salta al contenuto

Stalking (2011)

  • pubblicato nel 2015
  • autore: Antonella Paloscia
  • ricerche criminologiche
  • Ufficio Studi, ricerche, legislazione e rapporti internazionali
  • licenza di utilizzo: CC BY-NC-ND

Titolo:
STALKING 

E’ una ricerca-intervento in prosecuzione del progetto S.O.Cr.A.TE.S., realizzata dalla Seconda Università di Napoli (responsabile scientifico: prof.ssa A. C. Baldry) in collaborazione col DAP,  nei penitenziari di Lecce e S. Maria Capua Vetere.

Finalità: 
  • intervistare un campione di soggetti condannati per stalking (art. 612-bis c.p)  ed altri reati connessi al fine di individuare il miglior percorso trattamentale in termini di efficacia per la riduzione della recidiva. 
  • stimolare e sostenere percorsi di gestione della rabbia nelle dinamiche interpersonali
Metodo e risultati:
Esame documentale e intervista dei ristretti nelle sezioni cd “protette” per i sex offenders utilizzando strumenti psicodiagnostici  ( THAIS - Threat Assessment of Intimate Stalking e SARA-Spousal Assault Risk Assessment  validato grazie a ricerche finanziate col programma europeo Daphne)  per una adeguata valutazione del rischio di recidiva nei casi di: 
  • violenza interpersonale fra partners
  • comportamenti persecutori. 
L’intervento dei ricercatori, insieme all’equipe del carcere, ha portato risultati significativi per il trattamento dei detenuti che hanno partecipato al programma, soprattutto in termini di
  • maggiore consapevolezza sulla lesività delle condotte agite sul partner
  • maggiore disponibilità a partecipare agli incontri con gli operatori e stimolo ad affrontare le situazioni conflittuali con maggiore senso di responsabilità.