salta al contenuto

Realizzazione progetto ‘Percorsi di mediazione penale’ - Ufficio interdistrettuale di esecuzione penale esterna - ROMA - 27 luglio 2020 - Avviso di selezione

Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità
Ufficio interdistrettuale di esecuzione penale esterna per il Lazio, Abruzzo e Molise

Area III – Contabilità

data di pubblicazione: 17 agosto 2020

Realizzazione Progetto Obiettivo 1D DPI 2020-21-22

Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna per il Lazio, Abruzzo e Molise

Avviso di selezione per Latina e Provincia
 

DIPARTIMENTO PER LA GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITA’

Avviso pubblico per la selezione di cooperativa o associazione di promozione sociale per la realizzazione del Progetto “PERCORSI DI MEDIAZIONE PENALE”, finanziato per l’anno 2020.

IL DIRIGENTE

VISTO quanto riportato dalla Circolare del Dipartimento della Funzione Pubblica n°2 del 11.03.2008 (Disposizioni in tema di collaborazioni esterne);

ATTESI gli oneri di pubblicità legale e di trasparenza, previsti dalla normativa in vigore;

CONSIDERATI i fabbisogni trattamentali dei soggetti in esecuzione penale esterna in carico all’Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna di Latina;

VISTA la nota n.12303.U del 27 Febbraio 2020 di approvazione delle progettualità presentate nell’ambito dell’obiettivo 1D della programmazione generale per l’anno 2020;

VERIFICATA la copertura sul Capitolo 2134 Esercizio 2020;

VALUTATA la necessità di stipulare specifiche convenzioni per dare esecuzione alla progettualità finanziata;

INDICE

una selezione per l’affidamento dell’incarico relativo alla realizzazione del progetto ”Percorsi di mediazione penale”, rientrante nell’Obiettivo 1A, da realizzarsi presso la sede dell’Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna di Latina, approvato e finanziato con il seguente costo: € 3’400,00, di cui:

  • € 2’400,00 per l’organizzazione e la realizzazione di 10 incontri di mediazione penale individuali (60h x 2 mediatori = 120h complessive);
  • € 1'000,00 per l’organizzazione e la realizzazione di n. 2 incontri informativi di gruppo rivolti a soggetti interessati da simili tipologie di reato, con particolare riguardo alle infrazioni al codice della strada attraverso il coinvolgimento di enti esponenziali e n. 1 incontro rivolto ai rappresentanti delle realtà istituzionali, e non, interessate e alla comunità locale per la sensibilizzazione verso forme di giustizia alternative fondate sulla riparazione e l’impegno civico;

Obiettivi

  • implementare i percorsi di mediazione penale a favore di persone adulte in esecuzione penale esterna;
  • promuovere e realizzare iniziative pubbliche informative e di sensibilizzazione rivolte sia alle persone in esecuzione penale esterna che alla comunità locale sia tra seminari per la diffusione della cultura della mediazione penale e della giustizia riparativa, nonché di nuove pratiche fondate sulla riparazione e l’impegno civico nell’ambito territoriale di competenza dell’Ulepe di Latina.

Metodologia di intervento promuovere, favorire e realizzare, presso la sede dell’Ente attuatore, momenti di incontro/confronto tra imputati/indagati e vittime, anche non dirette, all’interno di un contesto neutro e rispettoso delle esigenze degli interessati, nonché delle normative vigenti;

  • realizzare incontri tra tutti gli attori coinvolti nella realizzazione del progetto per la verifica e la valutazione dell’andamento delle attività e dei risultati via via conseguiti;
  • elaborare, a cura del coordinatore referente del Progetto dell’ULEPE di Latina e del responsabile dell’Ente aggiudicatario dello stesso, di uno strumento di registrazione degli esiti dei percorsi di mediazione individuali e di gruppo, nonché di un report finale sugli esiti del Progetto;

Settore di intervento mediazione penale;

Ambito territoriale provincia di Latina in quanto territorio di competenza dell’Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna di Latina;

Destinatari almeno n°10 soggetti in carico all’Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna di Latina sottoposti a indagine socio-familiare per misure e sanzioni di comunità o già in esecuzione penale esterna;

Tempi di attuazione esercizio finanziario 2020, con termine inderogabile delle attività al 31.12.2020;

Modalità di fatturazione dovrà essere presentata regolare fattura elettronica, salvo i casi di esclusione previsti per legge, intestata all’Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna per il Lazio, Abruzzo e Molise, codice fiscale 97915050583 – codice IPA LTHMPT, con indicazione del numero CIG che verrà comunicato in sede di aggiudicazione.

Il materiale occorrente per l’esecuzione del progetto sarà a carico dell’Ente attuatore e dovrà essere indicato nell’articolazione dei costi del progetto stesso.

Saranno ammesse a partecipare le Cooperative, Associazioni, O.N.L.U.S., appartenenti al Terzo Settore, iscritte nel registro regionale della promozione sociale ed in possesso dei requisiti di cui all’art.80 del D.L. n°50/2016 (Nuovo codice degli appalti) interessate a cooperare in sinergia con l’Amministrazione scrivente ed a partecipare alle procedure di aggiudicazione, mediante la presentazione della propria offerta, nelle forme e modi previsti dalla normativa contabile.

Le organizzazioni interessate dovranno elaborare una proposta progettuale in linea con la normativa vigente nella quale indicare:

  • nominativo del Referente del progetto;
  • tempi e modalità organizzative del servizio;
  • numero beneficiari (almeno n.10);
  • risorse materiali ed umane impiegate;
  • piano finanziario con il dettaglio dei costi comprensivi di oneri previdenziali ed assicurativi.

PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE

La proposta progettuale dovrà essere inviata con posta elettronica certificata all’ indirizzo prot.uepe.roma@giustiziacert.it entro e non oltre 15 giorni dalla pubblicazione del presente avviso sul sito del Ministero della Giustizia (www.giustizia.it), corredata dallo Statuto e dal Curriculum dell’Ente proponente (o di una scheda descrittiva dettagliata), nonché dei curricula vitae del Responsabile dello stesso, del Referente del progetto e di tutte le altre risorse umane coinvolte nel progetto.

VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE

La Commissione, che verrà istituita presso l’U.I.E.P.E. di Roma e costituita dal Dirigente (o da un suo delegato), dal Direttore dell’U.L.E.P.E. di Latina (o da un suo delegato), dal Funzionario Contabile dell’U.I.E.P.E. di Roma e dal Responsabile/Referente del progetto per l‘Ufficio, scaduto il termine di presentazione delle proposte, effettuerà la valutazione delle stesse.

La Commissione provvederà all’esame dell’ammissibilità e successivamente alla valutazione di merito delle proposte progettuali pervenute.

La Commissione si riserva di chiedere chiarimenti in relazione alla documentazione presentata dal soggetto proponente, invitandolo a produrre eventuali integrazioni documentali ed informazioni al fine delle attività di valutazione.

Conclusa la fase di valutazione, la Commissione pubblicherà gli esiti della valutazione sul sito del Ministero della Giustizia (www.giustizia.it)

La Commissione giudicatrice si riserva, altresì, di procedere allo scorrimento della graduatoria in ogni caso in cui si renda necessario.

AGGIUDICAZIONE

Il presente avviso non vincola l’Amministrazione a procedere ad aggiudicazione.

L’Amministrazione ha facoltà di procedere ad aggiudicazione anche nel caso di una sola offerta ritenuta valida ai sensi del comma 2, lettera a) dell’art.36 del D.Lgs. 56/2017 e, comunque, aggiudicherà entro e non oltre 30 gg dallo scadere del termine di presentazione delle proposte progettuali.

PARAMETRI DELLA VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE

I progetti saranno valutati in base ai criteri di seguito indicati, con l’assegnazione di un punteggio che consentirà di definire una graduatoria:

Parametro 1 esperienza dell’Ente, maturata nella mediazione penale anche minorile, con attività nella provincia di Latina ai fini della valutazione della specifica competenza, nonché della conoscenza del fenomeno della devianza a livello locale e delle risorse territoriali per contrastarla;

Parametro 2 esperienze e specifiche attività di collaborazione con gli Uffici giudiziari, la cui competenza incide sul territorio di Latina in relazione alle attività oggetto dell’avviso;

Parametro 3 valutazione di merito del progetto.

La Commissione giudicatrice, preposta alla valutazione delle offerte tecniche, sulla base delle indicazioni fornite, procederà all’attribuzione del punteggio come segue:

Parametro 1 esperienza dell’Ente in relazione alle attività dell’incarico

  • 10 punti in caso di esperienza maggiore di anni 10;
  • 8 punti in caso di esperienza compresa tra i 5 e i 10 anni;
  • 5 punti in caso di esperienza compresa tra 1 e 5 anni;
  • 2 punti in caso di esperienza inferiore ad 1 anno.

Parametro 2 esperienza di collaborazione dell’Ente con Uffici Giudiziari

  • 10 punti in caso di collaborazione maggiore di anni 10;
  • 8 punti in caso di collaborazione compresa tra i 5 e i 10 anni;
  • 5 punti in caso di collaborazione compresa tra 1 e 5 anni;
  • 2 punti in caso di collaborazione inferiore ad 1 anno.

Parametro 3 la Commissione attribuirà un punteggio da 1 a 10 sulla base del numero dei beneficiari, del costo per singolo percorso di mediazione penale a favore di ciascun beneficiario, del numero e della qualifica delle risorse umane impiegate; della sede e delle attrezzature messe a disposizione, delle azioni previste e della metodologia operativa utilizzata.

In caso di offerte che abbiano totalizzato uguale punteggio complessivo il progetto verrà aggiudicato all’Ente con il punteggio più elevato rispetto al Parametro 1.

In caso di ulteriore parità, il progetto verrà aggiudicato all’Ente con il punteggio più elevato rispetto al Parametro 2.

In caso di ulteriore parità, il progetto verrà aggiudicato all’Ente con il punteggio più elevato rispetto al Parametro 3.

ESECUZIONE DELLE ATTIVITA’ PREVISTE DALLA PROPOSTA PROGETTUALE

L’esecuzione delle attività sarà monitorata dal Responsabile del progetto individuato dall’Amministrazione procedente, che collaborerà con il Referente del progetto individuato dall’Ente aggiudicatario.

Il Responsabile del progetto individuato dall’Amministrazione procedente avrà facoltà di stabilire modalità di rilevazione dell’aderenza delle attività svolte rispetto alla proposta progettuale e del buon andamento del progetto.

L’ente aggiudicatario dovrà comunicare preventivamente all’Amministrazione i nominativi degli addetti allo svolgimento delle attività previste dal progetto.

Il presente avviso assolve agli obblighi di pubblicità e trasparenza dettati dalle normative vigenti.

Roma, 27 luglio 2020

Il Dirigente
Patrizia Calabrese


Strumenti