salta al contenuto

La prevenzione dei suicidi in carcere - Quaderni ISSP Numero 8 (dicembre 2011)

Ministero della Giustizia
Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria

Istituto Superiore di Studi Penitenziari

Quaderni ISSP Numero 8 - La prevenzione dei suicidi in carcere
Contributi per la conoscenza del fenomeno

Dicembre 2011
 

12 - "Il suicidio in carcere: cause del fenomeno e strumenti di prevenzione”
a cura di Vincenzo Paradiso - vicecommissario di polizia penitenziaria

abstract

L’Autore si sofferma sulle molteplici cause che possono generare gli atti suicidari: disturbi psichici preesistenti la carcerazione; il rimorso per il delitto commesso; la previsione della condanna; la condanna stessa. Queste e molte altre sono le motivazioni che possono incidere sulle caratteristiche psicologiche di un individuo provocando quel tipo di “sofferenza che prevale sull’istinto di conservazione” (G.Tamburino, 2001). In ogni caso, ciascun atto autosoppressivo va considerato nella sua unicità e visto all’interno della particolare storia di vita di ogni detenuto. E’ inoltre importante comprendere in maniera adeguata come la peculiarità dell’ambiente penitenziario, in quanto istituzione dal “potere inglobante”, incida sulla personalità del singolo soggetto. Sotto il profilo della tutela della salute in carcere, l’Italia si trova ad essere vin-colata ai Patti delle Nazioni Unite, in particolare ai Patti sui diritti civili e politici, e alla Convenzione Europea sui diritti dell’uomo. In tema di prevenzione del suicidio, infine, l’Autore menziona le linee-guida dell’OMS:

  • la formazione del personale penitenziario
  • il ruolo del servizio di accoglienza per i nuovi giunti
  • l’attività di osservazione prolungata nel tempo, da parte di tutto il personale coinvolto
  • la comunicazione efficace degli indicatori di rischio, tra le varie professionalità
  • la creazione di forme stabili e formalizzate di raccordo con i servizi psichiatrici del territorio

Alla luce di quanto rappresentato, la prima strategia d’intervento viene offerta pertanto dall’integrazione operativa tra i servizi, l’Amministrazione Penitenziaria, le Asl, gli Enti Locali e il Volontariato.


INTRODUZIONE

Il crescente numero di suicidi all’interno degli istituti di pena italiani, oltre a rappresentare un episodio altamente drammatico sotto il profilo umano, costituisce un dato allarmante, considerata l’attuale condizione di sovraffollamento delle carceri, per le implicazioni relative alla gestione delle persone detenute e alla salvaguardia della loro integrità psico-fisica da parte delle Istituzioni cui esse sono affidate. Il problema in questione si pone sin dal momento in cui una persona, facendo ingresso in istituto, viene privato della libertà rimanendo pur sempre titolare di tutti gli altri diritti riconosciuti dalla Carta Costituzionale, primi fra tutti il diritto alla vita ed alla salute che devono essere tutelati indipendentemente dal contesto in cui la persona viene a trovarsi. Pertanto, l’Amministrazione Penitenziaria oltre a perseguire i fini istituzionali, cioè assicurare la sicurezza, l’ordine, la disciplina e al contempo favorire, attraverso il trattamento rieducativo, il reinserimento sociale della persona reclusa, ha l’obbligo di garantire la tutela della salute della popolazione detenuta.

E’ questa la ratio che ha ispirato l’istituzione del “Servizio Nuovi Giunti”, rimodulato e ampliato successivamente con il “Servizio di Accoglienza”, consistente in un presidio psicologico, che si attiva nei primissimi momenti del-l’ingresso in carcere, al fine di individuare per tempo i soggetti che presentino un rilevabile rischio di suicidio dovuto all’impatto, ed al conseguente disagio, con l’ambiente penitenziario. La detenzione implica, infatti, per il soggetto recluso, una serie di rinunce materiali rispetto alla vita nel mondo libero e il venir meno di quei riferimenti esterni sociali e familiari, che sono acuite dal vivere in una struttura rigidamente organizzata e caratterizzata da continue tensioni e situazioni conflittuali che la convivenza coatta con gli altri ristretti inevitabilmente comporta.

