salta al contenuto

Battisti: Alfano, decisione Lula incrina efficacia leggi e trattati internazionali

31 dicembre 2010

“Esprimo profondo rammarico per la decisione assunta dal presidente Lula di non concedere l’estradizione al pluriomicida Cesare Battisti. Il ministero della Giustizia si è sempre mosso nella cornice disegnata dal diritto romano secondo cui ‘Pacta sunt servanda’. Purtroppo, questo alto principio di legalità - che non è nelle disponibilità di alcuno - è stato gravemente ignorato, incrinando così la credibilità e l’efficacia delle leggi e dei trattati internazionali. In particolare, non si comprende per quale ragione il presidente Lula eccepisca l’articolo 3 del Trattato bilaterale, secondo il quale ci potrebbe essere un aggravamento della condizione personale dell’estradando che, nel caso in esame, è stato regolarmente condannato dalla giustizia italiana perché colpevole di efferati omicidi”.

Lo afferma, in una nota, il ministro della Giustizia Angelino Alfano.