Cassa delle ammende

Ai sensi dell'art. 22 del d.lgs. n. 33/2013 così come modificato dal d.lgs. 97/2016, l'amministrazione pubblica e aggiorna annualmente l'elenco degli enti pubblici, comunque denominati, istituiti, vigilati e finanziati dall'amministrazione medesima ovvero per i quali l'amministrazione abbia il potere di nomina degli amministratori dell'ente, con l'elencazione delle funzioni attribuite e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività di servizio pubblico affidate.

Largo Luigi Daga, 1 - 00164 Roma
tel:+39 06 66591517

Coordinate del conto di tesoreria della Cassa delle Ammende: IBAN: IT 66 H 01000 03245 350200020134
INTESTAZIONE: 20134 DL 269/03 incassi e pagamenti tesoreria centrale


Il Presidente della Cassa - Gherardo Colombo
è rappresentante legale della Cassa ed ha funzioni di indirizzo e vigilanza

Il Segretario Generale Sonia Specchia
 

Responsabile della protezione dei dati - Doris Lo Moro

Il Consiglio di Amministrazione è l’organo deliberante della Cassa delle Ammende. Nominato con d. m. 11 ottobre 2017, registrato alla Corte dei Conti il 26 ottobre 2017, ai sensi del d.p.c.m. 102/2017 'Regolamento recante lo statuto della Cassa delle Ammende' a norma dell’art. 4, comma 4 della l. 547/1932. E’ presieduto dal Presidente della Cassa ed è costituito dai seguenti componenti:

  • Bernardo Petralia  - Capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria
  • Gemma Tuccillo - Capo del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità
  • Anna Maria Chiara - Dirigente in servizio all’Ufficio legislativo delle finanze del Ministero dell’economia e delle finanze
  • Adriana Ciampa - Direttore generale per l’inclusione e le politiche sociali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali


La Cassa delle Ammende è un ente con personalità giuridica di diritto pubblico istituita con la legge la legge 9 maggio 1932, n. 547 e ss. mm. Lo Statuto della Cassa delle Ammende è stato emanato con D.P.C.M. 10 Aprile 2017 n. 102. Sulla base di quanto previsto nello Statuto, possono essere finanziati con i fondi della Cassa i seguenti interventi:

  • programmi di reinserimento di detenuti e di internati, consistenti nell'attivazione di percorsi di inclusione lavorativa e di formazione, anche comprensivi di eventuali compensi a favore dei soggetti che li intraprendono, e finalizzati all'acquisizione di conoscenze teoriche e pratiche di attività lavorative che possano essere utilizzate nel mercato del lavoro
  • programmi di reinserimento socio-lavorativo delle persone in misura alternativa alla detenzione o sottoposta a sanzioni di comunità, consistenti in percorsi di inclusione lavorativa e di formazione per la qualificazione professionale, anche comprensivi di compensi a favore dei soggetti che li intraprendono
  • programmi per la sperimentazione di protocolli di valutazione del rischio, presa in carico ed intervento delle persone condannate
  • programmi di assistenza ai detenuti, agli internati e alle persone in misura alternativa alla detenzione o soggette a sanzioni di comunità e alle loro famiglie, contenenti, in particolare, iniziative educative, culturali e ricreative
  • programmi di recupero dei soggetti tossicodipendenti o assuntori abituali di sostanze stupefacenti o psicotrope o alcoliche
  • programmi di integrazione degli stranieri sottoposti ad esecuzione penale, di cura ed assistenza sanitaria
  • progetti di edilizia penitenziaria di riqualificazione e ampliamento degli spazi destinati alla vita comune e alle attività lavorative dei ristretti ovvero di miglioramento delle condizioni igieniche degli ambienti detentivi
  • programmi finalizzati allo sviluppo di percorsi di giustizia riparativa e di mediazione penale
  • programmi a sostegno dell'attività volontaria gratuita o del lavoro di pubblica utilità.

Organi della Cassa delle ammende sono il Presidente, il Consiglio di amministrazione, il Segretario generale e il Collegio dei revisori dei conti.

 

VADEMECUM RELATIVO agli OBBLIGHI di GESTIONE e RENDICONTAZIONE dei PROGRAMMI e dei PROGETTI FINANZIATI

 

LINEE PROGRAMMATICHE di indirizzo generale per la valutazione dei progetti e dei programmi da finanziare

anno 2021

 

 

Delibera 24 marzo 2021 - Approvazione ripartizione fondi giustizia riparativa

 

Delibera 6 aprile 2020 - Finanziamento programma di interventi per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 in ambito penitenziario

 

 

aggiornamento: 11 maggio 2021