salta al contenuto

Tendaggi e pellicole per vetri Nuovo Palazzo di Giustizia - FIRENZE - CIG 40941263A7 - Scheda di sintesi

23 ottobre 2012

TERMINE per il ricevimento delle domande di partecipazione: 23 aprile 2012 ore 13

 

►23 ottobre 2012 - Comunicazione dell'avvenuta stipula contrattuale

►14 settembre 2012 - Decreto di aggiudicazione definitiva ed Estratto di avviso di appalto aggiudicato

►5 luglio 2012 - Esito seconda seduta pubblica - 29 giugno 2012

► 26 giugno 2012 - Avviso seconda seduta pubblica

► 13 giugno 2012 - Esito prima seduta pubblica - 11 giugno 2012

► 28 maggio 2012 - Chiarimenti

  • DOMANDA:
    Con riferimento al modello DICH-OFF alla pagina 3 nella parte relativa alla dichiarazione del fatturato del triennio precedente è scritto: "così come dichiarato nel MOD. IST/DICH, allegando altresì la documentazione utile per la dimostrazione dei requisiti speciali richiesti". Chiedo cortesemente quali documenti devono essere allegati a dimostrazione dei requisiti speciali richiesti.
    DOMANDA:
    in merito alla richiesta di chiarimenti inoltrata con la e-mail allegata (art. 42 DL 163/2006) chiedo se in mancanza dei certificati rilasciati dalle Amministrazioni è possibile allegare le fatture emesse a fronte dei lavori effettuati.
    DOMANDA:
    sempre in merito alla richiesta di chiarimenti relativa alla richiesta DELLA DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI SPECIALI si chiede: In considerazione della riduzione degli oneri amministrativi per le aziende, dovrebbe essere il vs. ente a reperire i dati presso la Banca dati?
    RISPOSTA:
    Ferma restando la validità dei documenti ritenuti dal concorrente più idonei, come indicato nella determinazione AVCP n.5/2009 e nella lettera di invito si precisa che:
    Pertanto i requisiti speciali devono essere dimostrati dagli operatori economici.
    • Per il fatturato globale è necessario allegare i bilanci del triennio precedente?
    • Per i certificati di esecuzione lavori: "le stazioni appaltanti provvedono ad inserire nella Banca dati nazionale dei contratti pubblici di cui all'art. 62 bis del codice dell'amministrazione digitale, la certificazione attestante le prestazioni di cui al comma 1 lett. a dell'art.42 del D.lgs 163/2006.
    • i mezzi di prova per dimostrare il possesso del requisito del fatturato globale sono i documenti tributari e fiscali relativi ai tre esercizi annuali antecedenti alla data di pubblicazione del bando di gara che, alla stessa data, risultino depositati (si veda la determinazione dell’AVCP n. 5 del 21/05/2009). Se il concorrente non è in grado per giustificati motivi, ivi compreso quello concernente la costituzione o l’inizio dell’attività da meno di tre anni, di presentare la referenza richiesta, può provare la propria capacità economica e finanziaria mediante qualsiasi altro documento considerato idoneo dall’Amministrazione, ai sensi dell’art. 41, comma 3 del D.Lgs. 163/2006. Si indica che sono sufficienti le copie conforme dei bilanci aziendali per la parte relativa al fatturato minimo;
    • per i mezzi di prova per dimostrare il possesso del requisito di capacità tecnica e professionale relativo ai tre contratti di fornitura, è preferibile allegare i certificati di esecuzione lavori (o di verifica di conformità) rilasciati dai committenti e sottoscritti dal direttore dei lavori con l’indicazione dell’importo della fornitura oppure la copia del contratto stipulato.
    • L’amministrazione Appaltante, ai fini del controllo sul possesso dei requisiti di cui all’art. 48 del D.Lgs. 163/2006 richiesti nel bando di gara, richiede ad un numero di offerenti non inferiore al 10% delle offerte presentate di comprovare il possesso dei requisiti speciali presentando la documentazione indicata nella lettera d’invito. La comprova dei requisiti in fase preliminare all’apertura delle buste consente di accelerare l’intera procedura della presente gara ristretta accelerata.
  • DOMANDA:
    Essendo gli Uffici , Aule , Corridoi , Stanze ecc. occupate da Persone , arredi e Documenti, e per la natura di riservatezza vorremmo dei chiarimenti in merito a come si pensa di rendere disponibili le aree di lavoro per l’installazione.
    RISPOSTA:
    L’esecuzione della fornitura dovrà essere programmata, secondo un dettagliato crono programma da definire in accordo con il Direttore dell’esecuzione ed il Responsabile del Procedimento, al fine di rendere disponibili le aree di lavoro interessate.
  • DOMANDA:
    Il vincolo che non consente in nessun modo la foratura dei serramenti per il fissaggio delle tende ci obbliga al fissaggio sul controsoffitto. Non disponendo delle caratteristiche strutturali del controsoffitto non è possibile garantire la sicurezza dell’installazione.
    DOMANDA:
    Facciamo seguito al sopralluogo eseguito c/o Nuovo Palazzo di Giustizia di Firenze in Viale Alessandro Guidoni n. 67 per evidenziarvi una problematica emersa per quanto riguarda la posa delle tende aventi tipologia n. 04A e 04B meglio descritte nelle schede tecniche incluse nella documentazione di gara.
    Per la posa di queste tipologie di tende a rullo è necessario praticare un foro di diametro 3mm e profondità 1cm nell'infisso in alluminio in quanto tra il controsoffitto e la finestra non c'è lo spazio sufficiente; oppure per l'ancoraggio al soffitto è necessaria l'applicazione delle barre filettate che richiedono la foratura dei pannelli del controsoffitto e non garantiscono la perfetta tenuta della tenda.
    DOMANDA:
    In relazione al sopraluogo avvenuto presso la sede del Tribunale di Firenze siamo ad esporVi alcuni dubbi e perplessità sull’appalto in oggetto e più precisamente:durante il nostro sopraluogo abbiamo rilevato alcuni problemi legati a quella che dovrà essere la posa in opera a regola d’arte delle tende a rullo in particolare. Nella gara se non sbagliamo si parla oltre alle pellicole, alle tende motorizzate arricciate, di tende a rullo, e, qui nasce il problema che dopo il sopraluogo in alcune stanze dove dovranno essere installate, ci siamo resi conto che non si tratta solamente di una gara con la vendita, installazione collaudo ecc, ecc, ma bensì di opere di carpenteria metallica, smontaggio di controsoffitti, rimontaggio con modifiche, fori che possano fare in modo che le tende a rullo possano essere installate, queste a nostro modesto parere è causato da problemi strutturali dovuti alla mancanza di alloggiamenti e/o zone dove poter installare le tende in modo conforme senza modificare nulla; in questo caso si dovrà oltre a eseguire ciò detto in precedenza operare direttamente sul soffitto in cemento armato, con dei distanziali atti a supportare delle putrelline e/o tubi quadri da posizionare sotto il controsoffitto per poi poter installare le tende, il tutto per dare una stabilità che nel tempo non comprometta il lavoro delle persone che operano negli uffici.
    In questo caso la scrivente non si assumerà responsabilità relativa a problemi che potranno scaturire per le modifiche apportate al controsoffitto che dopo essere smontato modificato e rimontato potrebbe non rispondere ai requisisti richiesti in fase di gara.
    RISPOSTA:
    Il controsoffitto ha funzione decorativa e di finitura e non strutturale, pertanto l’Impresa offerente dovrà collegare la tenda al controsoffitto o al lamierino metallico appositamente predisposto. Sarà onere dell’Impresa collegare il controsoffitto o il lamierino al solaio strutturale per assicurare il corretto fissaggio della tenda.
    Tra il solai strutturale ed il controsoffitto vi sono circa da cm. 25/30. La soluzione tecnica evidenziata dai progettisti del Comune di Firenze é di ancorare le tende alla struttura in lamierino presente. Si è previsto di utilizzare dei pendenti (modelli canonici che si usano nella realizzazione dei controsoffitti in cartongesso) per poter meglio ancorare il lamierino al solaio di copertura. Si è ipotizzato (facendo i calcoli sul modello di tenda 04 che è il più diffuso) l’uso di 1 pendente a metro. Tale valore è teorico in quanto il numero corretto dei dispositivi da utilizzare deve essere “stimato” da chi fa l’offerta sulla base delle caratteristiche tecniche della tenda che andrà a fornire. Per la posa in opera di tale pendente abbiamo ipotizzato che 1 persona impieghi (in media) 7 minuti. Per la posa in opera dell’elemento tenda (che abbiamo ipotizzato lungo 2,60 m di lunghezza) abbiamo previsto che due persone impieghino (in media) 10 minuti. E’ stato stimato per la tipologia di tendaggio 04, un’incidenza di costi della mano d’opera per l’installazione a mq di tenda pari a circa l’8,65% sul totale.
