salta al contenuto

Permessi premio

aggiornamento: 19 febbraio 2018

Previsti dall’art. 30-ter dell’ordinamento penitenziario (L.354/1975), sono parte integrante del programma di trattamento e possono essere concessi dal magistrato di sorveglianza ai condannati che non risultino socialmente pericolosi e abbiano tenuto una condotta regolare per coltivare interessi affettivi, culturali o di lavoro.
La concessione dei permessi premio è ammessa nei confronti:

  • dei condannati all’arresto o a una pena non superiore ai quattro anni, anche se congiunta all’arresto
  • dei condannati alla reclusione superiore ai quattro anni che abbiano espiato almeno un quarto della pena
  • dei condannati alla reclusione per uno dei reati indicati nei commi 1,1-ter e 1-quater dell’art. 4 bis ord. penit. che abbiano espiato almeno metà della pena e, comunque, non oltre i 10 anni
  • dei condannati all’ergastolo dopo l’espiazione di almeno 10 anni

La durata di un permesso premio non può superare i 15 giorni e non possono essere concessi più di 45 giorni complessivi di permessi l’anno.
Altri limiti alla concessione di permessi sono previsti per autori di particolari reati:

  • I condannati per reati associativi (previsti dall’art. 416 bis e 630 c.p., art. 74 Dpr 309/90) possono avere i permessi premio solo se collaborano con la giustizia (art. 4 bis ord. penit., periodo 1)
  • I condannati per i delitti di cui agli articoli 289 bis e 640 del codice penale che abbiano provocato la morte del sequestrato devono aver espiato almeno i due terzi della pena o 26 anni se ergastolani (art. 58 quater comma 4 ord. penit.)
  • I condannati per altri reati gravi (commessi per finalità di terrorismo, omicidio, rapina aggravata, estorsione aggravata, traffico aggravato di droga) possono avere i permessi premio solo se non vi sono elementi tali da far ritenere la sussistenza di collegamenti con la criminalità organizzata o eversiva (art. 4 bis ord. penit., comma 1 periodo 3).

Chi è evaso oppure ha avuto la revoca di una misura alternativa, è escluso dai permessi premio per due anni. Non può averla per cinque anni chi ha commesso un reato punibile con una pena massima pari o superiore a tre anni, durante un’evasione, un permesso premio, il lavoro all’esterno o mentre si trovava in misura alternativa.
 

Riferimenti normativi