salta al contenuto

Statistiche sugli Uffici di esecuzione penale esterna

aggiornamento: 18 febbraio 2019

A partire dai dati al 31 dicembre 2018 e dai dati di flusso riferiti all’intero anno 2018, le statistiche relative all’utenza degli Uffici di esecuzione penale esterna (UEPE) sono state ridefinite con l’obiettivo di ampliare il panorama conoscitivo e di avviare un’analisi sociale del fenomeno, in termini di persone trattate oltre che di trattamenti eseguiti.

La ristrutturazione dell’indagine statistica ha avuto l’obiettivo prioritario di definire il numero complessivo delle persone adulte in area penale esterna e di analizzarne le caratteristiche, anche al fine di poter effettuare un confronto coerente con i dati degli adulti in area penale interna, detenuti negli istituti penitenziari, e con quelli dell’area penale minorile.

Le statistiche sono elaborate sulla base dei dati dell’archivio gestionale PEGASO e riguardano:

  • i soggetti in carico alla data più aggiornata,
  • i soggetti in carico nel periodo dall’inizio dell’anno fino alla data più aggiornata (dati di flusso),
  • gli incarichi pervenuti nel periodo dall’inizio dell’anno fino alla data più aggiornata (dati di flusso).

Sono considerate le principali caratteristiche personali dell’utenza, quali, in particolare, il genere, la nazionalità e la classe di età e le diverse tipologie di incarico, distinte tra:

  1. misure
  2. indagini e consulenze

Il primo gruppo considera:

  • le misure alternative alla detenzione
  • le sanzioni sostitutive
  • le misure di sicurezza
  • il lavoro di pubblica utilità
  • la messa alla prova

Il secondo gruppo fa riferimento a:

  • l’attività di consulenza per detenuti/internati
  • l’attività di indagine
  • l’attività di trattamento

Con particolare riferimento alle misure alternative alla detenzione è fornito anche il dettaglio dello stato del soggetto al momento dell’applicazione della misura.
 

Strumenti