salta al contenuto

Hai cercato:
  • prodotti:  libri  Annulla la faccetta selezionata

Torna indietro

Siamo noi, siamo in tanti - prodotti dal carcere

"Siamo noi, siamo in tanti"

Racconti dal carcere a cura di Antonella Bolelli Ferrera - Edito da Rai Eri, Collana: Comunicazione Servizio pubblico pp. 334. Anno 2012. Prezzo € 8,50. ISBN-13 9788839715654

Produttore:

Associazione di promozione sociale IN-VERSO
via F. Delpino, 134 - 00171, Roma
tel. 06 92946245
mail: info@associazioneinverso.it
www.associazioneinverso.it
 


Istituto:

Casa circondariale - ROMA Rebibbia NC


Note:

â–ºAcquisto online

Promosso da

  • “inVerso” Associazione per la diffusione della letteratura e della scrittura presso le categorie socialmente svantaggiate
  • SIAE - Società Italiana Autori ed Editori
  • Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria
  • RAI Radiotelevisione Italiana

Questo libro accoglie venti storie dal carcere scritte dai detenuti che hanno partecipato alla seconda edizione del Premio Goliarda Sapienza.

“Sono accompagnate dalle note di lettura di venti fra scrittori, intellettuali, scienziati, che vanno da Corrado Augias a Giancarlo De Cataldo, da Barbara Alberti a Margherita Hack. Sono vicende di sgomento e di rabbia, di sofferenza e di rassegnazione, anche di ritrovata chiarezza. Uomini e donne di diversa età, di diversa provenienza, che scontano condanne - alcune per l'intera vita - raccontano le ragioni e i casi che li hanno portati al crimine e alla condanna, denunciano la condizione carceraria spesso disumana. Sono storie di delitti, di ruberie, di droga, di famiglie smembrate, di figli lasciati bambini. Sono storie generate da una società triste e deforme. Le scritture che ne vengono, tutte col vigore e l'efficacia della confessione e del chiarimento, conducono dentro realtà difficili e complesse. Grazie alla scrittura, ognuno dei venti autori si fa attore e testimone della propria esistenza e per questo, dal chiuso di una cella, chiama e significa la sua libertà." (Elio Pecora)

Nato da un’idea di Antonella Bolelli Ferrera, il Premio Goliarda Sapienza è nato nel 2011 con lo scopo di “dare concreta espressione al dettato dell’art 27 della Carta costituzionale, secondo il quale le pene devono tendere alla rieducazione del condannato, anche tenendo conto delle proprietà socialmente riabilitative del lavoro e, in particolare, del lavoro intellettuale in ragione del circolo virtuoso che le attività di pensiero e di scrittura inducono.