salta al contenuto

Relazione al decreto 2 aprile 2008 - Revisione della tabella che determina il numero dei notai per ciascun distretto notarile

Il numero e la residenza dei notai per ciascun distretto sono determinati, secondo l'art. 4 della legge 16 febbraio 1913, n. 89, poi sostituito dall'art. 2 della legge 14 maggio 2005, n. 80, con decreto del Ministero della Giustizia emanato previo parere non vincolante dei Consigli notarili locali e delle Corti di appello. La legge n. 80 riduce da dieci a sette anni il periodo per la revisione ordinaria e fissa al 14 maggio 2006 la prima revisione da farsi secondo il nuovo testo; quanto ai parametri, essa riprende quelli della norma del 1913, cioè entità della popolazione, quantità degli affari, estensione del territorio, mezzi di comunicazione, rapporto tra posto notarile e abitanti, limitandosi ad aggiornare lo standard minimo di onorario professionale (da lire duemila a euro cinquantamila) e a fissare in settemila abitanti il rapporto con un posto di notaio. Si tratta di parametri indicativi, come risulta dalle espressioni "tenuto conto di" e "procurando che di regola", nel senso che si limitano ad orientare le determinazioni ministeriali come criteri di massima. D'altronde la configurazione del contesto territoriale e la tipologia dei mezzi di trasporto hanno assunto nel tempo rilievo sempre minore – come già fu rilevato per analoghi provvedimenti – considerando lo sviluppo delle strutture viarie e la frequenza di celerità dei mezzi di comunicazione. Conserva un certo significato l'entità demografica sia come differenziale nel tempo della popolazione globale sia nel rapporto fra ciascuna sede notarile e numero di abitanti soprattutto al fine di evitare la presenza di molteplici sedi laddove il rapporto sia notevolmente inferiore a 7000; ma anche questo parametro va calibrato in considerazione del volume e della qualità degli affari, perché è questo indicatore che ha assunto importanza prevalente. Infatti, la dinamica e l'articolazione dell'economia moderna, per quanto riguarda la prestazione del servizio notarile che conserva un forte connotato di personalizzazione professionale sia pure nell'ambito di moderni sistemi organizzati, pone in primo piano l'entità e il valore delle negoziazioni, per cui una diffusa, sollecita e concorrenziale risposta alla domanda di servizio pubblico acquista significato soprattutto attraverso il suddetto parametro.
Si aggiunga che – come è stato anche rilevato dalla giurisprudenza di settore – l'individuazione del numero e delle sedi notarili è senza dubbio la risultante di metodologie fondate su criteri uniformi per le scelte complessive, ma è distinta per ogni distretto, nel senso che, attuati i criteri, le modificazioni interessanti uno o più distretti sono indipendenti da quelle concernenti altri distretti.

In applicazione dell'originario art. 4 della legge del 1913, il Ministero ha avviato la procedura di revisione nel giugno 2004 per rispettare il decennio dall'ultima revisione (luglio 1997); poi, con l'entrata in vigore del nuovo testo, è stata sollecitata e realizzata la fase consultiva, è stata raccolta ed analizzata un'ampia documentazione dagli organi periferici e centrali dell'ordine notarile, oltre che dalle Corti di appello, e sono stati messi a punto i criteri orientativi per il complessivo sistema di revisione.
Il notevole lasso di tempo decorso dalla revisione del 1996, conclusasi con il decreto ministeriale 9 luglio 1997, l'aumento globale della popolazione, passata da 57,33 milioni del '96 a 58,470 milioni nel 2004 e a 59,131 milioni nel 2006, l'entità della domanda di servizio professionale soprattutto nel triennio 2002 – 2004, la molteplice e differenziata tipologia di negoziazione che per i fenomeni economici ha interessato la professione notarile, la diversa dinamica degli affari in aree geografiche dei singoli distretti hanno imposto una revisione cosiddetta ordinaria per un consistente numero di sedi (420).
Questa revisione può definirsi ordinaria perché è effettuata secondo una metodologia cui il Ministero ha fatto ricorso sin dal 1976, attraverso un atto programmatorio che, pur tenendo conto dei parametri previsti dall'art. 4, opera un bilanciamento tra vari indici. Si tratta del metodo circolare che si fonda su molteplici variabili, e cioè:

La combinazione di queste variabili consente di ottenere un reddito annuo medio di riferimento distrettuale e su questa base è stata operata la distribuzione per distretti, che è la seguente:

  • individuazione del reddito annuo medio nazionale in relazione all'ultimo triennio dall'avvio dell'istruttoria;
  • individuazione del reddito annuo minimo per notaio, la cui soglia è oggi fissata, dall'art. 4, in € 50.000 per anno;
  • individuazione del reddito annuo di riferimento, risultante dalla media tra reddito annuo minimo per notaio e reddito annuo medio nazionale;
  • individuazione del reddito annuo medio distrettuale globale nell'ultimo triennio;
  • individuazione del reddito annuo medio distrettuale per notaio nell'ultimo triennio;
  • individuazione della fascia di adattamento che costituisce un parametro convenzionale costituito da un monte spese riferibili per anno allo studio notarile e da una percentuale di adeguamento, l'uno e l'altra fissati dall'Amministrazione secondo l'esperienza media di settore.