    Nella documentazione di gara non si fa alcun riferimento ai requisiti del controsoffitto.
  • DOMANDA:
    Non é chiaro come realizzare il collegamento alla rete da 220 Volt per le tende motorizzate e come comandarle, non avendo punti certi di arrivo dell’alimentazione. I motori hanno cavi da 2 mt di lunghezza.
    RISPOSTA:
    E’ onere dell’Impresa collegare, come da CSA e da Schede Tecniche di Progetto, tutti i motori alla linea elettrica dedicata all’alimentazione delle prese a 16 ampere dislocate nel controsoffitto. L’Impresa dovrà collegare il proprio dispositivo alla scatola di derivazione più vicina.
  • DOMANDA:
    Vi chiediamo venga inviato con urgenza computo metrico in formato excel.
    RISPOSTA:
    Si inoltra in allegato ai presenti chiarimenti computo metrico estimativo in formato excel.
  • DOMANDA:
    La presente per sottoporvi i sotto elencati quesiti:
    • TIPOLOGIA 2
      Richiesta chiarimenti in riguardo al cablaggio e punti di alimentazione tende. Chi eseguirà l’impianto elettrico? Non esiste capitolato a riguardo
    • TIPOLOGIA 3B
      Non essendo possibile installare tende avvolgibili, in alternativa si possono fornire tende arricciate con comando manuale fissate sul controsoffitto. Possiamo posizionarle a circa 50-100 cm. verso l’interno della stanza per evitare attrito sul serramento, dovendo fissare le tende nel controsoffitto mobile chi eseguirà la predisposizione di rinforzo per rendere il montaggio a norma per la sicurezza?
    • TIPOLOGIA 4A 4B Si richiede chiarimenti sul fissaggio delle tende non potendo forare gli infissi. Dovendo fissare le tende nel controsoffitto mobile chi eseguirà la predisposizione di rinforzo per rendere il montaggio a norma per la sicurezza?
    • L’installazione avverrà con locali liberi o occupati ? Nel caso i locali siano occupati in che modalità verranno resi disponibili per l’intervento ovvero chi eseguirà lo spostamento degli arredi e delle attrezzature elettroniche al fine di poter accedere alle zone di lavoro e con che modalità verranno liberati da cose e persone?
    RISPOSTA
    Si riporta a quanto in precedenza risposto, con la precisazione che i cablaggi e le certificazioni sono a carico dell’aggiudicatario, come indicato nei documenti di gara.
    Per quanto concerne le modalità dei fissaggi, si rimanda ai rilievi esecutivi.
    In merito alla tipologia di tenda 03b, da impiegare nella vetrata della maxi aula, si consente in alternativa, di poter sostituire la tipologia prevista con una tenda del tipo motorizzato arricciata, tipologia 02, viste le osservazioni fatte in sede di sopralluogo dalle ditte intervenute e considerata l’esiguità delle quantità in gioco.
    In tal caso, l’offerta di tale tipologia alternativa sarà valutata dalla Commissione giudicatrice, per l’attribuzione del punteggio tecnico secondo quanto descritto per il tipo di tendaggio 02.

► 18 aprile 2012 - Chiarimenti

  • DOMANDA:
    Gradiremmo una conferma sul fatto che la scadenza del 23.04.2012 riguarda solo la domanda di partecipazione alla gara mentre i termini per la presentazione dell’offerta saranno comunicati successivamente ai partecipanti ammessi.
    RISPOSTA:
    Si conferma che il termine di scadenza del 23/04/2012 ore 13,00 riguarda solo la domanda di partecipazione alla gara, come indicato nel documento "Informazioni e modalità per partecipare alla gara".
    Il termine di presentazione dell'offerta e le relative modalità di presentazione saranno comunicati successivamente con lettera d'invito, trattandosi di gara a procedura ristretta.

► 6 aprile 2012 - Bando di gara