Naturalmente diverse possono essere le cause, le motivazioni che spingono a compiere un gesto così estremo come quello del suicidio: possono dipendere da disturbi psichici già esistenti o evidenziatesi nel corso della detenzione, o possono essere al contrario la strutturazione di una risposta di tipo psicotico ad eventi, particolarmente psico-traumatizzanti, quali la carcerazione, il rimorso per il delitto commesso, la previsione di condanna, la condanna stessa. In ogni caso si tratta di un atto che “dichiara - senza ambiguità, senza alternative - che la sofferenza è stata più forte dell’istinto di conservazione”.[1]

LA TUTELA DELLA SALUTE IN CARCERE

Alla tutela della salute si riferiscono, a livello internazionale, tutta una serie di disposizioni che hanno cura di definire l’ambito dei c.d. diritti naturali dell’uomo. Per quanto riguarda il nostro sistema giuridico, l’Italia si trova ad essere vincolata ai Patti delle Nazioni Unite, nello specifico ai Patti sui diritti civili e politici, e alla Convenzione europea sui diritti dell’uomo. La Convenzione all’articolo 3 dispone che nessuno può essere sottoposto “a tortura né a pene o trattamenti inumani e degradanti”.

La giurisprudenza interpretativa sia della Corte Europea, che della Commissione europea dei diritti dell’uomo, ha concorso a specificare tale dettato normativo. In generale si può affermare che un trattamento inumano o per lo meno degradante ha luogo quando le condizioni di svolgimento dell’esecuzione della pena sono tali da affievolire il diritto naturale dell’uomo ad una vita dignitosa. Nel 1987 il Consiglio d’Europa ha adottato le c.d. Regole minime europee in materia penitenziaria, un complesso di disposizioni specificamente rivolte all’ambito penitenziario, oggetto di una raccomandazione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, che non vincola i paesi membri alla sua osservanza ma sancisce solo un obbligo morale al loro rispetto.

La presenza, però, di un Comitato europeo contro la tortura e per la prevenzione dei trattamenti inumani e degradanti con funzioni ispettive (CPT), che verifica, visitando i penitenziari dei vari Paesi, le condizioni generali del sistema penitenziario, consente di

tener in debito conto le regole nella valutazione delle condizioni generali degli individui reclusi.[2]

Esse stabiliscono un livello standard di condizione detentiva della popolazione ristretta, che funge da parametro integrativo dei vari regolamenti penitenziari nazionali.

La finalità è di stabilire una base di regole minime su tutti gli aspetti dell’Amministrazione Penitenziaria “che siano essenziali per assicurare delle condizioni umane di detenzione e un trattamento positivo”. Nel Preambolo, si prospetta, inoltre, la possibilità di una evoluzione di tali norme, attraverso l’impegno a “definire criteri di base realistici, che permettano alle Amministrazioni Penitenziarie di giudicare i risultati ottenuti e di misurare i progressi in funzione di più elevati standard qualitativi” nella dichiarata convinzione che l’ambiente e le condizioni personali sono determinanti nei progetti trattamentali di rieducazione. [3]

Lo stato di detenzione crea, infatti, esigenze e limiti peculiari, che da un lato costituiscono una limitazione dello status generale di cittadino e dall’altro sono il presupposto per la operatività di un sottosistema particolare, in cui si pongono speciali doveri e diritti dell’individuo e dell’autorità. La restrizione della libertà finisce con il limitare le scelte di vita individuale e rende il soggetto assolutamente dipendente dall’Amministrazione Penitenziaria per l’appagamento di molte esigenze fondamentali.

Responsabilità dell’Amministrazione è quella di provvedere alle esigenze del soggetto ristretto, in modo rispondente alla situazione e ai suoi bisogni, anche di fronte alla società. Rientra in tale ambito il diritto alla salute del soggetto ristretto, che costituendo diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività, deve essere tutelato in ogni caso, anche nel momento in cui lo Stato esercita i suoi poteri coercitivi nei confronti di coloro che, a seguito di violazione delle norme penali, sono privati della libertà personale. Tale tutela avviene nel contesto sociale dove la personalità dell’individuo trova espressione, e l’istituto penitenziario, concretizzandosi in una formazione sociale, é il luogo in cui il detenuto esplica la propria personalità. Il detenuto, pertanto, quando fa il suo ingresso in carcere, “serba intatta la titolarità e la facoltà di esercitare tutti quei diritti che non siano concretamente in contrasto con la privazione della libertà” [4].

