salta al contenuto

Sartoria San Vittore - I modelli primavera - estate 2018

25 maggio 2018

Sartoria San Vittore - Primavera estate 2018

Righe, cerchi e altre variazioni optical, impalpabili texture monocolore, tuniche che svelano inaspettati plissé soleil, dettagli, intarsi e rifiniture con tessuti riciclati,  impreziositi dal lavoro artigianale. La collezione primavera-estate della Sartoria San Vittore conferma la vocazione del brand per uno stile adatto a donne di ogni taglia ed età e destinato a conservare la sua originalità nel tempo, coerentemente con l’etica del socially made in Italy, il progetto che coinvolge diverse realtà imprenditoriali operanti in istituti di pena e di cui la Sartoria è capofila.
I trenta nuovi modelli proposti dalla linea, nata dalla collaborazione tra la Cooperativa Alice e la stilista Rosita Onofri e realizzati dalle donne detenute dell’istituto milanese, arricchiscono, infatti, e non sostituiscono quelli delle precedenti collezioni che si possono acquistare nella boutique di Via San Gaudenzio Ferrari, 3 a Milano.

La Cooperativa Alice, nata all’interno del carcere di San Vittore con l’intento di dare uno sbocco lavorativo alle donne con una formazione sartoriale, si avvale oggi di tre laboratori: il primo nella sezione femminile di San Vittore, il secondo nel carcere di Bollate, il terzo presso la sede operativa esterna al carcere in via Gaudenzio Ferrari, dove vengono confezionati prodotti tessili per aziende, negozi di abbigliamento e della casa.

Per l’impegno nel campo della promozione umana, Luisa della Morte, responsabile di Cooperativa Sociale Alice, ha ricevuto nel marzo scorso la menzione speciale Premio Europeo Donna Terziario, destinato da Confcommercio Milano alle imprenditrici che si sono maggiormente distinte per la loro attività.

â–ºI prodotti in vetrina