 

Distribuzione dei notai per distretto
Corti Appello Distretti Sedi attuali Aumento da sistema circolare
Ancona 4 132 13
Bari 3 200 7
Bologna 8 437 47
Brescia 4 238 35
Cagliari - Sassari 2 106 8
Caltanissetta 2 44 0
Campobasso 1 27 0
Catania 4 171 0
Catanzaro 2 95 2
Firenze 7 360 30
Genova 4 219 7
L'Aquila 3 111 8
Lecce - Taranto 3 123 5
Messina 1 57 0
Milano 4 617 83
Napoli 4 314 13
Palermo 4 196 0
Perugia 2 72 6
Potenza 2 47 0
Reggio Calabria 2 43 0
Roma 5 571 45
Salerno 1 72 4
Torino 9 498 27
Trento - Bolzano 2 80 12
Trieste 4 118 11
Venezia 7 364 57
Totale 94 5.312 420

 

 

Con nota dell'11 ottobre 2007 il Presidente del Consiglio nazionale del notariato ha sollecitato il Ministro della Giustizia, già orientato per un cospicuo incremento delle sedi, a realizzare un'ampia revisione straordinaria, con un incremento fino a mille unità, per la molteplice finalità di un contenimento dei costi dei servizi, di un aumento di concorrenza, di nuovi posti per giovani professionisti.
La prospettiva è stata confermata nell'ultimo Congresso nazionale della categoria, tenutosi a Roma nel novembre 2007, ove il notariato ha espresso l'auspicio di un considerevole aumento delle sedi anche attraverso una revisione straordinaria, così da favorire l'inserimento di professionalità giovanili e da stimolare una fisiologica concorrenza nelle prestazioni di settore.
Sulla base di una condivisa validità di queste prospettive, soprattutto quella di reali occasioni di lavoro per giovani e bravi laureati, si è raddoppiata la quota di 420 sedi, in modo da avvicinarsi per quanto possibile alle richieste della categoria ed alle prospettate esigenze socio–economiche.
Si è constatato tuttavia che il metodo circolare innanzi descritto è inadeguato a soddisfare quelle esigenze perché conferisce analogo significato alle molteplici variabili utilizzate, ponendole sullo stesso piano valutativo; cioè non tiene conto del maggior valore che acquista, nella prospettiva suindicata, il montante differenziale reale dei singoli repertori, vale a dire la quantità degli affari; in altri termini, se è vero che anche questo parametro è presente nel metodo circolare, lo è in una combinazione di rapporti aritmetici in cui detto differenziale si attenua e si stempera, senza quel perspicuo e pregnante significato indispensabile per realizzare le esigenze sopra esposte.
Per tali motivi si è adottato un altro metodo, cioè quello della media comparata, secondo cui i nuovi posti vengono collocati, salvo il temperamento di cui si dirà in seguito, nei distretti dove la specifica media repertoriale è costantemente superiore a quella nazionale: poiché in essi l'andamento della domanda di servizio è più alta, inserirvi un maggior numero di nuove sedi garantisce meglio l'equilibrio tra domanda e offerta, in coerenza con uno dei principi cardine della concorrenza. In realtà, se si vogliono aprire effettive e reali occasioni ai giovani per un lavoro altamente qualificato e professionalmente personalizzato, occorre che la revisione interessi soprattutto i distretti ove quelle occasioni sono maggiori, fra l'altro allentando la forbice fra taluni distretti ed altri caratterizzati da una media repertoriale decisamente più bassa.
La Cassa nazionale del notariato ha rilevato in proposito che un generalizzato ricorso al metodo circolare potrebbe determinare gravi conseguenze negative, in particolare il pensionamento anticipato dei notai con sede in aree che, avendo un basso indice repertoriale, vedono aumentare i posti intradistrettuali, nonché il pericolo di consistenti esborsi di contributi integrativi laddove un aumento di sedi non giustificato dall'entità degli affari determinerebbe un consistente calo della media repertoriale.
Il metodo della media comparata, quindi, non soltanto valorizza il parametro del volume di affari ma esclude o comunque tempera in modo accettabile il pericolo che la Cassa paventa.
In concreto, è stata determinata la media repertoriale nazionale prospettica, cioè quella che risulta dividendo la media repertoriale nazionale (€114.897 in rapporto alle 5312 sedi attuali) per la somma fra le sedi oggi esistente e le nuove 840 (€ 114.897 x 5312 : 6152 = € 99.208). In funzione del differenziale risultante dal rapporto tra le medie repertoriali dei singoli distretti e la media prospettica, si determinano le sedi che si aggiungono in aumento ai singoli distretti.

