salta al contenuto

Interpello per presidente Organismo Indipendente di Valutazione

aggiornamento: 29 ottobre 2019

â–ºAvviso 29 ottobre 2019

 

PROCEDURA SELETTIVA PUBBLICA FINALIZZATA ALL’ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA NOMINA DELL’ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IN FORMA MONOCRATICA

IL CAPO DI GABINETTO

 

VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, recante “Riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59” ed in particolare gli articoli da 16 a 19 relativi alle attribuzioni e all’ordinamento del Ministero della giustizia;

VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi”;

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, recante “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”;

VISTO il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”;

VISTO il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 recante “Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni” e, in particolare, gli articoli 14 e 14-bis;

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2016, n. 105, recante “Regolamento di disciplina delle funzioni del Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia di misurazione e valutazione della performance delle pubbliche amministrazioni” e, in particolare, l’articolo 6, secondo il quale i componenti degli Organismi indipendenti di valutazione (OIV) sono nominati da ciascuna amministrazione tra i soggetti iscritti nell’Elenco nazionale dei componenti degli OIV della performance;

VISTO il decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione 2 dicembre 2016, istitutivo dell’Elenco nazionale degli idonei alle funzioni di componenti degli OIV, come modificato dai successivi decreti datati 20 giugno 2017 e 29 settembre 2017;

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 19 giugno 2019, n. 100, recante “Regolamento concernente organizzazione degli Uffici di diretta collaborazione del Ministro della giustizia, nonché dell’organismo indipendente di valutazione della performance”;

CONSIDERATA la scadenza dell’OIV, a seguito del compiersi del triennio, prevista in data 7 novembre 2019;

CONSIDERATO che con Decreto Ministeriale 10 aprile 2014 il Ministero, ritenendo necessario che un unico Organismo monocratico accompagni e monitori il funzionamento complessivo del ciclo di gestione della performance ai fini della coerente attuazione degli indirizzi dell’organo di governo, ha proceduto alla soppressione della Commissione di valutazione dei dirigenti, decidendo in tale sede di attribuire all’OIV le competenze in materia di valutazione dell’attività svolta dagli incaricati di funzioni dirigenziali, avvalendosi della struttura tecnica permanente;

CONSIDERATO che, ai sensi del comma 2-bis dell’articolo 14 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, come modificato dall’articolo 11, comma 1, lettera b) del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 74, il predetto Organismo è costituito, di norma, in forma collegiale con tre componenti e che il Dipartimento della funzione pubblica deve definire i criteri sulla base dei quali le amministrazioni possono istituire l’Organismo in forma monocratica;

RITENUTO, nelle more della definizione dei predetti criteri da parte del Dipartimento della funzione pubblica di procedere, ai sensi dell’articolo 6, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2016, n. 105, alla nomina del nuovo titolare dell’OIV in forma monocratica, nel rispetto dei principi di economicità di gestione e per esigenze di contenimento della spesa, nonché per assicurare un coordinamento e una rapidità d’azione in linea con le esigenze di una amministrazione complessa come quella della Giustizia, e di avviare quindi la necessaria procedura pubblica per l’acquisizione delle manifestazioni di interesse;

AVVISA

Articolo 1
Manifestazione di interesse. Oggetto e durata dell’incarico

È indetta una procedura selettiva pubblica per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per la nomina dell’Organismo indipendente di valutazione della performance (OIV) del Ministero della Giustizia costituito in forma monocratica.

L’incarico di Titolare di OIV monocratico, conferito in esito alla procedura di cui al presente avviso, avrà durata di tre anni, con decorrenza dalla data del provvedimento di conferimento dell’incarico, e potrà essere rinnovato una sola volta, previa procedura selettiva pubblica e fermo restando l’obbligo per i componenti di procedere tempestivamente al rinnovo dell’iscrizione nell’Elenco nazionale dei componenti degli OIV, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, lettera c) del decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 2 dicembre 2016.

Ai sensi dell’articolo 7, comma 2, del decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 2 dicembre 2016, l’incarico conferito cessa immediatamente al venir meno dei requisiti di cui all’articolo 2 del citato decreto, ovvero in caso di decadenza o cancellazione o mancato rinnovo dell’iscrizione nell’Elenco nazionale.

