salta al contenuto

Negoziazione assistita - Misure di degiurisdizionalizzazione in materia di famiglia (dl. n. 132 del 2014) - Emissione del certificato previsto dall’art. 39 del Regolamento CE n. 2201 del 2003 – Autorità competente - Accordi di negoziazione assistita – Competenza della Procura della Repubblica – Sussiste

provvedimento 23 maggio 2018
Foglio Informativo n. 3/2018

Con riguardo agli accordi conclusi in sede di negoziazione assistita da avvocati, in materia di famiglia, deve ritenersi che il certificato ex art. 39 Reg. (CE) 2001 del 2003 debba essere emesso dalla procura della Repubblica che ha autorizzato l’accordo o ha rilasciato il nullaosta, atteso che l’avvocato non è qualificabile come “autorità” ai fini del Regolamento n. 2201 del 2003, nonché in considerazione del fatto che solo il provvedimento conclusivo del pubblico ministero rende l’accordo valido ed efficace, e dunque riconoscibile ed eseguibile all’estero. Da ciò consegue che, ove il pubblico ministero si sia rifiutato di autorizzare l’accordo e l’autorizzazione sia stata adottata dal presidente del tribunale (ex art. 6, comma 2, del decreto-legge n. 132 del 2014), sarà invece l’ufficio giudiziario giudicante a dover rilasciare il certificato in parola.