salta al contenuto


 

emblema della repubblica

Dipartimento per gli affari di giustizia
Direzione generale della giustizia civile

Il Direttore generale

visto il decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, recante norme di attuazione del Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, a norma dell’art. 1, comma 6, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 e successive integrazioni;

visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, di attuazione della direttiva n. 2005/36/CE del 7 settembre 2005, relativa al riconoscimento della qualifiche professionali;

visto l’art. 1, comma 2, del citato decreto legislativo n. 286/1998, come modificato dalla legge n. 189/2002, che ne prevede l’applicabilità anche ai cittadini degli Stati membri dell’Unione europea, in quanto si tratti di norme più favorevoli;

visto il decreto del Presidente della Repubblica del 5 giugno 2001, n. 328, contenente “Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio di talune professioni, nonché della disciplina dei relativi ordinamenti”;

visto il decreto ministeriale 3 dicembre 2014, n. 200, che adotta il regolamento in materia di prova attitudinale per l’esercizio della professione di ingegnere;

vista l’istanza di Picoli Thiago Augusto, nato il 26 agosto 1980 a Gravatai (Brasile), cittadino italiano, diretta ad ottenere, ai sensi dell’art. 49 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, in combinato disposto con l’art. 16 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, il riconoscimento del titolo professionale di Engenheiro Civil, conseguito in Brasile, ai fini dell’iscrizione nell’albo degli ingegneri – sezione A, settore civile ambientale e l’esercizio in Italia della relativa professione;

considerato che il richiedente ha conseguito il titolo quinquennale di Engenheiro Civil presso la Pontifìcia Universidade Catòlica do Rio Grande do Sul di Porto Alegre (Brasile) in data 5 gennaio 2007;

rilevato che il sig. Picoli è iscritto al Conselho Regional de Engenharia e Agronomia do Rio Grande do Sul – CREA – RS al n. RS146944 dal 19 gennaio 2007;

considerato che il richiedente ha documentato lo svolgimento di attività professionale in qualità di Engenheiro Orcamentista ed Engenheiro de Obras presso una ditta brasiliana da dicembre 2008 a dicembre 2017;

rilevato che con dichiarazione di valore del 24 aprile 2018 il Consolato generale d’Italia a Porto Alegre ha confermato il percorso accademico-professionale del richiedente;

viste le determinazioni della conferenza di servizi nella seduta del 27 settembre 2018, con il conforme parere del rappresentante del Consiglio nazionale di categoria;

rilevato che nella citata seduta, date le differenze tra la formazione professionale richiesta in Italia per l’esercizio della professione di ingegnere sezione A, settore civile ambientale e quella di cui è in possesso l’istante, è stato ritenuto opportuno richiedere una misura compensativa nella materia di “impianti tecnici nell’edilizia e territorio”;

considerato che il richiedente, in data 15 ottobre 2018, ha presentato istanza di riesame di detto parere, sostenendo di avere svolto gli argomenti oggetto della suddetta materia durante il suo percorso accademico e, specificatamente, in varie materie dallo stesso indicate, di cui ha inviato i relativi programmi d’esame;

rilevato che l’istanza di riesame è stata esaminata nella conferenza di servizi del 14 dicembre 2018 nella quale, con il conforme parere del rappresentante del Consiglio nazionale di categoria, è stato espresso parere favorevole all’accoglimento dell’istanza di riesame, riconoscendo che dalla documentazione prodotta dall’istante in allegato alla istanza di riesame emerge una sostanziale corrispondenza tra il percorso accademico del richiedente e quello dell’ingegnere civile ambientale italiano;

ritenuto che, in definitiva, il sig. Picoli abbia una formazione accademica e professionale completa ai fini dell’iscrizione nell’albo degli ingegneri – sezione A, settore civile e ambientale in Italia, per cui non si ritiene necessaria l’applicazione di misure compensative,

Decreta

a Picoli Thiago Augusto, nato il 26 agosto 1980 a Gravatai (Brasile), cittadino italiano, è riconosciuto il titolo professionale di cui in premessa quale titolo valido per l’iscrizione nell’albo degli ingegneri – sezione A, settore civile e ambientale e per l’esercizio in Italia della relativa professione.

Roma, 8 gennaio 2019

Il Direttore generale
Michele Forziati