Articolo 2
Compenso

Il corrispettivo lordo annuo onnicomprensivo per l’esecuzione dell’incarico di cui al presente avviso è pari a euro 77.653,55.

Articolo 3
Requisiti per la partecipazione

Considerato quanto previsto dall’articolo 7, comma 3, del decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 2 dicembre 2016, possono partecipare alla selezione di cui al presente avviso coloro che, alla data di scadenza del termine previsto dal successivo articolo 7, risultano iscritti nell’Elenco nazionale degli OIV istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica. Possono partecipare alla procedura per il conferimento dell’incarico di Titolare di OIV monocratico, ai sensi di quanto previsto dall’art.7, comma 6, lettere a) e b) del citato D.M., esclusivamente i soggetti iscritti nella fascia professionale 3, in quanto il Ministero della giustizia è un’amministrazione pubblica con più di duecentocinquanta dipendenti.

Articolo 4
Divieto di nomina

I componenti dell’OIV non possono essere nominati, ai sensi dell’art.14, comma 8 del d.lgs.n.150 del 2009, tra i dipendenti dell’amministrazione interessata o tra soggetti che rivestano incarichi pubblici elettivi o cariche in partiti politici o in organizzazioni sindacali ovvero che abbiano rapporti continuativi di collaborazione o di consulenza con le predette organizzazioni, ovvero che abbiano rivestito simili incarichi o cariche o che abbiano avuto simili rapporti nei tre anni precedenti la designazione.

Articolo 5
Cause di inconferibilità, incompatibilità e di conflitto di interessi

Fermi restando i divieti di nomina previsti di cui al precedente articolo 4, non possono ricoprire l’incarico coloro che si trovino in una situazione di inconferibilità, incompatibilità o conflitto di interessi di cui alla legge n. 190/2012, al d.lgs. n. 39/2013 e alle altre norme di legge e discipline di settore.

Articolo 6
Esclusività del rapporto

Per assumere l’incarico di OIV i candidati devono rispettare i limiti relativi all’appartenenza a più di un OIV, come previsto dall’art. 8 dal decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 2 dicembre 2016. Il rispetto dei limiti deve essere oggetto di apposita dichiarazione, ai sensi del D.P.R. 445/2000, da rilasciarsi prima della nomina di cui al successivo art. 7 del citato decreto.

Articolo 7
Modalità di presentazione della domanda di candidatura

La domanda di candidatura, redatta in carta semplice secondo lo schema allegato (Allegato 1) e la seguente documentazione, dovranno essere sottoscritte a pena di esclusione sotto la propria responsabilità e consapevolezza delle conseguenze derivanti da dichiarazioni mendaci ai sensi dell’art. 76 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445:

  • curriculum vitae in formato europeo, debitamente sottoscritto, recante le clausole di autorizzazione al trattamento dei dati in esso contenuti;
  • relazione di accompagnamento al curriculum vitae dalla quale si evincano l’esperienza maturata presso Pubbliche Amministrazioni o aziende private, negli ambiti individuati dal D.M. 2 dicembre 2016 (misurazione e valutazione della performance organizzativa e individuale, nella pianificazione, nel controllo di gestione, nella programmazione finanziaria e di bilancio e nel risk-management) ed eventuali incarichi svolti presso OIV/NIV;
  • copia fotostatica di documento di identità in corso di validità;
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione ed atto di notorietà, da rendersi ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, relativa ad assenza di situazioni di cui agli artt. 4 e 5 (Allegato 2).

La domanda di partecipazione, unitamente alla documentazione allegata, dovrà essere presentata entro il termine perentorio di 15 giorni dalla pubblicazione del presente avviso sul Portale della Perfomance e sul sito istituzionale del Ministero della giustizia, ovvero entro le ore 24,00 del 13 novembre 2019, esclusivamente in formato pdf, e trasmessa a mezzo Posta Elettronica Ordinaria (PEO) oppure Posta Elettronica Certificata (PEC) con unico invio, agli indirizzi: protocollo.gabinetto@giustizia.it o gabinetto.ministro@giustiziacert.it indicando in oggetto “Manifestazione di interesse ai fini della nomina dell’Organismo indipendente di valutazione della performance presso il Ministero della giustizia”.