Al fine di evitare squilibri distributivi nel rapporto tra abitante e posto notarile, nei distretti maggiormente interessati dall'aumento di sedi, e in linea con un altro dei criteri indicati dall'art. 4, si è adottato uno specifico temperamento: laddove l'incremento globale, quale risulta da entrambi i metodi, supera il quaranta per cento del numero di sedi anteriori, si è apportato un abbattimento del quindici per cento, che riduce il numero delle sedi risultante dal calcolo della media comparata, senza andare al di sotto della soglia del quaranta per cento; se l'incremento globale supera il sessanta per cento, la decurtazione è del venti per cento, ferma la soglia del sessanta per cento. Si tratta precisamente dei distretti di Bergamo, Brescia, Como, Trento, Padova, Treviso, Verona, Vicenza e Reggio Emilia, tutti caratterizzati da un rapporto posto – popolazione in cui gli abitanti non raggiungono le settemila unità.
Le sedi che residuano dal temperamento (47) sono distribuite, una per ciascuno, tra gli altri distretti che nel periodo considerato hanno realizzato una media repertoriale più alta, in modo da non incidere su quei distretti che maggiormente si allontanano dalla media nazionale prospettica e con esclusione di quelli interessati dall'abbattimento.
In definitiva applicando il metodo della media comparata temperata la distribuzione delle altre 420 sedi è la seguente:

 

 

Distribuzione delle sedi notarili
Corte di Appello Numero distretti Distretti Sedi Aumento da sistema circolare Aumento da media comparata Redistribuzione di 47 sedi * Totale sedi
Torino 9 Alessandria 40 3 0 1 44
Asti 18 1 0 0 19
Biella 23 0 0 0 23
Cuneo 58 4 0 1 63
Ivrea 15 1 0 1 17
Novara 56 4 0 1 61
Torino 255 12 0 0 267
Verbania 18 1 0 0 19
Aosta 15 1 0 1 17
Totali 498 27 0 5 530
Genova 4 Genova 113 2 0 0 115
Imperia Sanremo 27 1 0 0 28
La Spezia 42 2 0 0 44
Savona 37 2 0 1 40
Totali 219 7 0 1 227
Brescia 4 Bergamo 78 14 33 ** 0 125
Brescia 91 15 28 *** 0 134
Cremona 33 2 0 1 36
Mantova 36 4 2 1 43
Totali 238 35 63 2 338
Milano 4 Como 62 9 16 *** 0 87
Milano 492 68 109 1 670
Pavia 46 4 0 1 51
Sondrio 17 2 1 1 21
Totali 617 83 126 3 829
Trieste 4 Gorizia 13 1 0 1 15
Pordenone 26 4 5 1 36
Trieste 27 1 0 0 28
Udine 52 5 3 1 61
Totali 118 11 8 3 140
Trento
e Sez. Distaccata di Bolzano
2 Trento 40 7 12 *** 0 59
Bolzano 40 5 6 1 52
Totali 80 12 18 1 111
Venezia 7 Belluno 17 2 0 1 20
Padova 74 12 22 *** 0 108
Rovigo 22 2 0 1 25
Treviso 61 12 27 ** 0 100
Venezia 59 8 9 1 77
Verona 71 10 18 ** 0 99
Vicenza 60 11 25 ** 0 96
Totali 364 57 101 3 525
Bologna 8 Bologna 118 10 0 1 129
Ferrara 37 4 1 1 43
Forlì 63 8 9 1 81
Modena 68 8 8 1 85
Parma 44 4 1 1 50
Piacenza 28 2 0 1 31
Ravenna 37 5 6 1 49
Reggio Emilia 42 6 11 *** 0 59
Totali 437 47 36 7 527
Firenze 7 Arezzo 29 3 1 1 34
Firenze 163 14 0 1 178
Grosseto 26 2 0 1 29
Livorno 33 3 3 1 40
Lucca 39 3 0 1 43
Pisa 36 3 1 1 41
Siena 34 2 0 1 37
Totali 360 30 5 7 402
Ancona 4 Ancona 42 4 3 1 50
Ascoli Piceno 31 2 0 1 34
Macerata 26 3 1 1 31
Pesaro 33 4 7 1 45
Totali 132 13 11 4 160
Perugia 2 Perugia 48 5 3 1 57
Terni 24 1 0 1 26
Totali 72 6 3 2 83
L'Aquila 3 Chieti 32 1 0 0 33
L'Aquila 26 2 0 1 29
Teramo 53 5 1 1 60
Totali 111 8 1 2 122
Campobasso 1 Campobasso 27 0 0 0 27
Totali 27 0 0 0 27
Roma 5 Cassino 18 0 0 0 18
Frosinone 17 1 0 0 18
Latina 39 2 0 1 42
Roma 466 39 0 1 506
Viterbo 31 3 0 1 35
Totali 571 45 0 3 619
Cagliari
e Sez. Distaccata di Sassari
2 Cagliari 68 4 0 0 72
Sassari 38 4 1 1 44
Totali 106 8 1 1 116
Napoli 4 Avellino 24 1 0 0 25
Benevento 27 0 0 0 27
Napoli 211 8 0 0 219
Santa Maria C.V. 52 4 0 1 57
Totali 314 13 0 1 328
Salerno 1 Salerno 72 4 0 1 77
Totali 72 4 0 1 77
Bari 3 Bari 95 6 0 0 101
Foggia 59 0 0 0 59
Trani 46 1 0 0 47
Totali 200 7 0 0 207
Lecce 3 Lecce 55 2 0 0 57
Taranto 43 2 0 0 45
Brindisi 25 1 0 1 27
Totali 123 5 0 1 129
Potenza 2 Matera 16 0 0 0 16
Potenza 31 0 0 0 31
Totali 47 0 0 0 47
Catanzaro 2 Catanzaro 45 1 0 0 46
Cosenza 50 1 0 0 51
Totali 95 2 0 0 97
Reggio Calabria 2 Palmi 15 0 0 0 15
Reggio Calabria 28 0 0 0 28
Totali 43 0 0 0 43
Caltanissetta 2 Caltanissetta 25 0 0 0 25
Enna 19 0 0 0 19
Totali 44 0 0 0 44
Catania 4 Caltagirone 15 0 0 0 15
Catania 92 0 0 0 92
Ragusa - Modica 30 0 0 0 30
Siracusa 34 0 0 0 34
Totali 171 0 0 0 171
Messina 1 Messina 57 0 0 0 57
Totali 57 0 0 0 57
Palermo 4 Agrigento 38 0 0 0 38
Palermo 101 0 0 0 101
Termini Imerese 16 0 0 0 16
Trapani 41 0 0 0 41
Totali 196 0 0 0 196
Totali globali 5.312 420 373 47 6.152