Proprio l’articolo 27, comma 3, della Costituzione, disponendo che “le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”, sottolinea l’inviolabilità della vita e dell’integrità psico-fisica del condannato. Conseguentemente la garanzia della tutela della salute psico-fisica e sociale diventa basilare, costituendone la condizione imprescindibile per qualsiasi attività di recupero e reinserimento sociale delle persone in stato di detenzione. Quindi la pena deve essere attenta ai bisogni umani del condannato in vista del suo possibile reinserimento sociale, e fra i bisogni “umani” primari necessariamente deve essere contemplata, appunto, la tutela del diritto alla salute. Il trattamento potrà essere positivo solo se s’inserisce in uno stato di benessere psico-fisico. L’assistenza sanitaria del detenuto, in tal senso, si pone come attività strumentale e si qualifica rispetto alla funzione di trattamento e di sicurezza.

SIGNIFICATO DEL SUICIDIO IN CARCERE

Il suicidio è spesso la causa più comune di morte nelle carceri, con una percentuale tra 15 e 18 [5] volte più frequente nella popolazione detenuta rispetto a quella generale. Ogni suicidio naturalmente fa storia a sé, ovvero contiene elementi non generalizzabili e non interamente e immediatamente riducibili a una tipologia, inoltre ogni suicidio rimanda a motivazioni e dinamiche, circostanze e fattori di agevolazione che sfuggono, in parte, a qualunque ricostruzione e a qualunque analisi. Una prima considerazione generale è che “le cause dei suicidi sono tante quanti sono i suicidi. Può sembrare un’ovvietà, ma non se ne può prescindere: l’unicità e l’indecifrabilità delle motivazioni che determinano la decisione di togliersi la vita tanto più all’interno di un universo chiuso come il carcere - non sono affrontabili con gli strumenti, inevitabilmente grossolani, di cui disponiamo”[6].

In ogni caso l’atto autosoppressivo pone l’istituzione di fronte alla propria impotenza, in quanto il detenuto cessa di essere un recluso per affermarsi, attraverso la radicale negatività del gesto, come essere umano. I suicidi rappresentano, pertanto, una forma drammatica e disperata di una comunicazione che non ha trovato risposta. Nel carcere siamo in presenza della “nuda vita”, cioè di individui che nella gran parte dei casi sono titolari solo ed esclusivamente della loro vita, ed è per questo che per comunicare possono arrivare, nei casi estremi, al suicidio.

L’influenza in qualche modo sconvolgente che l’ambiente carcerario esercita sull’individuo è la fonte originaria cui bisogna risalire per comprendere i meccanismi che s’innescano nella mente di una persona costretta a confrontarsi con un mondo conosciuto e promiscuo. Da molti soggetti il carcere viene vissuto solo come un’imposizione di regole rigide e di nuovi codici di comportamento, come quel luogo in cui ogni idea del futuro diviene improponibile ed il presente, privo di avvenimenti, diventa un susseguirsi di gesti ripetitivi. Può accadere allora che il detenuto, in questa condizione di solitudine e di isolamento, maturi l’idea di uccidersi. Il suicidio viene dunque inteso come una fuga di fronte ad una situazione che sembra non presentare alcuno spiraglio di salvezza.

Il recluso in questo modo evade dal carcere attraverso una fuga dalla sua stessa vita.