L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità nel caso di ritardata comunicazione delle domande oltre il termine stabilito per cause non imputabili a colpa dell’Amministrazione stessa o a eventi di forza maggiore.

Non saranno prese in considerazione le candidature con documentazione incompleta, non sottoscritte o pervenute fuori dai termini previsti.

Articolo 8
Verifica dei requisiti e valutazione delle candidature. Nomina

Le domande dei candidati saranno esaminate da un’apposita Commissione, nominata dal Capo di Gabinetto, per l’accertamento del possesso dei requisiti richiesti nel presente avviso e la valutazione delle relative esperienze e conoscenze.

Al termine di tale accertamento, la Commissione sottopone all’organo di indirizzo politico una rosa di candidati qualificati e idonei per la nomina.

Fermo restando il rispetto dei requisiti generali, di competenza, esperienza e integrità, previsti dall’articolo 2 del decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione del 2 dicembre 2016 per l’iscrizione al suindicato Elenco nazionale, ai fini della presente procedura potrà essere considerato quale titolo preferenziale il possesso di una adeguata conoscenza/competenza nelle seguenti materie e ambiti di interesse: misurazione degli impatti, valutazione della performance individuale, sviluppo e formazione delle risorse umane, contabilità di stato.

Alla scadenza dei termini per la presentazione delle candidature l’Amministrazione provvederà a richiedere al Dipartimento della Funzione pubblica la visura dei partecipanti relativa all’effettiva iscrizione ed alla relativa anzianità oltre alla verifica della fascia professionale.

La Commissione, ove lo riterrà più opportuno, avrà facoltà di approfondire gli elementi sui quali basare le valutazioni anche mediante eventuali colloqui con i candidati ritenuti maggiormente idonei al conferimento dell’incarico.

Al termine della procedura la Commissione sottopone all’organo di indirizzo politico amministrativo una rosa di candidati qualificati per la nomina.

La procedura non riveste carattere concorsuale e non dà luogo alla formazione di alcuna graduatoria.

L’OIV è nominato con apposito atto dell’organo di indirizzo politico amministrativo.

Articolo 9
Trattamento dei dati personali

Con riferimento alla normativa vigente in materia di trattamento di dati personali - Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati), nonché Decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (codice in materia di protezione dei dati personali), integrato con le modifiche introdotte dal Decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101 - Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE) - si forniscono le seguenti informazioni.

I dati personali forniti dai candidati sono raccolti dal Ministero della giustizia, titolare del trattamento, per le finalità di gestione della procedura selettiva pubblica, sono trattati presso una banca dati automatizzata e conservati anche successivamente all’instaurazione del rapporto di lavoro. Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione. I predetti dati possono essere comunicati unicamente alle amministrazioni pubbliche direttamente interessate allo svolgimento della procedura o alla posizione giuridico-economica del candidato. L’interessato gode dei diritti del Capo III del Regolamento UE n. 2016/679 e può esercitarli con le modalità previste dal Regolamento stesso. Tali diritti possono essere fatti valere nei confronti dell'Ufficio del Gabinetto del Ministro, responsabile della procedura.

Il Responsabile per la protezione dei dati personali del Ministero è la dott.ssa Doris Lo Moro.

Articolo 10
Responsabile del procedimento

Il responsabile del procedimento di cui al presente avviso, ai sensi e per gli effetti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n. 241, e s.m.i., è la dott.ssa Federica Fiorillo, in servizio presso l’Ufficio del Capo Dipartimento per gli affari di giustizia

Articolo 11
Comunicazioni e trasparenza

Il presente avviso ed eventuali successive comunicazioni saranno pubblicati sul Portale della performance del Dipartimento della funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri e sul sito istituzionale dell’amministrazione, all’indirizzo www.giustizia.it, nella sezione Strumenti » Interpelli » Interpello presidente OIV.

Le comunicazioni individuali saranno effettuate a mezzo posta elettronica e indirizzate ai contatti forniti nella domanda di candidatura di cui all’art. 7.

Il decreto di nomina, il curriculum professionale e il compenso saranno pubblicati sul sito istituzionale dell’Amministrazione, ai sensi della normativa vigente.

Roma, 29 ottobre 2019

Il Capo di Gabinetto
Fulvio Baldi