 

 

* Sedi sottratte ai distretti che avrebbero subito un aumento superiore al 40% o al 60% e distribuite in ragione di una ciascuna tra gli altri distretti partendo da quelli con media repertoriale più alta.

** distretti che conseguendo in base al sistema misto adottato un aumento superiore al 60%, vedono ridotto detto aumento del 20%. La decurtazione non può andare sotto il 60%.

*** distretti che conseguendo in base al sistema misto adottato un aumento superiore al 40%, beneficiano di una riduzione del 15%, riduzione che non può andare sotto la soglia del 40%.

Roma, 28 marzo 2008 

IL CAPO DEL DIPARTIMENTO AFFARI DI GIUSTIZIA
Augusta Iannini
 
IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA
Luigi Scotti 

In conclusione, gli aumenti sono espressi dalla seguente tabella sintetica: 

Distribuzione delle sedi notarili
Corti d'Appello Distretti Sedi attuali Aumenti con il sistema circolare Aumenti con la media comparata Sedi dopo la revisione
Ancona 4 132 13 15 160
Bari 3 200 7 0 207
Bologna 8 437 47 43 527
Brescia 4 238 35 65 338
Cagliari - Sassari 2 106 8 2 116
Caltanissetta 2 44 0 0 44
Campobasso 1 27 0 0 27
Catania 4 171 0 0 171
Catanzaro 2 95 2 0 97
Firenze 7 360 30 12 402
Genova 4 219 7 1 227
L'Aquila 3 111 8 3 122
Lecce - Taranto 3 123 5 1 129
Messina 1 57 0 0 57
Milano 4 617 83 129 829
Napoli 4 314 13 1 328
Palermo 4 196 0 0 196
Perugia 2 72 6 5 83
Potenza 2 47 0 0 47
Reggio Calabria 2 43 0 0 43
Roma 5 571 45 3 619
Salerno 1 72 4 1 77
Torino 9 498 27 5 530
Trento - Bolzano 2 80 12 19 111
Trieste 4 118 11 11 140
Venezia 7 364 57 104 525
Totale 94 5.312 420 420 6.152