salta al contenuto

Progetto Liberi di scegliere - Dipartimento giustizia minorile e di comunità - ROMA - CIG 771400022E - Nomina Commissione giudicatrice

22 febbraio 2019


Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità
Direzione generale del personale, delle risorse e per l’attuazione dei provvedimenti del giudice minorile - Ufficio II

PROT. 00416 DEL 28.12.2019

DECRETO NOMINA COMMISSIONE GIUDICATRICE

OGGETTO: Gara con procedura aperta sul MEPA per l’affidamento di un servizio per l’attuazione di percorsi di accompagnamento socio-educativi previsti all’interno del progetto “Liberi di Scegliere”. CIG 771400022E - CUP: J79D18000020005

IL DIRIGENTE

Premesso:

  • che con determina a contrarre Prot. nr. 0003491.id del 30/11/2018 è stato autorizzato l’avvio di procedura aperta, ai sensi dell’art. 60 del D. Lgs. n. 50/2016, sul sistema MEPA, per l’affidamento di un servizio per l’attuazione di percorsi di accompagnamento socio-educativi previsti all’interno del progetto “Liberi di Scegliere”, per un importo a base d’asta pari ad Euro 613.500,00 IVA esclusa;
  • che il bando di gara relativo alla suddetta procedura è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (GU/S S7 del 10/1/2019 n. 12014/2019-IT);
  • che nella sopra richiamata determina a contrarre è stato individuato, quale criterio di aggiudicazione del servizio, quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell’art. 95, comma 3, del D.Lgs. 50/2016;

Dato atto:

  • che il termine perentorio previsto dalla documentazione di gara per la presentazione delle offerte sul sistema MEPA è scaduto alle ore 12:00:00’’ del  giorno 22/02/2019;
  • che alla scadenza del suddetto termine risulta pervenuta una sola offerta, presentata da IPRS - Istituto Psicoanalitico per le Ricerche Sociali – ROMA.

Considerato:

  • che nelle procedure di affidamento di appalti da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, la valutazione delle offerte dal punto di vista tecnico ed economico è affidata ad una commissione giudicatrice composta da esperti nello specifico settore cui afferisce l’oggetto del contratto e che la commissione è costituita da un numero dispari di commissari non superiore a cinque;
  • che non risulta, tutt’ora, operativo presso l’ANAC- Autorità Nazionale per l’Anticorruzione -  l’Albo dei Commissari di gara di cui all’art. 77 del D.Lgs. 50/2016;

Ritenuto:

  • che la individuazione dei Commissari di gara debba essere operata sulla base della valutazione dei carichi di lavoro, delle competenze ed esperienze specifiche possedute dal proprio personale dipendente - in attuazione delle direttive emanate dall’Autorità Nazionale per l’anticorruzione con le Linee guida n. 5, di attuazione del D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, recanti “Criteri di scelta dei commissari di gara e di iscrizione degli esperti nell’Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni giudicatrici”;
  • che i componenti della commissione di gara debbano altresì essere scelti tra il personale del Ministero della Giustizia che non risulti assegnato al Ministero della Giustizia, Direzione Generale del Personale, delle Risorse e dell’Attuazione dei Provvedimenti del Giudice Minorile - Ufficio II;

Ritenuto altresì necessario procedere alla nomina della commissione di gara nel rispetto dei principi di seguito specificati:

  1. numero di componenti pari a tre, selezionati, in attuazione delle  forme di collaborazione a titolo non oneroso di cui alle direttive dipartimentali, tra il personale dipendente dal Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità che non abbia svolto alcuna funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al medesimo;
  2. possesso delle competenze necessarie ed esperienza qualificata;
  3. assenza di una delle condizioni previste dall’art. 77, comma 5 e 6 del D.Lgs. n. 50/2016 per la quale dovrà essere resa apposita dichiarazione recante l’indicazione dell’insussistenza delle suddette clausole;

Considerata l’opportunità - salve le competenze del RUP - di demandare alla Commissione l’intero procedimento di valutazione delle offerte, attribuendo alla medesima la competenza sulla valutazione degli aspetti tecnico-economici delle medesime;

Ritenuto, altresì, necessario procedersi alla nomina ed alla costituzione ai sensi dell’art. 77 D.Lgs. 50/2016 di Commissione Giudicatrice così composta:

  • In qualità di Presidente: SPECCHIA Sonia, dirigente.
  • In qualità di componenti:
  • In qualità di segretario:
    • BAGNATO Maria, funzionario contabile (senza potere di voto)

DECRETA

per le motivazioni esposte in narrativa e che qui si intendono integralmente riportate quanto segue:

  1. Di nominare la commissione giudicatrice nel seguente modo:

Di designare:

  • BAGNATO Maria, in qualità di segretario(senza potere di voto).
  1. Di pubblicare, ai sensi dell’art. 29, comma 1, del Dlgs 50/2016 il presente provvedimento nella sezione “amministrazione trasparente” del Ministero della Giustizia assieme ai curricula dei componenti e alle rispettive dichiarazioni in merito all’assenza di cause d’incompatibilità con la funzione di componente della commissione giudicatrice.

Manda alla Segreteria per la registrazione, la notifica ai soggetti nominati componenti della Commissione Giudicatrice per il tramite degli Uffici di appartenenza e per i successivi adempimenti di pubblicazione legale.

Roma, 28 febbraio 2019

Il Dirigente
Isabella Mastropasqua