CCNI 29 luglio 2010 - Relazione tecnico-finanziaria e allegati per l’Amministrazione giudiziaria, l’Amministrazione penitenziaria e l’Amministrazione della giustizia minorile

Ministero della Giustizia
Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi
Direzione Generale del Bilancio e della Contabilità

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO
del personale non dirigenziale del Ministero della Giustizia
Quadriennio economico 2006-2009
Sottoscritto il 29 luglio 2010

Il Titolo VI prevede la ripartizione del Fondo Unico di amministrazione per l’anno 2009.

Le risorse complessive del Fondo unico di amministrazione per l’anno 2009 ammontano complessivamente ad euro 115.597.788,00, come risultanti dallo stanziamento definitivo sul corrispondente capitolo 1511, nell’ambito della missione “Fondi da ripartire”, programma “Fondi da assegnare”, centro di responsabilità “Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi”.

Tale fondo è destinato a finanziare gli istituti demandati alla contrattazione integrativa relativi alle diverse articolazioni ministeriali, con esclusione dell’Amministrazione degli Archivi notarili avente un proprio bilancio di sola cassa, allegato al bilancio dello Stato, e un proprio e distinto fondo unico di amministrazione, nonché è destinato, per una quota pari ad euro 622.000,00, anche al finanziamento dell’indennità accessoria di diretta collaborazione di cui all’art. 12, comma 9, del D.P.R. 25 luglio 2001, n. 315.

Lo stanziamento iniziale di € 98.537.263 è stato incrementato, in corso d’anno, di un importo pari ad € 3.714.662,00 attraverso apposito provvedimento del Ministero dell’economia e delle finanze, adottato in applicazione dell’art. 6, commi 2 e 3, del C.C.N.L. biennio economico 2008-2009. Tali risorse pari ad un totale di € 102.251.925,00 hanno carattere di certezza e stabilità e rappresentano la parte fissa del fondo.

Nell’allegato 1 viene fornito il dettaglio di tali risorse come da modello utilizzato in sede di predisposizione del disegno di legge di bilancio e verificato dai competenti ispettorati della Ragioneria generale dello Stato.

Con la legge di assestamento è stato disposto, inoltre, un aumento pari ad € 13.345.863,00 corrispondente alle risorse variabili del fondo e dettagliatamente indicate nell’allegato 2, anche in questo caso oggetto di verifica da parte della Ragioneria generale dello Stato. L’importo effettivamente attribuito tiene conto dei limiti previsti dalla normativa vigente (art. 1, comma 189, della legge 23 dicembre 2005, n. 266).

L’importo complessivo del FUA 2009 risulta al momento interamente inutilizzato in attesa della definitiva sottoscrizione del relativo contratto. L’Amministrazione ha, quindi, provveduto a conservare per l’esercizio finanziario 2009, quale residuo di lett. f), l’intero importo di € 115.597.788,00 al fine di consentire, nel prossimo esercizio finanziario, la sua concreta utilizzazione previa ripartizione sui capitoli di bilancio di pertinenza di ciascun centro di responsabilità.

L’importo complessivo suindicato è stato ripartito tra le tre articolazioni ministeriali (in base alle presenze al 1/1/2009) e il Gabinetto del Ministro (per una quota pari ad euro 622.000,00) come di seguito indicato:

  • Indennità di diretta collaborazione  € 622.000,00
     
  • Amm.ne Giudiziaria   € 104.331.899,00
     
  • D.A.P.  € 8.628.584,00
     
  • Giustizia Minorile  € 2.015.305,00

TOTALE € 115.597.788,00

Per quanto riguarda le finalizzazioni del fondo si rinvia a quanto di seguito illustrato per ciascuna delle articolazioni ministeriali.

AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA

Il Capo I, all’art. 64, prevede che delle risorse del fondo unico di amministrazione per l’anno 2009, all’amministrazione Giudiziaria sia destinato l’importo complessivo di euro 104.331.899,00.

Tali somme, già decurtate della spesa annua relativa alle maggiorazioni retributive delle posizioni SUPER attribuite nel periodo 2002/2007, al lordo degli oneri a carico dell’Amministrazione, saranno utilizzate con lo scopo di promuovere il miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza dei servizi.  In particolare:
 

  • € 75.102.405,98 per consentire le procedure relative agli sviluppi economici all’interno delle aree; tale importo complessivo è stato quantificato sulla base del trattamento stipendiale, al lordo degli oneri a carico dell’Amministrazione, previsto dal vigente C.C.N.L., con decorrenza 1° gennaio 2009 (allegato 3).