In altri casi il recluso matura un senso di colpa per il crimine commesso, così il suicidio diventa un castigo, un modo per espiare la colpa. Può anche accadere che il gesto di togliersi la vita non abbia come in questi due casi un carattere liberatorio, ma dimostrativo. Così il recluso attenta alla propria vita per suscitare un senso di colpa negli altri. Egli, inserito in un contesto che l’opinione pubblica tende a disprezzare, se non ad ignorare, si vede dimenticato dalle istituzioni, dalla popolazione libera e molto spesso dalla stessa famiglia. Per comprendere in maniera adeguata come le particolarità dell’ambiente penitenziario vadano ad incidere sulle caratteristiche psicologiche di un individuo, esse devono essere esaminate nel contesto più ampio delle istituzioni totali. Queste ultime possono essere definite come un “sistema chiuso, soggetto ad un potere inglobante, in cui vi sia impedimento allo scambio sociale e all’uscita verso il mondo esterno: il suo carattere inglobante è continuo, permanente, non poroso, soggetto ad un potere” [7]. Rientrano nel-l’ambito delle istituzioni totali, oltre al carcere, ad esempio l’ospedale psichiatrico giudiziario, il collegio, la caserma.

La giornata, all’interno del carcere, è regolamentata scrupolosamente in ogni suo momento, per ogni azione è previsto, infatti, un orario ben preciso. Tutto ciò viene imposto in modo coercitivo senza tenere in considerazione le varie esigenze delle persone che obbligatoriamente si trovano a vivere all’interno di questi spazi [8]. Quanto detto è però necessario per assicurare il mantenimento dell’ordine e della disciplina negli istituti penitenziari, anche se imponendo valori e abitudini comuni a tutti, annulla le differenze individuali nei detenuti e l’identità negli stessi entra in crisi. Il detenuto, infatti, pur garantito negli aspetti più materiali della sua esistenza, da un punto di vista umano viene completamente privato degli stimoli emotivi. Durante la detenzione il soggetto viene sradicato dal suo contesto e viene costretto a restare lontano dagli affetti, dalla casa, dal lavoro, e obbligato ad abbandonare totalmente tutti quegli elementi che costituivano il suo progetto di vita.

L’isolamento del detenuto dalla società, la carenza di positivi contatti interpersonali e l’influenza della cultura carceraria, cioè di quella subcultura che si sviluppa tra gli appartenenti alla comunità dei detenuti, al di fuori dalle regole penitenziarie, porta il detenuto ad un progressivo adattamento alla comunità carceraria, che in termini sociologici è stato definito da Clemmer, come “processo di prigionizzazione”.[9] Tale termine descrive un processo lento e graduale di adeguamento del soggetto ai costumi, alla cultura e al codice d’onore del carcere.

I gradi di adattamento sono rappresentati dalla misura in cui il detenuto aderisce ai modelli forniti dalla cultura carceraria, vale a dire dalla sua sensibilità, dalla cultura che a sua volta dipende dal tipo di relazioni che aveva avuto prima dell’incarcerazione, nonché dalla sua personalità. L’accettazione di un ruolo inferiore, l’acquisizione di dati relativi all’organizzazione della prigione, lo sviluppo di alcuni nuovi modi di mangiare, vestire, lavorare, dormire, l’adozione del linguaggio locale, il riconoscimento che niente è dovuto all’ambiente per 1a soddisfazione dei bisogni, e l’eventuale desiderio di un buon lavoro sono aspetti della prigionizzazione che possono essere riscontrati in tutti i detenuti. Le esigenze di ordine, di controllo e di sicurezza inducono l’Istituzione Penitenziaria a ricercare ed alimentare l’uniformità degli atteggiamenti e dei comportamenti dei detenuti, attraverso l‘imposizione di “valori” comuni che sono i prodotti delle finalità e delle funzioni carcerarie. Il processo di “prigionizzazione”, invece, alimenta e approfondisce l’antisocialità del detenuto, rendendolo sempre più estraneo alla società civile e sempre più aderente alla subcultura della comunità del carcere. Il carcere costituisce, quindi un importante fattore di insorgenza della recidiva, per la prevalenza della funzione criminogenetica e la carenza di quella rieducativa che si manifesta soprattutto nell’assenza di stimoli e di opportunità. Durante la detenzione la personalità del soggetto subisce una “disorganizzazione”, in quanto si trova privata di tutti quei sostegni, quegli status che avevano caratterizzato la sua vita all’esterno. Lo sradicamento dalla famiglia, la perdita del ruolo genitoriale, o comunque del ruolo familiare, la mancanza di compagnia femminile e il desiderio sessuale, rappresentano per la maggioranza dei detenuti gli elementi più angosciosi della detenzione, che contribuiscono a minare l’identità del detenuto nella sua più profonda strutturazione.

