salta al contenuto


 

emblema della repubblica

Dipartimento per gli affari di giustizia
Direzione generale della giustizia civile

Il Direttore generale

visto il decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, recante norme di attuazione del Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, a norma dell’art. 1, comma 6, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 e successive integrazioni;

visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, di attuazione della direttiva n. 2005/36/CE del 7 settembre 2005, relativa al riconoscimento della qualifiche professionali;

visto l’art. 1, comma 2, del citato decreto legislativo n. 286/1998, come modificato dalla legge n. 189/2002, che ne prevede l’applicabilità anche ai cittadini degli Stati membri dell’Unione europea, in quanto si tratti di norme più favorevoli;

visto il decreto del Presidente della Repubblica del 5 giugno 2001, n. 328, contenente “Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio di talune professioni, nonché della disciplina dei relativi ordinamenti”;

visto il decreto ministeriale 3 dicembre 2014, n. 200, che adotta il regolamento in materia di prova attitudinale per l’esercizio della professione di ingegnere;

vista l’istanza di Miranda Fabbri Agustin, nato il 9 febbraio 1993 a La Paz (Bolivia), cittadino italiano, diretta ad ottenere, ai sensi dell’art. 49 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, in combinato disposto con l’art. 16 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, il riconoscimento del titolo professionale di Ingenìero Quìmico Admìnìstrador, conseguito in Messico, ai fini dell’iscrizione nell’albo degli ingegneri – sezione A, settore industriale, e l’esercizio in Italia della relativa professione;

considerato che il richiedente ha conseguito il titolo di Ingenìero Quìmico Admìnìstrador di durata pari a 9 semestri presso l’Instituto Tecnològico y de Estudios Superiores de Monterry - Campus Estado de Mèxico in data 9 dicembre 2015, registrato presso la Secretarìa de Educaciòn Pùblica – Direcciòn General de Profesiones in data 16 giugno 2016, con cedola professionale n. 9912033;

rilevato che, con dichiarazione di valore datata 18 luglio 2017, l’Ambasciata d’Italia a Città del Messico ha confermato che il titolo di cui è in possesso il sig. Miranda Fabbri abilita all’esercizio della professione su tutto il territorio della Repubblica Messicana;

viste le determinazioni della conferenza dei servizi nella seduta del 27 settembre 2018 ed il conforme parere del rappresentante del Consiglio nazionale di categoria;

considerato che sussistono differenze tra la formazione accademico-professionale richiesta in Italia per l’esercizio della professione di ingegnere iscritto all’albo nella sezione A, settore industriale, e quella di cui è in possesso l’istante, per cui risulta opportuno richiedere una misura compensativa;

visto l’art. 49, comma 3, del d.P.R. del 31 agosto 1999, n. 394 e successive integrazioni;

visto l’art. 22, comma 1, del decreto legislativo n. 206/2007, sopra indicato e l’opzione preventivamente esercitata dall’interessato sulla tipologia di misura compensativa,

Decreta

a Miranda Fabbri Agustin, nato il 9 febbraio 1993 a La Paz (Bolivia), cittadino italiano, è riconosciuto il titolo professionale di cui in premessa quale titolo valido per l’iscrizione nell’albo degli ingegneri – sezione A, settore industriale, e l’esercizio in Italia della relativa professione.
Il riconoscimento di cui sopra è subordinato al superamento di una prova attitudinale sulle seguenti materie:

  • Tecnologia meccanica (prova scritta e orale)
  • Impianti energetici (prova orale)

Il candidato, per essere ammesso a sostenere la prova attitudinale, dovrà presentare al Consiglio nazionale domanda, allegando la copia del presente decreto. La commissione, istituita presso il Consiglio nazionale, si riunisce su convocazione del presidente, per lo svolgimento delle prove di esame, fissandone il calendario. Della convocazione della commissione e del calendario fissato per la prova è data immediata notizia all’interessato, al recapito da questi indicato nella domanda.
La prova attitudinale, volta ad accertare la conoscenza delle materie indicate nel testo del decreto, si compone di un esame scritto e orale da svolgersi in lingua italiana. L’esame scritto consiste nella redazione di progetti integrati assistiti da relazioni tecniche concernenti la materia sopra individuata, mentre l’esame orale consiste nella discussione di brevi questioni tecniche vertenti le materie sopra indicate e, altresì, sulle conoscenze di deontologia professionale del candidato. A questo secondo esame il candidato potrà accedere solo se abbia superato, con successo, quello scritto.
La commissione rilascia all’interessato certificazione dell’avvenuto superamento dell’esame, ai fini dell’iscrizione nell’albo degli ingegneri, sezione A, settore industriale.

Roma, 17 dicembre 2018

Il Direttore generale
Michele Forziati