All’art. 65 si precisa che, in sede di prima applicazione, la partecipazione alle procedure sarà consentita a tutto il personale di ruolo del Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi, in servizio al 1° gennaio 2009.
Le progressioni economiche all’interno delle aree interesseranno 41.514 unità di personale, così distribuite all’interno delle singole fasce economiche:

Unità di personale suddivise per aree
interessate alle progressioni economiche
Area e fascia economica di destinazione Personale interessato
Terza Area – Fascia 6 267
Terza Area – Fascia 5 16
Terza Area – Fascia 4 1.828
Terza Area – Fascia 3 1.437
Terza Area – Fascia 2 7.316
Seconda Area – Fascia 5 1.748
Seconda Area – Fascia 4 6.943
Seconda Area – Fascia 3 10.225
Seconda Area – Fascia 2 7.334
Prima Area – Fascia 3 150
Prima Area – Fascia 2 4.250
Totale 41.514

 

Per ciascuna fascia retributiva, le unità di personale interessate a ciascuna progressione vengono moltiplicate per gli importi differenziali unitari; si perviene così alla quantificazione complessiva dell’onere di € 75.102.405,98 (allegato 4).

  • € 140.022,00 per finanziare 270 passaggi del personale inquadrato nel profilo professionale di Ausiliario (Prima Area) nel profilo di Operatore giudiziario (Seconda area), ai sensi dell’articolo 36 del CCNL sottoscritto il 14 settembre 2007, posti disponibili per l’accesso dall’interno in relazione alle vacanze verificate al 28 febbraio 2010, con decorrenza, per ciascuno, dal giorno dell’immissione in possesso nel nuovo profilo.
     
  • € 3.700.000,00 per la remunerazione di prestazioni di lavoro straordinario svolto, rese dal personale e non retribuite per insufficienza di fondi espressamente stanziati o assegnati per tali finalità.
     
  • €.25.389.471,02 per finanziare il fondo di sede ai sensi dell’art. 32, comma 2, del CCNL 14 settembre 2007, assegnando a ciascuna sede di R.S.U. una somma proporzionata all’organico, a disposizione della contrattazione decentrata, come di seguito indicato:
  1. € 11.000.000,00 per remunerare le particolari posizioni di lavoro previste dagli articoli 34, 35, 36, 37, 38, 39, 40, 41 del presente CCNI e per il pagamento dell’indennità di cui all’art. 14, comma 8 (lavoro pomeridiano); l’importo è stato quantificato sulla base della spesa complessiva sostenuta per tali finalità nei passati esercizi, incrementata percentualmente in proporzione agli aumenti delle indennità previste dal presente CCNI;
     
  2. € 9.000.000,00 per retribuire, con i criteri stabiliti in sede di contrattazione locale, ulteriori particolari posizioni di lavoro e per incentivare la produttività;
     
  3. € 800.000,00 per incrementare il fondo di sede assegnato al distretto de L’Aquila e da destinare al personale in servizio presso gli uffici giudiziari interessati dagli eventi sismici del 6 aprile 2009 per l’attribuzione di un’indennità da contrattare in sede locale in considerazione dei disagi connessi alla prestazione lavorativa resa nel periodo 6/4/2009 – 31/12/2009.
     
  4. € 4.589.471,02 per l’erogazione dei premi di produttività da attribuire ai dipendenti in base all’apporto individuale, in relazione ai risultati personalmente conseguiti in sede di valutazione;


La somma residua del Fondo unico di amministrazione dell’anno 2008, pari ad € 7.743.435,00, sarà utilizzata per l’erogazione dei premi di produttività da attribuire ai dipendenti in base all’apporto individuale, in relazione ai risultati personalmente conseguiti in sede di valutazione.

Le eventuali maggiori disponibilità, accertate a consuntivo, saranno destinate ad incrementare i compensi accessori da attribuire ai dipendenti in base all’apporto individuale.

AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

Il Capo II, all’art. 66, prevede che delle risorse del fondo unico di amministrazione per l’anno 2009, all’amministrazione Penitenziaria sia destinato l’importo complessivo di euro 8.628.584,00, al lordo degli oneri a carico dell’Amministrazione (INPDAP 24.20% e IRAP 8,50%).
Tale somma, risulta anche quest’anno già decurtata sia della spesa riguardante le avvenute progressioni verticali “all’interno delle aree” previste dall’ex art. 15 CCNL 1998/2001  di  € 6.161.026,65  che di quella  relativa alle maggiorazioni retributive dovute per l’attribuzione negli anni 2000 e 2001 delle posizioni economiche “Super” -  di  € 23.732,16; ambedue  somme determinate negli intervenuti precedenti accordi sul  F.U.A. ed aggiornate in base al personale ancora presente al 31.12.2009.

Le risorse riservate ai futuri passaggi economici all’interno delle aree del personale appartenente ai ruoli locali di Bolzano, verranno accantonate in occasione del prossimo accordo sul FUA – anno 2010 – ferma restando l’avvenuta immissione  in  servizio del personale interessato nelle  nuove  posizioni  economiche.  

Le disponibilità per l’anno 2009, saranno utilizzate come segue:
 

  1. Nella misura di € 4.610.445,78 per consentire, nel limite delle risorse disponibili, le progressioni economiche all’interno delle aree che avverranno al completamento delle previste procedure di selezione meglio definite dal CCNI, con decorrenza economica dal 1 gennaio 2009;
  2. Nella misura massima di € 1.544.760,70 per remunerare le indennità connesse alle “posizioni organizzative”, di cui all’allegato ”L”, destinate a quel personale della Terza area, al quale sono stati conferiti incarichi di particolare responsabilità. L’importo unitario – per 13 mesi –  viene attribuito per opportunità di calcolo per dodicesimi, includendo dunque anche il rateo della 13°. Nel rispetto della spesa massima prevista, ove necessario, potranno essere     apportate variazioni alle unità indicate nel predetto allegato “L”, fermo restando che le indennità di cui trattasi, non sono cumulabili. Gli importi unitari ivi indicati sono rimasti invariati rispetto  a quelli già previsti per l’anno 2008, mentre il numero dei beneficiari di cui al punto 4. a) dello stesso allegato - DAP, ISSPe e Centro Amm.vo - risulta diminuito di  due unità, trattandosi di personale transitato  alla dirigenza di area I.
  3. Nella misura massima di € 2.473.377,52 per il finanziamento del fondo destinato alla contrattazione decentrata, come indicato al comma 1°-  punti c1)  e  c2) dell’ art. 66:

a) € 2.041.946,30, per compensare “particolari posizioni di lavoro” cioè prestazioni che comportano rischi, disagi o particolari responsabilità, già individuate dall’ex art. 57 del C.I. - Giustizia stipulato il 5.4.2000, nonchè altre indennità precedentemente poste a carico dell’ex Cap.2010: (indennità professionale mensile spettante al personale tecnico di radiologia che svolge effettivamente le mansioni del profilo di appartenenza, indennità di mansione ai centralinisti non vedenti ed altre indennità non soppresse del D.P.R. n° 146 del 5.5.1975) che, dall’1.1.2009, vengono rivalutate nei loro importi del 20 % - ad eccezione dell’indennità giornaliera di mansione per i centralinisti non vedenti che passa dall’importo lordo giornaliero  di € 3,76 a quello lordo di € 6,00

Rispetto alla tabella 1 – Particolari Posizioni dell’anno 2008, l’allegato “M”, ha apportato le variazioni sotto indicate, mentre rimangono invariate tutte le altre indennità. In particolare l’indennità giornaliera per presenza effettiva lavorativa prevista per il Servizio disagiato di € 13 è stata estesa anche ai funzionari della professionalità di Servizio Sociale di Trapani, esclusivamente per i giorni effettivi di missione nell’isola di Pantelleria. E’ stata prevista la corresponsione al “Responsabile dell’esecuzione dei progetti socio-trattamentali” in servizio presso le Direzioni Generali Detenuti e Trattamento e Esecuzione Penale Esterna del D.A.P., presso tutti i PP.RR.A.P. e presso gli Istituti e UU.E.P.E. di I° livello – per un massimo di n° 3 progetti – di una indennità lorda di €  150,00 a progetto; al Responsabile dell’esecuzione dei progetti socio-trattamentali in servizio presso gli Istituti e UU.E.P.E di II° livello – per un massimo di n° 2 progetti – di una indennità lorda di € 150,00 mentre la medesima indennità viene riconosciuta, sempre al Responsabile del Progetto,   per gli Istituti di III° livello – ma  per un solo progetto -. E’ stata prevista inoltre la corresponsione di una “indennità di mansione di Servizio Navale” agli assistenti tecnici, appartenenti alle ex figure professionali di comandante, direttore di macchina e conduttore di motori navali, per l’importo giornaliero lordo di € 6,00 da attribuire però solo per i loro giorni effettivi di navigazione.

