salta al contenuto

ELENCHI e REGISTRI vigiliati

aggiornamento: 8 febbraio 2018

il Ministero si occupa di Registri ed Elenchi di natura tra loro diversa e che perseguono differenti finalità.

Gli Elenchi e Registri qui indicati sono di competenza del Dipartimento affari di giustizia, sono istituti per legge e su di essi il Ministero della giustizia esercita la vigilanza.

 

Albo AMMINISTRATORI GIUDIZIARI

Gli amministratori giudiziari sono i soggetti nominati dall'autorità giudiziaria per la custodia e la gestione dei beni sequestrati e confiscati ai sensi  dell'art. 35 d.lgs. 159/2011, art. 104-bis l d.lgs. 271/1989 nonché di ogni altra disposizione di legge che espressamente li richiama.

L'Albo è istituito presso il Ministero della giustizia, titolare del trattamento dei dati personali ed è articolato in due sezioni: la sezione ordinaria e la sezione esperti in gestione aziendale, che comporta anche l'iscrizione nella sezione ordinaria dell'Albo.

Registro ORGANISMI DI MEDIAZIONE

Il tentativo di conciliazione è lo strumento di definizione delle controversie capace di offrire, quando possibile, soluzioni più spedite, agevoli ed economiche alle liti e di ridurre il contenzioso giurisdizionale.
L'attività di mediazione e conciliazione può essere svolta unicamente da organismi accreditati presso il Ministero della giustizia e inseriti nel Registro degli organismi di mediazione ai sensi dell'art. 16 del d.lgs. 28/2010.

In base al d.lgs. 28/2010 "Attuazione dell'articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali" e al d. m. 18 ottobre 2010 n.180 "Registro degli organismi di mediazione e elenco dei formatori per la mediazione", il Direttore generale della giustizia civile del Dipartimento degli affari di giustizia è responsabile della tenuta del registro degli organismi autorizzati a gestire i tentativi di conciliazione.

Elenco Enti FORMATORI per la MEDIAZIONE

Solo gli enti di formazione accreditati presso il Ministero della giustizia sono autorizzati a tenere ed attestare il superamento di corsi di formazione per mediatore.

Il Direttore generale della giustizia civile del Dipartimento degli affari di giustizia è responsabile della tenuta dell'Elenco degli enti abilitati a tenere corsi di formazione per mediatori. Ai sensi dell'art. 4 del d. m. 18 ottobre 2010 n.180, il Direttore generale verifica, tra l'altro, i requisiti di qualificazione dei mediatori i quali, per poter essere iscritti nell'elenco di un organismo di mediazione, devono possedere una specifica formazione acquisita presso gli enti di formazione di cui all'art. 18 dello stesso decreto.

Elenco istituti VENDITE GIUDIZIARIE

Gli istituti di vendite giudiziarie (IVG) sono soggetti privati che sono autorizzati alla vendita all'incanto dei beni mobili a norma dell'articolo 534 cpc e all'amministrazione giudiziaria dei beni immobili a norma dell'articolo 592 cpc.

Agli IVG può essere affidata anche la custodia e la vendita dei mobili pignorati ai sensi degli articoli 520 comma 2, e 532 cpc e qualsiasi altra vendita mobiliare disposta dall'autorità giudiziaria. Nell'esercizio delle loro funzioni gli IVG assumono gli obblighi e le responsabilità degli incaricati di un pubblico servizio in quanto ausiliari del Giudice.
L’attività è viene svolta in ottemperanza del decreto del ministero della giustizia 11 febbraio 1997, n. 109 nonché delle direttive impartite dal giudice dell’esecuzione.

Registro gestori VENDITE TELEMATICHE

In relazione a quanto previsto dall'art. 26 del d.m. 26 febbraio 2015 n. 32

il decreto 19 giugno 2017 approva il modello di domanda per l’iscrizione nel registro dei gestori delle vendite telematiche istituito dall’art. 3 del d.m. 32.

le istruzioni tecnico operative consentono l’inoltro della domanda e documentazione prescritta.

In base a quanto previsto dal comma 2 dell’art.161-ter delle disposizioni di attuazione del c.p.c., la Direzione generale per i sistemi informativi e automatizzati, provvederà ad emettere unitamente alle regole tecniche previste dal d.m. 26 febbraio 2015, n.32, anche quelle relative al portale delle vendite pubbliche di imminente attivazione e previste dall’art.161-quater delle medesime disposizioni di attuazione.

Subito dopo l’attivazione del portale delle vendite pubbliche, sarà reso disponibile un nuovo ambiente per l’esecuzione dei test di integrazione tra i gestori delle vendite telematiche ed il portale stesso.

La richiesta di accesso a tale ambiente può essere sin d’ora inoltrata all’indirizzo di posta elettronica certificata prot.dgsia.dog@giustiziacert.it mediante modulo.

La Direzione generale per i sistemi informativi ed automatizzati darà comunicazione della data di attivazione delle funzionalità necessarie alle vendite telematiche propedeutica all’emissione del decreto previsto dall’art.4, comma 3-bis, del D.l. 3 maggio 2016, n. 59 come modificato dalla l. 30 giugno 2016, n. 119.

Elenco siti web ASTE GIUDIZIARIE

La l. n. 80/2005 e successive modifiche, prevede la pubblicazione su appositi siti internet dell’avviso di cui al 1° comma dell’art. 490 c.p.c., di copia dell’ordinanza del giudice e della relazione di stima redatta ai sensi dell’art. 173 bis disp. att. c.p.c. in caso di espropriazione di beni immobili.

Registro ORGANISMI composizione CRISI da SOVRAINDEBITAMENTO

Il d.m. 202/2014, Regolamento per gli Organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento introduce la procedura di sovraindebitamento, finalizzata a risolvere su basi negoziali le situazioni di insolvenza dei soggetti che non possono accedere alle procedure previste dalla legge fallimentare.

Nelle procedure c.d. paraconcorsuali, disciplinate dalla legge 3/2012, e cioè nell’accordo di composizione, nel piano del consumatore e nella liquidazione del patrimonio del debitore, il debitore deve essere assistito da un organismo di composizione delle crisi da sovraindebitamento.