 Elementi integrativi, innovativi e sperimentali di miglioramento
della qualità del progetto
in termini di servizi offerti, strumenti e metodologie utilizzate
1 elemento 50 0-10
2 elementi 0-20
3 o più elementi 0-50
Totale punteggio 170 punti

 

Non si procederà alla valutazione nel caso in cui per il singolo Istituto sia pervenuta un’unica proposta; in questo caso, verificata l’ammissibilità della proposta pervenuta, si procederà direttamente all’attivazione della collaborazione.

Art. 9 Tutela privacy

In attuazione del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.lgs. n. 196/2003, Regolamento UE n. 2016/679 e D.lgs. 101/2018), i dati contenuti saranno utilizzati nell’ambito del procedimento di istruttoria. Tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e tutelando la riservatezza e diritti dell’operatore.

Art. 10 Norme finali

Il presente avviso è a scopo illustrativo e non comporta l’immediata instaurazione di posizioni giuridiche, obblighi negoziali o l’attivazione di rapporti di collaborazione con il Provveditorato che si riserva la potestà di sospendere, modificare o annullare, in tutto o in parte, il procedimento di cui al presente Avviso con atto motivato, nei casi ammessi dalla normativa vigente.

Art. 11 Responsabile del procedimento

Si nomina responsabile del procedimento la dr.ssa Emanuela Dal Maso e collaboratore del RUP il FC dott.ssa Antonella Alloggio.

Padova, 24 Agosto 2022

Il Provveditore regionale
Maria Milano Franco D'Aragona