b) Nella misura di € 431.431,22 da utilizzare per l’erogazione dei compensi accessori premianti da attribuire ai dipendenti in base all’apporto individuale, in relazione ai risultati personalmente conseguiti, riscontrabili dalle previste valutazioni. A tale somma, con le medesime modalità e beneficiari, deve aggiungersi l’importo di € 757.125,00 accantonato al momento della sottoscrizione dell’accordo sull’utilizzazione del F.U.A.  – anno 2008  –  in data 14.5.2009.

c) Tutti gli eventuali “residui” che dovessero risultare a consuntivo rispetto alle predette finalizzazioni, saranno utilizzati per incrementare i compensi accessori da attribuire  ai  dipendenti  in base al loro apporto individuale  di cui al punto 3 b).

GIUSTIZIA MINORILE

Il Capo III, all’art. 68, prevede che delle risorse del fondo unico di amministrazione per l’anno 2009, all’amministrazione della Giustizia Minorile sia destinato l’importo complessivo di euro 2.015.305,00.  
Con riferimento alla ripartizione della somma disponibile si evidenzia, in particolare, la destinazione di un importo per il finanziamento delle procedure di sviluppo di fascia economica all'interno delle aree professionali.
L'attuale quadro normativo, interessato da una complessiva riforma sul tema del lavoro pubblico e, in ambito negoziale da un altrettanto innovativo contratto collettivo nazionale di Comparto impone, in un’ottica di efficienza e ottimizzazione della produttività, l'implementazione di politiche di sviluppo del personale necessariamente improntate a principi meritocratici ed incentivanti.
Nelle more di definizione del sistema di valutazione del personale il Dipartimento ha, pertanto, deciso di valorizzare il sopraindicato strumento premiante sulla base di criteri selettivi volti ad esprimere il grado di esperienza professionale maturata dal personale.
L’importo disponibile, pertanto, è ripartito come di seguito specificato evidenziando che, attraverso un’ottimizzazione dell’organizzazione del lavoro, nessuna somma è stata destinata a remunerare il lavoro straordinario:
 

Progressioni economiche:

  • Euro 1.099.025,58 per finanziare, con decorrenza 1° gennaio 2009, le progressioni economiche del personale.

Posizioni Organizzative:

  • Euro 241.213,21 per il pagamento delle indennità previste per le Posizioni Organizzative. Agli Uffici dell’Amministrazione centrale e periferica sono state attribuite le posizioni organizzative in relazione ai criteri individuati nel CCNL 1998 - 2001 graduando l’importo in relazione ai carichi di lavoro e alla complessità dell’incarico ricoperto.

Fondo destinato alla contrattazione decentrata:

L’importo di euro 675.066,21 è così utilizzato:

  • euro 55.000,00 per il pagamento dell’indennità di mansione, di cui all’art.9 della legge n.113/85, ai centralinisti non vedenti;
     
  • euro 220.000,00 per remunerare le particolari posizioni di lavoro (turnazioni, reperibilità e maneggio valori);
     
  • euro 400.066,21 per remunerare i compensi accessori da attribuire ai dipendenti in relazione ai risultati conseguiti in sede di valutazione.

Le eventuali maggiori disponibilità, accertate a consuntivo, saranno destinate ad incrementare i compensi accessori da attribuire ai dipendenti in base all’apporto individuale.
 

Vistato dall'Ufficio Centrale del Bilancio
presso il Ministero della Giustizia
In data 30 luglio 2010

 


Allegati