Queste sono le manifestazioni più dolorose sulle quali è necessario intervenire non solo farmacologicamente, ma soprattutto psicologicamente, poiché in questa momento il soggetto, sentendosi perso, può andare incontro ad improvvisi gesti autolesivi. Il disturbo si trasforma poi in depressione caratterizzata dal ritiro in se stessi, la paura è sostituita dallo sconforto. Alle stesse conclusioni era giunto Durkheim [10] quando affermava che il suicidio è direttamente proporzionale alla disgregazione sociale, cioè alla solitudine o all’emarginazione dell’individuo, infatti, “a detta di molti detenuti chi si uccide non è stato aiutato, non ha trovato sulla sua strada operatori e strutture in grado di supportarlo” [11].

IL TRAUMA DA INGRESSO IN CARCERE

L’ingresso in carcere costituisce per il detenuto un momento di smarrimento, confusione, inquietudine che viene, generalmente, descritto negli studi del caso come “trauma da ingresso”. L’impatto con l’istituzione penitenziaria, in particolare per coloro che non hanno avuto precedenti esperienze di detenzione, può essere lo stimolo scatenante, per una serie di sintomi come ansia, paura, senso di frustrazione, depressione, cioè di una complessa catena sintomatologica sia sul versante fisico che psichico. Il trauma da ingresso in carcere può diventare tanto più forte quanto maggiore è il divario fra il tenore di vita condotto in libertà e quello carcerario.

Ciò vale soprattutto per i reati commessi dai cosiddetti “colletti bianchi”. I primi giorni della detenzione sono in assoluto il momento a più elevato rischio suicidario, in particolare se la persona è entrata in carcere per la prima volta, oppure è tossicodipendente, oppure è accusata di reati infamanti, come la pedofilia o di omicidi in famiglia. In qualche caso, è sufficiente che dal- l’esterno pervenga una notizia dolorosa, quale l’abbandono da parte del partner o della famiglia, perché un equilibrio, probabilmente già precario e ulteriormente destabilizzato dall’incarcerazione, sia definitivamente compromesso e porti alla decisione di farla finita. Sono maggiormente a rischio, come detto in precedenza, i detenuti giovani che, entrando in carcere per la prima volta non hanno conoscenza degli stili di vita e delle regole che attengono la detenzione e sono, in un certo senso, completamente alieni rispetto a un sistema di gerarchie, di relazioni e di prassi che evidentemente sono spesso non facilmente comprensibili.

Hanno alle loro spalle una carriera criminale esigua e sono ancora “giudicabili”, non sono “definitivi”, proprio perché chi è definitivo, e quindi si trova in carcere da anni, è una persona che in qualche modo quell’impatto iniziale, quel trauma iniziale lo ha già superato, lo ha già metabolizzato ed è capace di stare in quell’ambiente.

La capacità di adattamento è, infatti, generalmente superiore in un soggetto con precedenti esperienze detentive, o che riesce a trovare nel carcere punti di riferimento in altri detenuti, perché appartenenti alla stessa organizzazione criminale o perché dello stesso paese o regione.

In quest’ottica si può affermare che l’ingresso in carcere costituisce, in ogni caso, un evento esistenziale stressante che può comportare nel soggetto detenuto “delle reazioni che vanno da un disturbo di adattamento per arrivare a sviluppare, a volte, un vero e proprio disturbo traumatico da stress”[12].

Bisogna tener conto, infatti, che quelli che nella popolazione libera sono indicati come fattori di rischio di suicidio (precedenti tentativi di suicidio, disturbi psichici, tossicodipendenza, emarginazione sociale) sono elementi maggiormente rappresentati nella popolazione detenuta. Il primo impatto con il carcere, infatti, può essere lo stimolo scatenante, per una serie di sintomi come ansia, paura, senso di frustrazione, depressione, cioè di una complessa catena sintomatologica sia sul versante fisico che psichico. Tra i disturbi d’ansia di più frequente riscontro ci sono l’ansia di separazione (da figure e/o ambienti familiari significativi); l’ansia reattiva da perdita (lutto, danno economico, perdita del prestigio sociale); l’ansia da crisi d’identità (messa in discussione del ruolo sociale, l’immagine dell’Io reale ed ideale con sentimenti depressivi, di colpa-vergogna, indegnità, inadeguatezza, sino alla accettazione di una vera e propria identità negativa).

