salta al contenuto

Carceri trasparenti: online la banca dati degli istituti penitenziari

24 maggio 2014

Da oggi è possibile entrare nella realtà degli istituti penitenziari attraverso la consultazione delle schede trasparenza pubblicate su www.giustizia.it.

Il progetto, fortemente voluto dal Ministro Andrea Orlando, è stato realizzato dalla Redazione del sito internet ministeriale insieme all’Ufficio Stampa del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e all’Istituto Superiore di Studi Penitenziari. Le schede consentono un accesso immediato alle informazioni sull’organizzazione, le attività e i servizi presenti in ciascun istituto penitenziario, comprese tutte quelle regole, anche le più dettagliate, che in molti casi sono specifiche di ogni struttura.

Sarà così possibile per tutti i cittadini, e in particolar modo per i familiari dei detenuti, gli avvocati e i visitatori, conoscere come raggiungere il carcere, gli orari e le modalità dei colloqui, i generi alimentari e di vestiario che possono essere portati ai reclusi, le indicazioni su come inviare e ricevere lettere, telefonate, fax, telegrammi, mail, pacchi e denaro, così come ovviamente le informazioni sulle attività e i servizi riguardanti scuola, lavoro, formazione e iniziative culturali della singola struttura. Le schede rendono immediatamente visibile la specificità di ogni istituto penitenziario e l’impegno professionale svolto all’interno dai suoi operatori, offrendo inoltre all’Amministrazione l’opportunità di una più semplice attività ricognitiva rivolta, in prospettiva, ad uniformare a livelli qualitativamente migliori la vita nelle carcere.

Le schede sono raggiungibili dal relativo pulsante posizionato sulla home page di www.giustizia.it, nonché dalla nuova versione del servizio Giustizia Map, aggiornato a seguito della revisione della geografia giudiziaria, che entro breve tempo sarà completato con i dati di tutte le 203 strutture italiane tra istituti e ospedali psichiatrici giudiziari. Il progetto contiene al momento i dati di 154 istituti. In breve tempo sarà completato con le schede delle restanti 49 strutture.