salta al contenuto

Hai cercato:
  • argomento:  minori  Annulla la faccetta selezionata
  • tipo di documento:  monitoraggio  Annulla la faccetta selezionata

Torna indietro

Monitoraggio sulla tossicodipendenza minorile - Scheda di sintesi (2000)

Il fenomeno dell'abuso e della dipendenza da sostanze psicotrope è in evoluzione: difficile trovare tra gli utenti delle strutture della giustizia minorile un tossicodipendente "classico" come diffuso fino agli anni '80, e cioè eroinomane e con scarsa integrazione sociale. Tuttavia il problema attualmente è forse più insidioso, in quanto nascosto e socialmente sottovalutato.

Nei soggetti in carico ai servizi penali minorili la tossicodipendenza può notevolmente complicare il quadro personale e prognostico del singolo soggetto. Pertanto, viene prodotto ogni anno un monitoraggio del fenomeno dell'abuso e della dipendenza da sostanze psicotrope in tali soggetti, nel quale sono raccolte le seguenti informazioni: numero, sesso, nazionalità, sostanze utilizzate, frequenza e modalità di consumo, situazione legale. Vengono, inoltre, sviluppate analisi relative all'evoluzione storica del fenomeno.

Sono altresì prodotte relazioni, inviate al Parlamento, relative a tutte le attività realizzate dal Dipartimento per il trattamento della dipendenza e dell'abuso di alcol e di sostanze psicotrope, ed in particolare: le principali attività istituzionali, le attività di cooperazione nazionale, le attività nell'ambito dell'unione europea, altre attività di cooperazione internazionale, le attività correnti di organizzazione e gestione dei flussi informativi.

In estrema sintesi, da queste relazioni emerge che l'impegno di questo Dipartimento si è concentrato, negli ultimi anni, sullo studio delle nuove droghe e delle diverse modalità di abuso, nonché sullo sfruttamento dei minori stranieri in relazione allo spaccio internazionale di stupefacenti. Inoltre, grosso impulso è stato dato alla formazione degli operatori, per contrastare i nuovi tipi di disagio e di devianza legati a tali fenomeni, e all'nterno dei servizi sono stati realizzati programmi di educazione alla salute, nell'ottica di una prevenzione di secondo livello e di una visione del benessere in senso socio-psico-fisico. Attraverso indagini statistiche, verifiche e valutazioni dell'attività dei servizi si è evidenziata la necessità di consolidare alcune linee operative e di studio.