Il disturbo può degenerare poi in depressione caratterizzata da angoscia, oppressione e dal ritiro in se stessi, “tanto che, spesso, sarebbe necessario intervenire non solo farmacologicamente, ma soprattutto con un sostegno psicologico, poiché il soggetto, sentendosi perso, può andare incontro ad improvvisi gesti suicidari e autolesivi” [13]. La capacità di reagire a questa forma di depressione dipende anche dalla personalità del soggetto recluso, dalle risorse individuali e dal sostegno della famiglia che lo stesso è in grado di avere. Oltre, alla fase dell’ingresso in carcere, si possono distinguere altri momenti di disagio, correlati al cambiamento della posizione giuridica del detenuto, ossia il processo, e l’esecuzione della condanna [14]. In ciascuna fase il gesto suicida può essere la conseguenza di motivazioni particolari, soprattutto legate alla perdita di speranza e paura del futuro, come nel caso di condanna ad una lunga pena detentiva. Infine, da sottolineare il paradosso del suicidio di detenuti prossimi al fine pena quale conseguenza della perdita della facoltà di autodeterminarsi. L’entrata e l’uscita dal carcere sono, infatti, due momenti particolari che, di per sé, possono generare reazioni patologiche d’ansia o alterazioni della condotta in una sintomatologia complessa che comprende sia il versante fisico che il versante psichico. Da qualche settimana a qualche mese prima del rientro in libertà, si verifica, infatti, la cosiddetta “sindrome dell’uscita” caratterizzata da sintomi psichici e comportamentali quali angoscia, depressione che possono comportare possibili atti suicidari. L’equilibrio dell’adattamento al carcere viene meno poiché, spesso, le prospettive all’esterno non sono rassicuranti e pongono nuovamente il soggetto di fronte alla precarietà della propria esistenza.

La ragione kafkiana è forse nella “paura di affrontare le difficoltà, una volta fuori spaventa il ritorno in una società dove si è soli, tra legami familiari ormai spezzati e la ricerca proibitiva di un lavoro” [15]. Di contro, i suicidi sono meno frequenti quando i detenuti intravedono la possibilità di un futuro, come nel caso dello svolgimento di attività utili per il dopo pena: un corso di formazione, un lavoro intramurario, ecc. [16]

LE LINEE GUIDA DELL’OMS PER LA PREVENZIONE DEL SUICIDIO IN CARCERE

La prevenzione del suicidio nel contesto detentivo esige soprattutto la presenza di condizioni di vita accettabili, il riconoscimento nonché la necessità di farsi carico dei problemi di natura psichiatrica, il controllo sui fattori di rischio personali e ambientali accentuati da un contesto rigorosamente organizzato e fortemente spersonalizzante. In tale ottica, il suicidio è indicativo delle difficoltà nelle quali l’Amministrazione Penitenziaria è chiamata ad adempiere il mandato istituzionale di tutela della salute e della sicurezza dei soggetti in esecuzione pena e rappresenta un fattore disfunzionale di profondo stress sia per gli operatori penitenziari che per i detenuti. Determinante è pertanto il possesso da parte degli operatori tutti, anche dei volontari che possono esercitare un ruolo di irrinunciabile supporto per l’Amministrazione, della capacità di riuscire ad individuare le cause che inducono a gesti autoaggressivi e della competenza a saper riconoscere i segnali di un disagio, sovente non comunicabile e non comunicato, caratterizzato dall’autoisolamento e dalla perdita di prospettive.

