salta al contenuto

Affidamento e gestione birrificio - Casa di Lavoro - VASTO - 8 maggio 2020 - Scheda di sintesi

TERMINE per il ricevimento delle domande di partecipazione: 6 giugno 2020


â–º Avviso 8 maggio 2020 - Avviso di selezione

Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria
Casa Lavoro con annessa Sez. Circondariale VASTO (CH)

Data di pubblicazione: 8 maggio 2020

AVVISO PUBBLICO

AFFIDAMENTO E GESTIONE LOCALE BIRRIFICIO PER INSERIMENTO LAVORATIVO DETENUTI CON SOGGETTI PUBBLICI/PRIVATI O COOPERATIVE SOCIALI

Il DIRETTORE

Vista la Legge n. 354/1975 (Ordinamento Penitenziario);

Visto l’art. 20 bis del D.L. n. 187/1993, convertito con modificazioni  Legge n. 296/1993 e disposizioni connesse;

Visto l’art. 2 comma 8 del D.Lgs. 2 ottobre 2018 n. 124;

Vista la necessità di avviare le procedure finalizzate alla stipula di una convenzione per avviare un’attività produttiva all’interno dell’Istituto secondo quanto disposto dalla Legge 193/2000 ;

Attesi gli oneri di pubblicità legale e di trasparenza di cui all’art. 19 del Decreto n. 33/2013;

INDICE

una selezione, per progetti e curricula,  per la stipula di una convenzione , come disposto dalla legge 193/2000, per l’affidamento e la gestione dell’azienda agricola presente  presso la Casa Lavoro con annessa Sez. ne Circondariale di Vasto.
Le proposte progettuali dovranno essere finalizzate al reinserimento sociale e alla creazione di attività lavorative e pertanto vi è l’obbligo di assumere un numero minimo di detenuti all’interno delle stesse attività.

OGGETTO E NATURA DEL BIRRIFICIO

L’impianto  presente in Istituto è di nuova generazione avente per scopo la produzione artigianale della birra dove detenuti ammessi al lavoro saranno formati ed avviati all’inclusione professionale nella filiera della produzione. Gli impianti ed attrezzature presenti in laboratorio sono sinteticamente i seguenti: tino di cottura da lit.120 inox, tino di filtrazione da lit.100 inox, fermentatore da lit.120 inox, serbatoio da lit. 500 inox, ulteriore tino di filtrazione inox, serbatoio di accumulo acqua da lit. 380,pompa per mosto ,pannello di comando in acciaio inox, fermentatore in acciaio inox aisi 304 da lit.500, mulino elettrico per malto 150 kg/H, cella frigo modulare, lavabottiglie, riempitrice lineare,  frigo 0/5° c con indicatore digitale 50 lit,  ed altri suppellettili tipo scaffalature ed armadi inox.

METODOLOGIA D’INTERVENTO

L’impresa che intenda avviare un’attività produttiva all’interno dell’Istituto, secondo quanto disposto dalla Legge 193/2000 deve stipulare una convenzione con la struttura proponente, assumere detenuti/internati, corrispondere agli assunti un trattamento economico non inferiore a quello previsto dai contratti collettivi di lavoro. La convenzione regola l’utilizzo in comodato gratuito dei  locali, degli impianti  e delle attrezzature presenti  , le modalità di addebito all’impresa delle  spese di luce e acqua .

TEMPI DI AFFIDAMENTO

Si prevede la durata della convenzione di tre anni con possibilità di rinnovo per altrettanti periodi .

SOGGETTI AMMESSI A PARTECIPARE

Sono ammessi alla presente selezione, in forma singola o associata:

  • le Cooperative Sociali;
  • le Associazioni di Promozione Sociale;
  • le Imprese;
  • le Società pubbliche o private.

REQUISITI DI AMMISSIONE ALLA SELEZIONE E/O CAUSE DI ESCLUSIONE

Possono presentare domanda, a pena di esclusione, i soggetti che. alla data di presentazione dell’istanza, siano nelle seguenti condizioni:

  1. non ricorra una delle ipotesi previste dall’art.80 del D.Lgs 50/2016 e ss.mm.ii.;
  2. insussistenza delle cause di incapacità a partecipare alla procedura come previste all’art. 53, comma 16 ter, del D.Lgs.165/2001, come introdotto dall’art.1, comma 42, lettera I, L.190/2012; tale condizione deve essere espressamente attestata dal legale rappresentante e dagli altri soggetti individuati dal predetto Codice appalti;
  3. iscrizione alla C.C.I.A.A. (Registro delle imprese) ovvero,per le Associazioni di Promozione Sociale, iscrizione al registro regionale delle A.P.S.;
  4. insussistenza di convenzioni o contratti precedentemente stipulati, aventi per oggetto servizi identici, risolti per inadempimento contrattuale a carico del partecipante; tale condizione deve essere espressamente attestata dal legale rappresentante e dagli altri soggetti individuati dal predetto Codice appalti.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione delle domande e mantenuti sino al termine della prestazione dell’attività.

PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE

L’impresa interessata dovrà elaborare una breve proposta progettuale che dovrà contenere:

  • breve storia dell’organizzazione proponente;
  • dichiarazione , sotto forma di autocertificazione ai sensi degli artt.46 e 47 del DPR 445/2000;
  • indicazione dell’eventuale esperienza pregressa nel settore di riferimento;
  • il numero dei detenuti che si intende assumere (minimo due unità);
  • informazioni in merito alla commercializzazione dei prodotti

VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE 

Il presente avviso verrà pubblicato sul sito ministeriale www.giustizia.it. ed all’Albo dell’Istituto. Scaduto il termine di presentazione dei progetti, la Commissione giudicatrice ,composta dal Direttore dell’Istituto, dal Capo Area Contabile, dal Capo Area del Trattamento  o  due componenti del Comparto Ministeri provvederà ad effettuare:

  • all’ammissione formale delle domande attraverso l’istruttoria documentale e la verifica della presenza di tutta la documentazione richiesta dal bando;
  • all’attribuzione dei punteggi sulla base di quanto dichiarato nelle istanze pervenute in tempo utile e dichiarate ammissibili;
  • al colloquio conoscitivo e motivazionale;
  • a redigere la graduatoria provvisoria e finale:

 Terminata la fase di valutazione , la Commissione trasmetterà la graduatoria presso  sul sito www.giustizia.it.  alla voce concorsi.

PARAMETRI DI VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE

La Commissione giudicatrice , preposta alla valutazione dei progetti, sulla base delle indicazioni fornite procederà all’attribuzione del punteggio come segue:

CRITERI 

  • Assunzione di un determinato numero di detenuti all’interno dell’attività : 2 punti per ogni detenuto che si intenderà assumere (minimo 2 detenuti)
  • Esperienza /attività prestata nel settore. 1 punti per ogni anno (max 6 punti)
  • Colloquio conoscitivo e motivazionale , con la commissione giudicatrice per conoscere il candidato, la proposta progettuale, approfondire le sue motivazioni e le competenze tecniche relative alla posizione ricercata: Max 4 punti

La valutazione della commissione è complessiva ed è espressa in un voto finale.

La Commissione può riservarsi di chiedere chiarimenti in relazione alle progettualità presentate invitando a produrre eventuali integrazioni documentali ed informazioni al fine delle attività di valutazione.

La convenzione verrà sottoscritta con i soggetti che avranno conseguito il punteggio più elevato. In caso di progetti che abbiano uguale punteggio complessivo la stipula della convenzione sarà effettuata a sorte.

Si procederà all’aggiudicazione  anche nel caso di un solo progetto valido.

All’esito della valutazione , la commissione predisporrà apposita graduatoria provvisoria pubblicata con le medesime modalità  del presente bando.

Dette graduatorie provvisorie saranno sottoscritte dal Presidente  e dai componenti della Commissione nonché pubblicate sul sito del Ministero della Giustizia e all’Albo dell’Istituto.

Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie provvisorie, esaminati gli eventuali reclami, il Presidente e i componenti della Commissione sottoscriveranno le graduatorie definitive perché siano pubblicate sul sito del Ministero della Giustizia e all’Albo  dell’Istituto .

La Direzione si riserva la facoltà di non procedere all’assegnazione se nessuna proposta progettuale risponda ai requisiti ed ai criteri cui la presente selezione è finalizzata, nonché si riserva la possibilità di procedere allo scorrimento della graduatoria in caso si renda necessario.

DURATA DELL’ASSEGNAZIONE

L’assegnazione avverrà attraverso la sottoscrizione di una Convenzione, allegata al presente avviso ,  ed avrà una durata minima di tre anni tacitamente rinnovata,per ugual periodo, salvo contraria volontà delle parti manifestata mediante formale comunicazione a mezzo p.e.c. almeno tre mesi prima della scadenza.

RINUNZIE E SURROGHE

Qualora il soggetto individuato quale assegnatario dovesse rinunciare, il Direttore dell’Istituto provvederà a scorrere la graduatoria degli idonei.

La rinuncia potrà avvenire solo e soltanto la forma scritta.

La Direzione della Casa Lavoro con annessa Sez. Circondariale di Vasto si riserva la facoltà di revocare l’assegnazione senza la corresponsione di alcun indennizzo da parte dell’Amministrazione Penitenziaria qualora, entro tre mesi dalla consegna dei beni,non siano state avviate le attività previste nel progetto.

TERMINE DELLE PROPOSTE

Le proposte dovranno essere inviate all’indirizzo di posta elettronica cl.vasto@giustiziacert.it avente per oggetto : “AVVISO PUBBLICO RIVOLTO  PER L’AFFIDAMENTO E GESTIONE  BIRRIFICIO  PER INSERIMENTO LAVORATIVO DETENUTI ”entro 30 giorni dalla pubblicazione di questo avviso sul sito ministeriale .
Costituisce parte integrante del presente avviso l’allegato:

  • Schema di Convenzione;
  • Modello di autocertificazione .

Il presente avviso assolve agli obblighi di pubblicità e trasparenza dettati dalle normative vigenti.

Vasto, 8 Maggio 2020

Il Direttore
Giuseppina Ruggero