salta al contenuto

Funzionario delegato - Funzionario delegato al pagamento - Rilievi a seguito della formazione del titolo - Ammissibilità - Sussiste - Revoca del patrocinio a spese dello Stato - rifiuto di pagamento - Legittimità - Sussiste

provvedimento 29 maggio 2018
Foglio Informativo n. 3/2018

Il funzionario delegato, qualora, a seguito dell’attività di riscontro rilevi che una spesa sia stata disposta in difformità da quanto stabilito da norme di legge, è tenuto a segnalare la questione al magistrato che ha provveduto sulla liquidazione (nota DAG n. prot. 82211.U del 13.06.2013); è da considerarsi corretto il comportamento del funzionario delegato che a seguito di revoca dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, disposta dal magistrato su segnalazione dell’Agenzia delle entrate, non ha posto in esecuzione il provvedimento di liquidazione degli onorari in favore dell’avvocato della parte inizialmente ammessa al beneficio. Tale comportamento è da avallare sia in considerazione della efficacia “ex tunc” del provvedimento di revoca, sia “in considerazione di quanto stabilito dall’art. 172 del d.P.R. n. 115 del 2002, che individua i funzionari amministrativi quali “responsabili ... dei pagamenti da loro ordinati” e li obbliga al risarcimento del danno subito dall’erario a causa di eventuali errori o irregolarità delle loro disposizioni”, (nota DAG n. 206562 del 3.11.2017).