A questo riguardo si evidenzia che, nel corso degli anni, oltre alle Istituzioni deputate alla gestione dell’esecuzione penale, anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha cercato di individuare gli strumentale essenziali per la realizzazione di un programma di prevenzione e di intervento finalizzato a prevenire o, comunque, ridurre il numero dei suicidi in ambito carcerario, ciò in relazione al complesso insieme di fattori di natura soggettiva ed oggettiva che possono influenzare l’evento suicidario, individuando quali fattori di particolare criticità:

  • il periodo iniziale della detenzione, come momento che, a causa dell’isolamento, dell’impatto con la struttura, dell’incertezza per il futuro, richiede una speciale attenzione nelle procedure di accoglienza, in particolare nel riconoscimento di alcuni segnali che possono essere indice di un maggiore rischio di suicidio quali la condizione di tossico o alcool dipendenza; la presenza di manifestazioni di disperazione, paura, depressione, presenza di problemi di natura mentale o di comportamenti insoliti, condizioni di isolamento, verbalizzazione di pensieri suicidari;
  • il corso della detenzione, in conseguenza di conflitti con altri detenuti o con l’Amministrazione, per problemi familiari, separazioni, a seguito di eventi negativi di carattere giudiziario, come nel caso di rigetto di istanze, che si configurano come fattori di stress ulteriore con conseguenze sull’equilibriopsicofisico del soggetto determinando reazioni emotivo-comportamentali quali gli sbalzi di umore, crisi di pianto, insonnia, apatia, perdita di interesse in attività e/o relazioni, rifiuti di cure, richieste maggiori di farmaci;
  • i fattori psicosociali, ascrivibili alla storia personale familiare del soggetto a seguito della mancanza di supporto familiare e sociale, per precedenti comportamenti autolesionistici, della presenza di disturbi psichiatrici, problematiche di natura emotiva, isolamento affettivo e sociale derivante dalla detenzione;
  • i fattori situazionali, che possono determinare particolari criticità o momenti di solitudine ed isolamento dovuti ad applicazione di particolari regimi di detenzione quali l’isolamento, a condizioni di particolare invivibilità come nel caso di sovraffollamento della popolazione detenuta, concentrazione in ambito detentivo dei soggetti vulnerabili più a rischio (tossico e/o alcool dipendenti, con disturbi psichici o portatori di storie personali di violenza, ecc.), mancanza di un adeguato programma di ascolto e monitoraggio del livello di stress dei detenuti finalizzato all’identificazione delle situazioni di rischio acuto, assenza di un sistema di collaborazione con i servizi di igiene mentale del territorio, finalizzato all’attuazione di interventi rapidi e mirati nei confronti dei soggetti a più alto rischio.

Alla luce delle suddette considerazioni, l’OMS suggerisce un programma con l’obiettivo di prevenire e ridurre il fenomeno suicidario i cui punti chiave sono:

  • la formazione del personale penitenziario, mediante corsi di aggiornamento con frequenza almeno annuale, rivolti in particolare al personale appartenente al Corpo della Polizia Penitenziaria che è presente nell’arco delle ventiquattro ore, e costituisce la prima linea di difesa nella prevenzione del suicidio;
  • la presenza di un servizio accoglienza per i nuovi giunti, nel contesto di una valutazione medico psicologica condotta da professionisti secondo specifici  protocolli, con una procedura di trasmissione delle informazioni acquisite a tutto il personale interessato, al fine di assicurare la valutazione del rischio  e sollecitare, se necessario, un ulteriore intervento da parte di altri operatori, in particolare quelli del servizio psichiatrico;
  • un’attività di osservazione protratta nel tempo da parte di tutto il personale coinvolto, con chiara definizione del ruolo dei diversi operatori e con  particolare attenzione ai segnali di disagio psichico e/o volontà suicidaria, al comportamento tenuto durante i momenti di socialità per individuare  problematiche di convivenza e relazione con i compagni di detenzione, a eventuali conflittualità emerse nei colloqui con i familiari, ecc.;
  • una comunicazione efficace dei segnali comportamentali, che possono essere indicatori di rischio suicidario, tra le varie professionalità che a diverso titolo hanno contatti con il detenuto;
  • la creazione di forme stabili e formalizzate di raccordo con i servizi psichiatrici del territorio, soprattutto in presenza di risorse di personale di supporto socio-psicologico non sufficienti rispetto ai bisogni espressi dalla popolazione detenuta.

La prima strategia possibile è quindi quella di una buona integrazione dei servizi, Amministrazione Penitenziaria, Asl, operatori degli enti locali e del volontariato devono poter svolgere la propria attività in un contesto caratterizzato dagli strumenti tipici del lavoro di rete, con momenti sia formali che informali di controllo e scambio di informazioni e conoscenze. La presenza di servizi in rete consente, di fatto, di moltiplicare le occasioni di ascolto e di intercettazione del disagio, oltre a rendere omogenei e tra loro congruenti gli interventi possibili, potenziandone l’idoneità e l’efficacia.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

  • ANDREANO R., “Tutela della salute e organizzazione sanitaria nelle carceri: profili normativi e sociologici”, in www.ristretti.it .
  • BACCARO L, F. MORELLI, “In carcere: del suicidio ed altre fughe”, Logos edizioni, 2009.
  • CANEPA M., MERLO S., Manuale di diritto penitenziario, Giuffrè 2010.
  • CLEMMER D., “La comunità carceraria”, Giappichelli editore, Torino.
  • DURKHEIM E., “Il suicidio. Studio di sociologia”, Rizzoli editore, 2007.
  • GOFFMAN E., “Asylums. Le istituzioni totali: i meccanismi dell’esclusione e della violenza”,Einaudi, Torino.
  • MANCONI L., “Suicidi e atti di autolesionismo”: i dati di una ricerca, Golem, n. 1, 2003 su www.ecn.org .
  • MATTONE A., responsabile carceri della Campania per la Comunità di Sant’Egidio, in www.ladiscussione.com .
  • SERRA C., “Il castello, S. Giorgio e il drago”, Seam, Roma.


NOTE

nota 1 Giovanni Tamburino (2001) all’epoca Direttore del Centro Studi e Ricerche del D.A.P. in . Baccaro, F. Morelli, “In carcere: del suicidio ed altre fughe”, pag. 85, Logos edizioni, Padova 2009.26.06.1997, Vacco contro Quill, in Foro it. 1998, VI, 76.

nota 2 R. Andreano, “Tutela della salute e organizzazione sanitaria nelle carceri: profili normativi e sociologici”, in www.ristretti.it.

nota 3 R. Andreano, “Tutela della salute e organizzazione sanitaria nelle carceri: profili normativi e sociologici”, in www.ristretti.it.

nota 4 M. Canepa, S. Merlo, Manuale di diritto penitenziario, Giuffrè 2010.

nota 5 L. Baccaro, F. Morelli, “In carcere: del suicidio ed altre fughe”, Logos edizioni, 2009.

nota 6 L. Manconi, “Suicidi e atti di autolesionismo”: i dati di una ricerca, Golem, n. 1, 2003 su www.ecn.org .

nota 7 E. Goffman, “Asylums. Le istituzioni totali: i meccanismi dell’esclusione e della violenza”,Einaudi, Torino.

nota 8 C. Serra, Il castello, S. Giorgio e il drago, Seam, 2002.

nota 9 D. Clemmer, “La comunità carceraria”, Giappichelli editore, Torino.

nota 10 E. Durkheim, “Il suicidio. Studio di sociologia”, Rizzoli editore, Milano, 2007.

nota 11 L. Baccaro, F. Morelli, In carcere: del suicidio ed altre fughe, Logos edizioni, 2009.

nota 12 L. Baccaro, F. Morelli, “In carcere: del suicidio ed altre fughe”, Logos edizioni, 2009.

nota 13 L. Baccaro, F. Morelli, “In carcere: del suicidio ed altre fughe”, Logos edizioni, 2009.

nota 14 L. Baccaro, F. Morelli, “In carcere: del suicidio ed altre fughe”, pag. 82, Logos edizioni, Padova 2009.

nota 15 A. Mattone, responsabile carceri della Campania per la Comunità di Sant’Egidio, in www.ladiscussione.com.

nota 16 L. Baccaro, F. Morelli, “In carcere: del suicidio ed altre fughe”, pag. 85, Logos edizioni, Padova 2009.